Papa Francesco verso la Colombia, pensando alla pace e al Venezuela

Papa Francesco in partenza per la Colombia (Ansa)
Papa Francesco in partenza per la Colombia (Ansa)

AEREO PAPALE. – Un viaggio per benedire la pace raggiunta in un Paese per anni travagliato ma anche per guardare a tutti gli altri focolai di sofferenza. Papa Francesco è partito per la sua visita apostolica in Colombia, dove arriverà verso le 23.30 ora italiana. Il suo primo pensiero, appena salito la scaletta dell’aereo, è stato per la pace. Quella in Colombia, che va a ‘suggellare’, e quella in Venezuela, ancora lontana.

“Questo viaggio è un po’ speciale perché è un viaggio per aiutare la Colombia ad andare avanti nel suo cammino di pace”, ha detto. E, nella sua prima conversazione con i giornalisti, ha aggiunto: “Vorrei dire che sul volo sorvoleremo il Venezuela: vi chiedo una preghiera anche per il Venezuela perché si possa fare il dialogo e perché il Paese ritrovi una bella stabilità con il dialogo con tutti”.

Il pontefice incontrerà i vescovi venezuelani, a margine della messa che celebrerà a Bogotà. Il Papa dunque è in volo verso Bogotà e l’aereo, si è appreso oggi, dovrà fare un tragitto diverso a quello previsto, per evitare l’uragano Irma che imperversa nell’Atlantico proprio all’altezza dell’America centrale.

Prima di lasciare Casa Santa Marta, Papa Francesco ha salutato due famiglie, composte da cinque persone, alle quali era andata a fuoco l’abitazione durante gli ultimi incendi estivi nella zona di Ponte Mammolo a Roma, e che l’Elemosineria a nome del Santo Padre sta aiutando. Dal volo invece il Papa ha inviato, come di consueto, un telegramma al Presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella per una benedizione all’Italia.

Mattarella ha risposto sottolineando che “l’Italia e la comunità internazionale guardano con grande interesse a questa missione in un Paese che ha intrapreso un cammino di pace e riconciliazione difficile ma carico di speranza”. Il viaggio del Papa in Colombia, dove resterà fino a domenica 10, è il ventesimo all’estero del suo pontificato, il quinto in America Latina.

Bergoglio è il terzo Papa a recarsi nel Paese sudamericano dopo Paolo VI nel 1968 e Giovanni Paolo III nel 1986. Troverà all’aeroporto di Bogotà ad accoglierlo il presidente della Repubblica Juan Manuel Santos Calderon, Premio Nobel per la Pace nel 2016, autore dello storico accordo con l’ex guerriglia delle Farc. Sarà un saluto di benvenuto, da parte del presidente e della consorte, mentre la vera e propria visita di cortesia al capo dello Stato è prevista domani mattina.

Dopo il benvenuto all’aeroporto, il Papa percorrerà quindi in ‘papamobile’ aperta i circa 15 chilometri verso la nunziatura apostolica, suo alloggio per tutta la durata della visita, lungo strade in cui è attesa già la presenza di centinaia di migliaia di fedeli. Dopo Bogotà, il Pontefice visiterà nei giorni seguenti anche le città di Villavicencio, Medellin e Cartagena.

Condividi: