Bannon attacca la Chiesa: “Vuole immigrazione illegale”

Dreamers
Dreamers

WASHINGTON. – Stephen Bannon, lo stratega di Donald Trump sollevato dall’incarico di consigliere del presidente, è fuori dalla Casa Bianca da qualche settimana ma non manca di far sentire la sua voce. Questa volta punta il dito contro l’immigrazione e la chiesa cattolica negli Usa che – accusa Bannon, di fede cattolica – nello sdegno manifestato verso le recenti decisioni di Trump sui ‘Dreamers’ nasconde un “interesse economico nell’immigrazione illegale senza limiti. Ha bisogno di stranieri illegali per riempire le chiese”.

E’ il ‘Bannon-shock’ che parla a tutto campo in un’intervista alla Cbs che andrà in onda domenica e di cui sono stati diffusi estratti. Il controverso stratega, che ha contribuito alla vittoria di Donald Trump nelle presidenziali, è tornato al sito di destra Breitbart dopo l’estromissione dalla West Wing, ‘licenziato’ dal presidente in un clamoroso rimpasto sotto la ‘direzione’ del nuovo chief of staff della casa Bianca John Kelly, ma non molla: “Sarò la spalla (di Donald Trump) per tutto il tempo”, anche da lontano ”i suoi nemici lo sappiano”, avverte, mentre si definisce un combattente: ”per questo vado d’accordo con Trump, anche lui è un combattente”.

Non manca poi di togliersi qualche sassolino dalla scarpa, si scaglia contro la West Wing da cui è stato estromesso ma che accusa di non difendere il presidente come dovrebbe, e fa i nomi: il consigliere economico Gary Cohn dovrebbe dimettersi dopo le critiche al presidente Donald Trump sugli scontri di Charlottesville, sostiene. ”Quando ci si schiera con qualcuno si è con lui. Se ci si allontana dalle sue posizioni allora ci si dimette. Se si trova qualcosa inaccettabile ci si dimette”.

Condividi: