New York sfida Trump, in passerella la hijab

Pubblicato il 08 settembre 2017 da ansa

New York sfida Trump, in passerella la hijab

NEW YORK. – Le passerelle di New York sfidano Donald Trump: hijab e abaya (la lunga veste spesso nera che copre tutto il corpo tranne volto, mani e piedi delle donne in molti paesi islamici) hanno fatto da protagonisti dello show a Chelsea di cinque stiliste indonesiane due delle quali hanno proposto creazioni dedicate alla categoria “vestirsi con pudore” con modelle con i capelli coperti dal velo come si usa nei paesi musulmani.

“Non siamo oppresse e vogliamo mostrare al mondo che possiamo essere bellissime e stylish con l’hijab addosso”, ha detto la designer Dian Pelangi, 4,8 milioni di seguaci su Instagram e una collezione coloratissima di broccati ispirati a un look medievale alla “Trono di Spade” ma anche, come ha spiegato lei, al documentario su Facebook “Humans of New York” del fotografo Brendon Stanton che documenta la diversità degli 8,5 milioni di abitanti della Grande Mela.

Un’altra stilista, Vivi Zubedi al suo debutto alla New York Fashion Week, ha deciso di venire da Giacarta a Manhattan in parte proprio come sfida a Trump che ha cercato di arginare l’emigrazione dai paesi a maggioranza musulmana come uno dei primi atti della sua presidenza: “Signor Presidente, amo il suo popolo e il suo paese. Non abbiamo intenzione di farvi del male. Siamo tutti uguali, tutti esseri umani”, ha dichiarato la stilista.

Intanto, sempre come sfida a Trump, dominano alle sfilate le spillette blu create dal Council of Fashion Designers of America in collaborazione con l’organizzazione libertaria American Civil Liberties Union che ha portato in tribunale il bando anti-immigrati.

Sul fronte Trump va intanto segnalato il flop di Tiffany, la figlia che il tycoon ha avuto con la seconda moglie Marla Maples. La ragazza, che si è appena iscritta alla Law School di Georgetown, ha cercato attraverso un publicist di farsi invitare al party di “Harper’s Bazaar”, ma ha sbagliato rivista e implorato un ingresso al magazine politico-letterario “Harper’s”. “Svarione superficiale, un classico di famiglia”, hanno commentato i media dopo che l’equivoco è venuto in luce sui social network.

(di Alessandra Baldini/ANSA)

Ultima ora

05:05Curry, ‘giornata surreale, Trump non si comporta da leader’

NEW YORK - ''Una giornata surreale'': cosi' la stella della Nba Stephen Curry commenta l'affondo del presidente americano Donald Trump che gli ha ritirato l'invito alla Casa Bianca. ''Non so perche' sente la necessita' di prendere di mira certe persone piuttosto che altre. Io un'idea ce l'ho, ma questo non e' quello che fa un leader''.

04:56James ancora contro Trump, usa sport per dividere Paese

NEW YORK - LeBron James torna ad attaccare Donald Trump, stavolta con un video: ''Mi sento frustrato, perche' questa persona che abbiamo messo al potere dopo quello che e' successo dopo Charlottesville sta tentando di usare lo sport per dividere ancor di piu' il popolo americano. E non e' una cosa che posso tollerare, non e' una cosa su cui posso tacere''. Oltre al caso del suo collega della Nba Stephen Curry, James critica Trump anche per aver chiesto di licenziare i giocatori di football americano che non cantano l'inno in segno di protesta.

04:41Londra: 6 feriti in attacchi con acido, no terrorismo

LONDRA - Sei persone sono state ferite ieri sera in diversi attacchi con acido in un centro commerciale a Stratford, nella zona orientale di Londra. La polizia ha arrestato un uomo, sospettato di lesioni personali gravi e ne sta cercando altri. Un portavoce ha dichiarato che la polizia esclude il movente terroristico e ha aggiunto che le persone ferite non sono in pericolo di vita.

04:36Trump, test dimostra accordo Iran non e’ un granche’

NEW YORK - "L'Iran ha appena testato un missile balistico capace di raggiungere Israele. E stanno anche lavorando con la Corea del Nord. Non e' un granche' di accordo quello che abbiamo": cosi' il presidente americano, Donald Trump, commenta il test su un nuovo missile balistico eseguito da Teheran.

23:38Calcio: Udinese in ritiro da lunedì

(ANSA) - UDINE, 23 SET - L'Udinese andrà in ritiro da lunedì. Lo ha deciso la società dopo la sconfitta di questo pomeriggio con la Roma, la quinta in sei gare da inizio campionato. Il ritiro, annunciato in serata dal club con una breve nota, è stato deciso "per preparare al meglio l'importante sfida di sabato prossimo con la Sampdoria". Una partita dal risultato che appare obbligato per i bianconeri, ancora fermi a 3 punti in classifica.

23:30Calcio: Baselli si scusa, ‘troppa voglia derby,ho sbagliato’

(ANSA) - TORINO, 23 SET - "Avevo troppo voglia di derby, tenevo troppo a questa partita. Ho sbagliato". Daniele Baselli commenta così, su Twitter, l'espulsione che ha condizionato la prestazione del Torino, battuto 4-0 dalla Juventus. "Chiedo scusa ai miei compagni, ai nostri tifosi, alla società", aggiunge il giocatore granata, che posta la foto in cui esce dal campo. "Superfluo aggiunge altro. Momento durissimo - scrive il centrocampista -. Mi assumo tutte le responsabilità. Sempre e comunque forza Toro".

23:18Serie A: Juve padrona, demolisce Toro 4-0 e fa suo il derby

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Una Juve padrona all'Allianz Stadium fa suo il derby della Mole, cancellando il Torino 4-0. Primo tempo sontuoso degli uomini di Allegri che prima a passano in vantaggio grazie al 9/o gol stagionale di Dybala e poi approfittano di uno sciagurato fallo di Baselli che costa al centrocampista granata il doppio giallo e l'inevitabile espulsione. Era il 25' e da lì la partita è corsa su un unico binario: il raddoppio di Pjanic al 40', il tris firmato da Alex Sandro al 12' st e il sigillo ancora del n.10 argentino allo scadere. Il punteggio sarebbe addirittura potuto essere ancora più severo per i granata, ma i pali, le parate di Sirigu e l'imprecisione degli attaccanti bianconeri hanno limitato i danni. Higuain ha iniziato in panchina per poi entrare negli ultimi dieci minuti. La squadra di Mihajlovic paga caro l'errore di Baselli ma già l'approccio alla gara non era stato dei migliori, sentendo forse troppo il match a cui per la prima volta dopo anni erano arrivata senza i panni dell'eterna sconfitta.

Archivio Ultima ora