Vaccini: asili sommersi di lavoro, corsa ai certificati

Pubblicato il 08 settembre 2017 da ansa

Vaccini: asili sommersi lavoro, corsa a certificati

ROMA. – Lunghe file nelle segreterie, telefoni costantemente occupati e caselle mail intasate. A tre giorni dalla prima scadenza per la consegna dei certificati di vaccinazione alle scuole, da Nord a Sud gli istituti vengono presi d’assalto. Le famiglie stanno ottemperando all’obbligo di presentare, entro lunedì, la documentazione che attesti la vaccinazione del proprio figlio, indispensabile per l’accesso alla scuola dell’infanzia. Ma all’appello mancano ancora tanti certificati.

Alcuni istituti affermano di averne raccolti pochi, qualcuno ammette “appena il 20%”. Nella maggior parte dei casi si tratta di genitori “ritardatari”, ma ci sono anche famiglie che non vogliono vaccinare il proprio figlio e si rivolgono al dirigente scolastico per chiedere quali saranno le conseguenze. Una situazione “nuova” per tutti, che alla fine, denunciano i diretti interessati, si traduce in un sovraccarico di impegni.

“L’accumulo di lavoro che grava sulle segreterie delle scuole è diventato insostenibile”, dice all’ANSA il presidente dell’Associazione nazionale presidi, Giorgio Rembado. “Si è appesantito”, sottolinea, quando invece “avevamo chiesto al ministro dell’Istruzione di andare verso la semplificazione burocratica”.

“All’inizio dell’anno scolastico – spiegano ad esempio dalla segreteria di un istituto comprensivo di Casamassima (Bari) – c’è sempre un sovraccarico di lavoro. Quest’anno è incrementato. Stiamo continuando a raccogliere i certificati delle vaccinazioni, oggi la segreteria è piena di genitori in attesa”. Lunghe file anche in un altro istituto comprensivo, questa volta al Nord, a Milano.

“Code ce ne sono – raccontano le segretarie – sia per la questione vaccinazioni, sia per altre necessità. C’è sicuramente un sovraccarico di lavoro”. I genitori dei bambini della scuola dell’infanzia – ma anche degli altri gradi di scuola per i quali la scadenza è il 31 ottobre – “hanno cominciato a portare i certificati già ad agosto per paura di arrivare in ritardo”.

Ritmi serrati anche per le segreterie del Centro, come ad esempio quelle della Capitale. “Abbiamo ricevuto molte richieste di chiarimento sulle procedure – spiega l’ufficio di un istituto comprensivo di Roma Nord – ci sono molti genitori preoccupati per le tempistiche. Il nostro lavoro rispetto agli anni scorsi è sicuramente aumentato”. “Molti genitori – aggiunge la segreteria di un altro istituto di Roma Sud – ancora non ci hanno portato nulla. Alcuni si sono proprio rifiutati e i loro figli si ritroveranno a non poter accedere alla scuola dell’infanzia”.

“Al momento – precisa – abbiamo ricevuto le certificazioni di circa il 20% degli iscritti, alcune adesso stanno arrivando via mail e le stiamo scaricando una a una. Ma le consegne stanno andando a rilento”. E poi c’è “chi cade dalle nuvole”, cioè genitori che fino a ieri non erano a conoscenza dell’obbligo.

“Alle nostre due scuole dell’infanzia – osserva la dirigente di un istituto padovano, Chiara Boni – sono iscritti 160 bambini ma finora le certificazioni consegnate sono pochissime. Le lezioni cominciano il 13 settembre, non mi piacerebbe dover arrivare al punto di negare l’accesso a qualche bambino perché le famiglie non hanno ancora consegnato la documentazione”.

Alcuni, nonostante la campagna di informazione, hanno affermato di non essere a conoscenza della scadenza. Diverso il caso delle famiglie contrarie alla vaccinazione, che “mi hanno scritto via email chiedendomi cosa intendessi fare”. Vanno meglio, infine, le cose a Napoli, in un istituto scolastico di Pianura. “Le certificazioni – afferma il preside Rosario Testa – stanno arrivando e non ci sono state particolari proteste da parte dei genitori. Per ora – conclude – sta procedendo tutto regolarmente”.

(di Alice Fumis/ANSA)

Ultima ora

21:17Calcio: Hamsik, con il Milan vittoria della pazienza

(ANSA) - NAPOLI, 19 NOV - "Dopo il pareggio col Chievo, volevamo tornare a vincere, ma sapevamo di dover affrontare un buon avversario. Siamo stati pazienti, sapevamo che prima o poi avremmo superato il muro difensivo del Milan". Marek Hamsik, come è ormai consuetudine, affida al proprio sito ufficiale il commento della partita giocata ieri sera al San Paolo. "E' stato fondamentale - dice lo slovacco - segnare un gol nel primo tempo e alla fine abbiamo vinto ottenendo tre punti importanti contro una squadra di qualità". "Fino ad ora - conclude Hamsik - 11 vittorie e due pareggi. E' fantastico! Il campionato però è ancora lungo dobbiamo continuare così e rimanere concentrati. Martedì ci aspetta la sfida in Champions contro lo Shakhtar. Faremo di tutto per vincere".

21:14Pallavolo: Serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Risultati della 6/a giornata del campionato di serie A/1 donne di pallavolo: Imoco Conegliano - Saugella Monza 3-0 Igor Novara - Foppapedretti Bergamo 3-0 Unet Busto Arsizio - Sab Legnano 3-0 Il Bisonte Firenze - Pomì Casalmaggiore 3-2 Lardini Filottrano - Liu Jo Modena 0-3 Mycicero Pesaro - Del Bene Scandicci 2-3 - Classifica: Conegliano 18; Scandicci e Novara 17; Busto Arsizio 15; Modena 9; Pesaro 8; Monza e Legnano 6; Firenze 5; Casalmaggiore 4; Filottrano 3; Bergamo 0.

21:12Rugby: Eccellenza, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Risultati della settima giornata del campionato di rugby di Eccellenza: Femi-Cz Rovigo- Patarò Calvisano 23-20 Lafert San Donà - Petrarca Padova 14-22 Viadana - Conad Reggio Emilia 31-17 Aeroporti I Medicei - Fiamme Oro 16-20 Lazio - Mogliano 24-20 - Classifica: Patarò Calvisano 29; Femi-Cz Rovigo 27; Petrarca Padova 26; Viadana 20; Fiamme Oro 19; Lafert San Donà 18; I Medicei 17; Lazio 6; Conad Reggio E. 5; Mogliano 4.

21:05Usa: capo armi nucleari, mi opporrei a ordine illegale Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - Il generale dell'aviazione John Hyten, capo del comando strategico Usa (Stratcom), e' pronto a disobbedire al presidente Donald Trump se ordinasse un attacco nucleare "illegale". "Come capo dello Stratcom, io consiglio il presidente. Lui mi dira' cosa fare", ha spiegato alla platea di un forum sulla sicurezza a Nova Scotia, Canada. "E se - ha proseguito l'ufficiale, che supervisiona l'arsenale nucleare Usa - e' illegale, indovinate cosa accadra'? Diro', 'signor presidente, questo e' illegale'. E poi? Lui dira' 'cosa sarebbe legale?'. E troveremo delle opzioni, con un mix di capacita' di risposta a qualsiasi situazione. Questo e' il modo in cui funzionano le cose. Non e' complicato". Le sue parole arrivano pochi giorni dopo che il Senato, per la prima volta in oltre 40 anni, sull'onda delle minacce del presidente alla Corea del nord, ha discusso le prerogative nucleari del 'Commander in chief' in caso di conflitto.

20:38Calcio: Ferrero, oggi Samp è la 500 che supera una Ferrari

(ANSA) - GENOVA, 19 NOV - Massimo Ferrero scatenato dopo il successo della sua Sampdoria contro la Juventus. Il presidente blucerchiato si è affidato al cinema e ad un film storico come "Il sorpasso" riproducendo anche il suono di un clacson. "Io mi sono comprato una trombetta e ho cominciato a suonare: ero con la 500 ma davanti avevo una Ferrari e si sono scansati e li ho superati". Il successo mantiene però la Sampdoria con i piedi per terra. "Futuro? Volare basso e schivare il sasso, adesso pensiamo al Bologna. Oggi - ha aggiunto Ferrero - abbiamo riequilibrato il campionato, la gente va più volentieri allo stadio, gode di più e c'è più competizione, sennò vince sempre la Juventus".

20:32Calcio: Allegri, la Nazionale? Io voglio proseguire con Juve

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Voglio proseguire con la Juventus, costruire la squadra per il futuro e vincere titoli. Non ho ancora la testa per andare in Nazionale, quello del c.t. è l'ultimo dei problemi della Federazione. Dovranno strutturare l'Italia come un club". Così Massimiliano Allegri, dai microfoni Rai, sull'eventualità che il tecnico della Juve riceva una chiamata da via Allegri con l'offerta della panchina della nazionale. E cosa pensi Allegri del presidente della Figc Carlo Tavecchio? "Non so cosa voglia fare l'Associazione Italiana Allenatori - risponde Allegri - ne parlerò con il presidente e cercherò di capire cosa vuole fare per il bene del calcio. È responsabilità di Tavecchio decidere se dimettersi o no, oggi c'è un consiglio direttivo e questa sera sapremo come orientarci".

20:27Figc: Chiellini “niente caccia alle streghe, serve tempo”

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Mi aspetto che ci sia equilibrio. Ci vuole tempo per portare candidati e progetti credibili senza voler fare una caccia alle streghe". Così Giorgio Chiellini in vista del Consiglio federale di domani, decisivo per il futuro del presidente Tavecchio. "Se va qualcuno solo per rubare la poltrona non uscirà niente di buono - ha aggiunto il difensore della Juventus e della nazionale - Spero ci sia un periodo di qualche mese, aspetterei un attimo. A caldo si fanno scelte sbagliate: ci vogliono equilibrio, lucidità e grande pazienza in questi momenti".

Archivio Ultima ora