Gobierno: ’’Borges y Guevara son traidores a la Patria’’

Pubblicato il 12 settembre 2017 da redazione

El presidente Maduro solicitó un juicio contra Julio Borges y Freddy Guevara a quien acusó de “traidores a la Patria”

El presidente Maduro solicitó un juicio contra Julio Borges y Freddy Guevara a quien acusó de “traidores a la Patria”

 

CARACAS – El presidente de Venezuela, Nicolás Maduro, solicitó este martes un juicio contra el Presidente y Vicepresidente de la Asamblea Nacional. El Gobierno consideró a Julio Borges y Freddy Guevara como ’’traidores a la Patria’’.

La solicitud se hizo oficial este martes 12 de septiembre. El diputado Gerson Pérez en compañía de un grupo de oficialistas introdujo un recurso ante el Ministerio Público (MP). Ahora Julio Borges y Freddy Guevara se suman a la lista de juzgados por el delito de traición.

– Solicitamos un antejuicio de mérito contra estos traidores – expresó Pérez a la prensa en la entrada del MP. La denuncia fue realizada debido a la gira internacional que realizan ambos opositores por distintos países de Europa.

Según el secretario general del partido Podemos, Borges y Guevara son los responsables del bloqueo financiero por parte de Estados Unidos. Además los responsabilizó de “vender una visión falsa” de Venezuela en el mundo.

– ¿Quieren saber por qué no consiguen alimentos ni medicinas? Porque estos traidores a la patria generaron eso con su guerra económica y provocaron que nos sancionara económicamente. No sigan dejándose engañar por la oposición – argumentó Pérez.

 

El pasado 25 de agosto el Gobierno de Estados Unidos prohibió la participación de sus ciudadanos y empresas con Venezuela. Las transacciones de bonos venezolanos y de la empresa estatal Petróleos de Venezuela (Pdvsa) fueron negadas. La medida se llevó a cabo para restringir “la financiación que mantiene un gobierno ilegítimo’’.

La semana pasada el Presidente y Vicepresidente de la AN, iniciaron una gira por Europa para denunciar la crisis humanitaria que vive Venezuela. Se reunieron con la canciller alemana, Angela Merkel, el presidente español, Mariano Rajoy, y el presidente de Francia, Emmanuel Macron. Todos ellos brindaron su apoyo en la lucha por ’’restablecer la democracia en Venezuela’’. A partir de esto, no se descarta la posibilidad de que la Unión Europea aplique ’’sanciones selectivas’’ contra el Ejecutivo nacional.

 

La lista de ’’Traición a la patria’’ se extiende

Es importante recordar que también la ex Fiscal, Luisa Ortega Díaz, y su esposo, el diputado Germán Ferrer, fueron acusados de ’’traición a la patria’’. Ambos políticos han evaluado pedir asilo en países como Brasil, Colombia y Chile, para mantener cercanía respecto al acontecer político en Venezuela. Hasta ahora Brasil, Colombia y México le han abierto las puertas. El presidente Nicolás Maduro solicitó su aprehensión ante la Organización Internacional de Policía Criminal (INTERPOL).

Luisa Ortega Díaz se distanció del Gobierno de Nicolás Maduro luego de anunciarse las sentencias 155 y 156 del Tribunal Supremo de Justicia (TSJ). Las medidas desplazaron de sus competencias a la Asamblea Nacional (AN). Ortega calificó este hecho como “violación a la Constitución”, así como al proceso de instalación de la Asamblea Nacional Constituyente (ANC). La fiscal reveló que su retiro del país se debió, además, a la crisis social y política en Venezuela.

– El país atraviesa por una dictadura clásica. Hay cacería de brujas. No hay estado de derecho. Están disueltas todas las instituciones y lo que hay es una retaliación terrible – expresó en su momentoel diputado Ferrer.

Ultima ora

13:34Terremoto: la principessa del Kuwait in visita a Norcia

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 23 NOV - La principessa del Kuwait, Sheikha Amthal Al Ahmad Al Jaber Al Sabah, è in visita a Norcia. Alla guida di una delegazione dell'Emirato è giunta nella città umbra colpita dal terremoto recandosi subito nel centro storico e alla Basilica di San Benedetto. La principessa, che è anche presidente del Centro del volontariato del suo Paese, accompagnata dal sindaco Nicola Alemanno, dalla presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, dal capo dipartimento della Protezione civile, Angelo Borrelli e alla presenza dell'ambasciatore del Kuwait in Italia, Sheikh Ali Khaled Al Jaber Al Sabah, si recherà anche all'area dell'ospedale cittadino colpito dal sisma. Qui sarà l'assessore regionale alla Sanità, Luca Barberini, ad illustrare la situazione. Infine la principessa andrà presso un'area dove sono state allestite le cosiddette casette. La visita della delegazione del Kuwait rientra nell'ambito di un programma di collaborazione e cooperazione tra l'Emirato e l'Italia. (ANSA).

13:18Crollo cavalcavia nel Lecchese, inchiesta rischia stop

(ANSA) - LECCO, 23 NOV - L'inchiesta penale sul crollo del ponte di Annone (Lecco) lungo la Superstrada 36 Milano-Lecco, rischia uno stop. La ragione è legata al trasferimento del sostituto procuratore Nicola Preteroti, titolare del fascicolo d'inchiesta, destinato alla Procura di Bergamo e in quella sede atteso per fine mese. Non è servita la richiesta specifica del procuratore capo lecchese, Antonio Chiappani, inoltrata al Ministero della Giustizia. Da Roma è arrivato un no. A questo punto Preteroti dovrà lasciare nel giro di pochi giorni il suo ufficio lecchese, e dovrà farlo senza che il suo sostituto sia ancora arrivato a Lecco. La Procura di Lecco è sotto organico da tempo e il procuratore capo Chiappani potrebbe essere costretto a chiedere il congelamento dei termini dell'inchiesta fino all'arrivo del nuovo magistrato. Il crollo del ponte di Annone avvenne il 28 ottobre dello scorso anno e provocò la morte di un automobilista, Claudio Bertini, il ferimento di altre persone e pesantissimi disagi alla circolazione.

13:08Migranti:’ribelli’ Cona hanno trascorso notte a Malcontenta

(ANSA) - VENEZIA, 23 NOV - Hanno trascorso la notte al primo piano del centro civico di Malcontenta i migranti provenienti dall'ex base di Cona che hanno chiesto di non far rientro nel centro di accoglienza per protesta contro le condizioni della struttura. Al gruppo si sono aggiunti anche gli stranieri che erano stati portati a Jesolo: il gruppo è composto ora da 69 persone. Da un'ora i migranti stanno tenendo un'assemblea al primo piano del centro civico per decidere se accogliere o meno la proposta del prefetto di nominare al loro interno una rappresentanza che porti avanti la trattativa.

13:00Roma:Raggi,ok bilancio 2018-2020,stop era scroccopoli

(ANSA) - ROMA, 23 NOV "Approveremo (in aula, ndr) il bilancio nei tempi per garantire alla struttura centrale e periferica di lavorare in maniera corretta. E' la fine di scroccopoli, quella che abbiamo visto anche con le case (popolari, ndr) occupate. Non aumentano le tariffe. E ci sono investimenti sopratutto per ultimi: 36 milioni in più ai municipi da investire su sociale e 30 milioni in più sulla manutenzione di strade e scuole". Così la sindaca di Roma Virginia Raggi presentando il bilancio di previsione 2018-2020 già passato in giunta.

12:49Cauzione da 5 mln euro per senatore russo fermato a Nizza

(ANSA) - MOSCA, 23 NOV - Il senatore russo Suleiman Kerimov, fermato all'aeroporto di Nizza martedì scorso, è stato incriminato dei reati di riciclaggio ed evasione fiscale. Lo ha confermato alla Tass il procuratore Jean-Michel Pretre. Kerimov dovrà "consegnare il passaporto alla polizia, non potrà lasciare la regione sino a che le indagini non saranno finite, dovrà pagare 5 milioni di euro di cauzione e dovrà interrompere i contatti con una lista di persone che non possiamo rendere pubblica", ha detto Pretre. Mosca ha reagito con forza ricordando alla Francia che Kerimov ha l'immunità diplomatica. Ma il ministero degli Esteri francese ha sottolineato che l'immunità vale solo per la sua capacità ufficiale e che sulla questione si esprimerà il giudice incaricato di seguire il caso.

12:47Etruria: udienza ad Arezzo, tribunale blindato

(ANSA) - AREZZO, 23 NOV - Tribunale di Arezzo blindato per l'udienza preliminare sul crac Etruria: oggi il gup Giampiero Borraccia è chiamato a decidere sull'ammissibilità di 2.500 richieste di costituzione di parte civile. Circa 40 risparmiatori presenti fuori dal Palazzo di giustizia non vengono fatti avvicinare all'area esterna di pertinenza dell'edificio, protetto da un cordone di protezione di polizia e carabinieri, così come i giornalisti, ai quali già nelle precedente udienza del 12 ottobre era stato interdetto l'accesso. "Non siamo delinquenti, siamo sempre stati civili, questo cordone di sicurezza come in un processo per mafia è vergognoso", ha detto uno dei rappresentanti dei risparmiatori che espongono alcuni cartelli contro il decreto salvabanche, senza urlare slogan. Tra i presenti anche Letizia Giorgianni, presidente dell'associazione Vittime salvabanche.

12:43Donna trovata morta in un parco a Milano, è omicidio

(ANSA) - MILANO, 23 NOV - Una donna di 67 anni, Marilena N, è stata trovata morta stamani nel parco di Villa Litta a Milano, nel quartiere Affori, a Milano. La suadra mobile indaga per omicidio. Il primo a dare l'allarme è stato un passante attorno alle 7.20. Quando i paramedici del 118 sono arrivati sul posto era ancora viva ma le manovre di rianimazione non sono servite. La ferita alla gola le è stata fatale. Potrebbe comunque aver fornito ai primi soccorritori elementi utili alle indagini. La donna, che viveva nella stessa zona dove è stata trovata cadavere, indossava dei leggings neri, una minigonna grigia, un cappotto e, pare, una parrucca. Il cadavere si trova a pochi metri da una telecamera del Comune, in un crocevia molto illuminato, e la Polizia ha già acquisito le immagini.

Archivio Ultima ora