Trump all’Onu: “Se la Corea attacca la distruggeremo”

Pubblicato il 19 settembre 2017 da ansa

Trump Onu

Trump durante il suo intervento all’Onu. (ANSA/AP Photo/Seth Wenig)

NEW YORK. – Se gli Stati Uniti saranno costretti a difendersi dalla Corea del Nord “la distruggeranno completamente”. Dalla tribuna dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite (Onu), Donald Trump si rivolge al mondo intero usando le parole più dure per denunciare la minaccia del regime di Pyongyang. Un regime che definisce “suicida”, ridicolizzando il suo leader Kim che chiama ‘Rocket Man’, l’uomo missile.

Ma nell’attesissimo intervento durato poco meno di 45 minuti, l’affondo del presidente americano è a tutto campo, e travolge tutti quei governi che – dall’Iran al Venezuela, passando per Cuba – mettono a suo avviso in grande pericolo la comunità internazionale. Li chiama anche “il male” contro cui bisogna combattere, in una sala che gli regala pochi applausi e nella quale, in alcuni momenti, cala il gelo.

Del resto chi aspettava toni più concilianti si è dovuto subito ricredere. Nel testo scritto dal suo fedelissimo consigliere e stratega Stephen Milller, Trump rispolvera l’antica definizione di “Stati canaglia”, definisce l’accordo con l’Iran “imbarazzante” e il regime di Maduro “inaccettabile”.

Alla sua prima assoluta al Palazzo di Vetro di New York il tycoon mette poi subito in chiaro che l’aria è cambiata. Alla Casa Bianca non c’è più Barack Obama, e la nuova dottrina è quella dell’America First. Lui – promette davanti ai potenti del mondo – la porterà avanti senza tentennamenti. “Metterò sempre l’America al primo posto e difenderò sempre gli interessi americani”.

“Lavoreremo sempre con gli alleati – cerca di rassicurare – ma non si potrà più approfittare di noi”: dai trattati commerciali all’accordo di Parigi sul clima, passando per il contributo Usa alle principali organizzazioni internazionali, Onu compresa. Tutte situazioni in cui il tycoon denuncia condizioni ingiuste e sfavorevoli per gli Stati Uniti. Condizioni che devono cambiare, altrimenti gli Usa andranno avanti da soli.

Così l’assemblea generale dell’Onu si trasforma in un’arena in cui mai come in questa occasione si confrontano a muso duro due visioni contrapposte: una fortemente nazionalista, protezionista, isolazionista, l’altra globalista e ispirata al principio del multilateralismo.

Macron Onu

L’intervento del presidente francese, Emmanuel Macron all’Onu. EPA/JUSTIN LANE

Lo scontro con Emmanuel Macron è durissimo: “I muri non ci proteggono”, attacca il presidente francese, che raccoglie quell’ovazione negata all’inquilino della Casa Bianca. “E’ falso pensare che i Paesi siano più forti quando sono da soli”, ha incalzato Macron, definendo anche “un grave errore” rigettare l’accordo sull’Iran senza avere una ricetta alternativa. E un grande sbaglio contrastare un accordo sul clima che, ha assicurato il presidente francese, “non sarà mai rinegoziato”. Trump se ne faccia una ragione: “La porta per gli Usa resterà sempre aperta ma noi andiamo avanti”.

Ma un grande estimatore Trump lo ha trovato ancora una volta nel premier israeliano Benyamin Netanyahu, che ha definito il discorso del tycoon “il più coraggioso e il più netto ascoltato in 30 anni di Nazioni Unite”: “Ha detto la verità sulle minacce che incombono sul mondo e ha lanciato un appello ad affrontarle con forza per garantire il futuro dell’umanità”. Parole ben diverse da quelle che Bibi riservò in più riprese al mai amato Barack Obama.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

14:48Rajoy, destituzione Puigdemont e Govern

(ANSA) - MADRID, 21 OTT - Madrid ha commissariato la Catalogna proponendo al Senato la destituzione del presidente catalano Carles Puigdemont, del vicepresidente Oriol Junqueras e di tutti i membri del Govern. Lo ha detto il premier Mariano Rajoy aggiungendo che le competenze del presidente e dei membri del governo di Barcellona saranno assunte da autorità designate da Madrid sotto il controllo dei ministri del governo spagnolo. Con queste iniziative "non si sospende l'autonomia né l'autogoverno della Catalogna ma si sospendono le persone che hanno messo la Catalogna fuori dalla legge". Le misure decise dal governo spagnolo prevedono anche il divieto per il Parlament catalano di eleggere un sostituto di Puigdemont, ha aggiunto Rajoy precisando che assumerà le competenze del presidente catalano per convocare nuove elezioni. "La mia volontà è di andare al voto il prima possibile, non appena sarà ripristinata la normalità istituzionale", ha precisato parlando al massimo di sei mesi.

14:48Calcio: Fiorentina, Pioli “con Benevento gara-trappola”

(ANSA) - FIRENZE, 21 OTT - "Contro il Benevento è una partita-trappola, guai dare per scontato che abbiamo già vinto la gara, perché non è così: ci sono 1000 esempi nel calcio, l'ultimo è il successo del Crystal Palace contro il Chelsea". E' l'avvertimento lanciato dal tecnico viola Stefano Pioli alla propria squadra attesa domani in casa dell'ultima formazione in classifica ancora a zero punti. "Vogliamo e dobbiamo dare continuità alla buona prestazione e alla buona vittoria di domenica scorsa - ha continuato il tecnico viola - per noi questa è un'occasione da sfruttare, ma se non avessi avvisato i miei delle difficoltà che incontreremo domani, vorrebbe dire che ho fatto un cattivo lavoro in questa settimana. Invece dovremo dare più che mai il massimo, evitare certi errori e comandare noi il gioco". Sempre indisponibili Saponara e Gil Dias, anche se quest'ultimo potrebbe rientrare in gruppo da lunedì in vista della partita interna con il Torino.

14:45Calcio: Roma, Di Francesco “dura a Torino, vorrà farci male”

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - "Col Torino mi aspetto una partita difficilissima, giocheremo su un campo non facile e troveremo una squadra vogliosa di farci male, che lo scorso anno ha già battuto la Roma 3-1. Sarà complicatissima, senza contare poi che ha perso solo una partita in questo campionato". Così Eusebio Di Francesco alla vigilia della trasferta in casa granata in programma domani. Il tecnico della Roma sottolinea poi che "a livello mentale questa col Torino è una gara nettamente più difficile da preparare rispetto a quella di Londra col Chelsea. Per questo dobbiamo stare molto attenti e avere il migliore approccio possibile". Verso la convocazione Schick: "Non è ancora al top, valuterò, ma è probabile che lo porti con la squadra. Moreno? Può giocare titolare domani o col Crotone".

14:43Terrorismo: espulso pachistano, sospettato far parte rete

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Con un provvedimento firmato dal ministro dell'interno, Marco Minniti, è stata eseguita l'espulsione di un cittadino pachistano, per motivi di sicurezza dello Stato. Si tratta di un 27enne, residente a Napoli, segnalato a seguito di indagini investigative in ambito di collaborazione internazionale perché ritenuto membro di una rete di suoi connazionali impegnata in "attività ricognitive" finalizzate a "possibili azioni controindicate nel nostro Paese". A seguito degli approfondimenti informativi che ne hanno confermato l'opera di monitoraggio svolta su potenziali obiettivi, il ministro dell'Interno ha emesso un provvedimento di espulsione. L'uomo è stato quindi rimpatriato con un volo decollato dalla frontiera aerea di Roma Fiumicino. Con quella di oggi sono 87 le espulsioni eseguite con accompagnamento nel proprio Paese, nel corso del 2017 e 219 quelle eseguite dal 1° gennaio 2015 ad oggi, riguardanti soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso.

14:39Migranti tentano espatrio attraverso fogne, salvati

(ANSA) - VENTIMIGLIA (IMPERIA), 21 OTT - Due migranti sono stati soccorsi a Mentone dopo essere rimasti intrappolati nell'impianto fognario nel tentativo di espatriare abusivamente in Francia passando da un tombino. E' accaduto, ieri sera, vicino alla frontiera franco-italiana di Ponte San Ludovico, a Menton. Secondo quanto anticipato sul quotidiano francese Nice Matin, sono stati i sapeurs pompiers a estrarre i due migranti, ormai in crisi ipotermica. Una volta visitati e identificati sono stati riammessi alla polizia di frontiera italiana. Si tratterebbe della prima volta che viene utilizzato un sottoservizio per espatriare in modo clandestino. Molti i metodi utilizzati finora - il tetto dei treni, le cabine degli impianti elettrici, lungo ferrovia e autostrada e attraverso i passeur - ma mai in questo modo. (ANSA).

14:02Bankitalia: Alfano, autonomia istituto ma non è enclave

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 21 OTT - Su Bankitalia "adesso c'è solo da attendere la proposta del presidente del Consiglio e del ministro dell'Economia. Non alimenterei ulteriori polemiche, perché il punto essenziale adesso è la decisione del governo, su cui occorrerà concentrasi per fare la scelta più giusta". Così il ministro degli Esteri, Angelino Alfano: c'è "l'autonomia della Banca d'Italia e al tempo stesso la possibilità, il diritto delle forze politiche di dire la propria opinione. Non è una enclave la Banca d'Italia, della quale e sulla quale non si può discutere".

13:58L.elettorale: Di Maio, faremo di tutto per fermarla

(ANSA) - SCIACCA (AGRIGENTO), 21 OTT - "Faremo di tutto per fermare questa legge, e chiediamo a tutti gli italiani di scendere in piazza con noi mercoledì 25 al Senato. Circonderemo pacificamente il Senato per far sentire la nostra voce su una legge che non è contro il M5S ma contro gli italiani e la democrazia". Così Luigi Di Maio, a Sciacca per la campagna elettorale a sostegno del candidato M5s a Governatore della Sicilia Giancarlo Cancelleri. "Una legge elettorale - ha aggiunto il leader grillino - che favorisce le ammucchiate e i piccoli partiti. Non a caso Mastella intende rifare l'Udeur".

Archivio Ultima ora