Russia 2018: la Vinotinto frantuma il sogno mondiale del Paraguay

Pubblicato il 11 ottobre 2017 da redazione

Mondiali

Yangel Herrera esulta dopo il gol contro il Paraguay

 

CARACAS – Colpaccio della Vinotinto nel Defensores del Chaco. La nazionale venezuelana chiude le qualificazioni verso il mondiale Russia 2018 con una vittoria 0-1 sul difficile campo paraguaiano mandando in fumo i sogni di gloria dei padroni di casa. Il gol partita é arrivato all’84’ grazie a Yangel Herrera.

La partita – Guaranì che necessitano di un gol per sperare di raggiungere il quinto posto partono con il piede sull’acceleratore. Sin dalle prime fasi, l’albirroja prova a gestire il pallino del gioco cercando imbucate verso gli avanti. Óscar Romero, Antonio Sanabria e Cecilio Domínguez hanno tentato in tutti modi di segnare il gol ma non sono riusciti a sfondare la porta difesa de Fariñez.

Per la vinotinto hanno cercato di sbloccare il risultato Jhon Murillo ed il granata Tomás Rincón, ma hanno trovato l’opportuno intervento del portiere Silva.

Anche nella ripresa per la verità non cambia troppo l’andazzo, il Paraguay può piazzare la zampata decisiva per volare al mondiale, ma sente forse tremare le gambe e non riesce ad affondare.

Durante la seconda frazione di gioco Rafael Dudamel mescola le carte: entra Yeferson Sotelto per l’infortunato Córdova e Romulo Otero per l’ex granata Martínez.

Con l’innnesto di Sotelto ed Otero la vinotinto alza il suo baricentro e inizia a creare problemi alla retroguardia paraguaiana.

Lo stesso centrocampista subentrato ha la palla per la vittoria, rientrando sul destro e andando a colpire in pieno la traversa. All’84’ il Venezuela riesce a portarsi in vantaggio: è Otero ad ispirare sulla destra, palla a rimorchio per il rigore in movimento di Yangel Herrera che gela Silva e i quasi cinquantamila presenti nel Defensores del Chaco.

In questa partita Herrera può festeggiare il primato di essere il primo venezuelano ad andare in gol con le nazionali U15, U17, U20 e quella maggiore.

Sul finire dell’incontro saltano i nervi ed iniziano alcune scaramucce, così vengono espulsi Wilker Ángel per il Venezuela e Gustavo Gómez nelle file dei padroni dicasa.

Dopo il triplice fischio la Vinotinto ha festeggiato la sua seconda vittoria in queste qualificazioni e la prima in trasferta. La nazionale venezuelana non vinceva in trasferta da 11 gare. Si dà il caso che l’ultima volta che aveva portato a casa i tre punti era stato proprio contro i guaraní, vittoria per 0-2 con doppietta di Salomón Rondón.

La vinotinto ha chiuso il girone di qualificazione Conmebol all’ultimo posto con 12 punti frutto di due vittorie, sei pareggi e 10 sconfitte.

L’italo-venezuelano Rubert Quijada Fasciana ha disputato l’intera gara. Mentre gli “italiani” Tomás Rincón e Josef Martínez sono partiti titolari. Il centrocampista del Torino ha disputato i 90 minuti con al braccio la fascia da capitano, mentre l’ex granata é stato sostituito al 76’ ed é stato anche ammoonito.

Nel post partita il tecnico venezuelano, Dudamel ha denunciato tentativi di corruzione sessuale nel ritiro della Vinotinto, con il chiaro obiettivo di favorire il successo dei padroni di casa ancora in corsa per acciuffare lo spareggio. “Ho visto comportamenti molto gravi ed espliciti. Sono arrivate molte chiamate e il nostro hotel era pieno di donne avvenenti che hanno chiaramente cercato di sedurre i giocatori – ha denunciato Dudamel -. Certi stratagemmi sono sempre esistiti, ma forse qualcuno non si è reso conto che il calcio è cambiato e che questa squadra è fatta di professionisti seri”, ha concluso il c.t. venezuelano.

Il tabellino

PARAGUAY-VENEZUELA 0-1

Gol: Yangel Herrera (84’)

Paraguay (0): Antony Silva; Jorge Moreira, Gustavo Gómez, Paulo Da Silva (C) (Miguel Samudio, min.62), Júnior Alonso; Rodrigo Rojas, Robert Piris; Óscar Romero, Cecilio Domínguez (Antonio Bareiro, min.57), Ángel Romero; e Antonio Sanabria (Óscar Cardozo, min. 56). CT: Francisco Arce.

Venezuela (1): Wuilker Fariñez; Ronald Hernández, Jhon Chancellor, Wilker Ángel, Rubert Quijada; Yangel Herrera, Tomás Rincón (C); Sergio Córdova (Yeferson Soteldo, min. 58), Jhon Murillo (Júnior Moreno, min.81); Josef Martínez (Rómulo Otero, min.76) e Salomón Rondón. CT: Rafael Dudamel.

Note: cartellini gialli: Júnior Alonso, Rodrigo Rojas, Óscar Cardozo (P). Josef Martínez, Yangel Herrera, Rómulo Otero, Wuilker Fariñez (V). cartellini rossi: Gustavo Gómez e Wilker Ángel per entrambi rosso diretto. Arbitro: Wilton Sampaio (Brasile). Stadio: Defensores del Chaco, Asunción.

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

15:31Natale: folla ai mercatini di Aosta

(ANSA) - AOSTA, 16 DIC - Mercatini di Natale presi d'assalto oggi ad Aosta, dove la neve caduta nei giorni scorsi ha creato un'ambientazione perfetta per le festività. Dall'Italia, ma anche dalla vicina Francia, i visitatori affollano il Marché vert Noel. I 43 chalet allestiti nella suggestiva cornice del Teatro romano offrono i prodotti del territorio e diverse creazioni artigianali, per regali di ogni tipo. Gli appassionati del gusto oltre alla tradizionale Fontina, ai salumi e al genepì, puntano anche su qualche novità: "Quest'anno stanno andando bene le lumache", spiegano i commercianti. Nel villaggio alpino sapientemente ricreato trovano spazio il fontanile, il braciere, i pontili e anche simpatiche sculture in legno di diversi animali, per la gioia dei più piccoli ma non solo. La novità di quest'anno è la balconata realizzata proprio ai piedi del Teatro romano, in modo da consentire a tutti di realizzare la migliore inquadratura per i propri selfie. (ANSA).

15:26Lazio: Inzaghi, mai più quanto successo a noi

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Grazie a quello che è successo a noi ci sarà più attenzione per tutti, vorrei che nessun collega passi quello che è accaduto a noi. Serve più attenzione, sono cose che non devono più accadere". Alla vigilia della trasferta di Bergamo contro l'Atalanta, Simone Inzaghi torna sui torti subiti in Lazio-Torino, sfida in cui l'arbitro Giacomelli con il Var ha espulso Immobile e non ha concesso un rigore ai biancocelesti, usciti poi sconfitti per 3-1. "I punti dovevano essere di più, ci sono stati tolti - ha spiegato Inzaghi - quello che ci è successo deve essere una possibilità per diventare ancora più squadra. Abbiamo fatto grandi cose, abbiamo un leggero ritardo dalle prime 4, anche per i motivi che sappiamo tutti".

15:23Sci:doppietta norvegese in Gardena, Innerhofer 5/o Paris 6/o

(ANSA) - VAL GARDENA (BOLZANO), 16 DIC - Aksel Svindal 1/o in 1.57.00 e Kjetil Jansrud 2/o in 1.57.59: la discesa della val Gardena sui 3445 m della pista Saslong si e' confermata anche quest'anno terreno di caccia favorito dai norvegesi che hanno piazzato una doppietta. Terzo l'austriaco Max Franz in 1.57.85. Prova d'orgoglio dell'Italia su una pista mai considerata troppo amica soprattutto dagli uomini jet altoatesini: Christof Innerhofer ha chiuso infatti 5/o in 1.58.14 e Dominik Paris 6/o in 1.58.16. Molto più' indietro ed arrabbiato Peter Fill che si e' lamentato per un sasso finitogli sotto gli sci.

15:14Banche: Casini, impatto Boschi su tema sarebbe irrilevante

(ANSA) - BOLOGNA, 16 DIC - "Diciamo la verità: se non fossimo in campagna elettorale l'impatto della signora Boschi e della sua famiglia sul tema che riguarda centinaia di migliaia di risparmiatori sarebbero del tutto irrilevanti, ma siamo in campagna elettorale e si fa polemica politica". Lo ha detto a margine di un incontro dei centristi per l'Europa di Bologna il presidente della Commissione sulle banche Pier Ferdinando Casini."Mi scandalizzo? Sono troppo anziano per scandalizzarmi - risponde - però questo non riguarda la commissione banche...".

15:10Donna vegliata da figlio: autopsia esclude omicidio

(ANSA) - GENOVA, 16 DIC - Esclusa l'ipotesi di omicidio per la morte di Giovanna Pedori, la donna di 78 anni morta e vegliata per una settimana nel letto di casa dal figlio di 47 anni. L'esame autoptico svolto dal medico legale Marco Salvi ha accertato che la donna non è stata uccisa: sul suo corpo non sono state trovate contusioni o ferite compatibili con l'ipotesi dell'aggressione da parte del figlio o di un'altra persona. I lividi al collo, che per il medico che ha svolto il primo sopralluogo potevano essere spiegati con uno strangolamento, sono risultati essere superficiali. La donna, ha spiegato Salvi ai carabinieri della compagnia di San Martino, probabilmente è morta a causa di un malore che le ha fatto perdere i sensi e cadere sbattendo la testa contro un mobile. L'esame autoptico ha dunque confermato quanto detto dal figlio della donna: l'uomo, che soffre di disturbi psichici, pur molto confuso e provato, aveva riferito che la madre era caduta e lui l'aveva adagiata sul letto.

14:36Ucciso per un pettegolezzo, un arresto nel Reggiano

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 16 DIC - Tutto sarebbe nato da un pettegolezzo: aveva detto che sua moglie era molto più bella di lui. Per fargliela pagare hanno escogitato un tranello, portato avanti per otto mesi, per attirarlo nel luogo dove poi lo hanno ucciso a Fabbrico, nel Reggiano, tre anni fa. I carabinieri hanno arrestato un pakistano di 38 anni, accusato di aver ucciso un connazionale di 20. E' l'evoluzione dell'inchiesta che aveva già portato nel maggio scorso, al fermo di un altro pachistano, accusato di aver illuso la vittima con un falso profilo Facebook, di una ragazza benestante con cui fuggire in cerca di una vita più felice e lontano dai vincoli delle proprie tradizioni. Il ventenne era stato seviziato, ucciso e sotterrato la notte di San Valentino di tre anni fa. Il suo corpo, in stato di decomposizione, era stato trovato casualmente solo tre mesi dopo nel corso di lavori in un cantiere. (ANSA).

14:15Capotreno aggredito, fermati 4 minorenni

(ANSA) - PISA, 16 DIC - Quattro minorenni lucchesi sono stati fermati stamani dalla polfer alla stazione di Pisa dopo avere aggredito un capotreno che era intervenuto in soccorso di una ragazza infastidita dai quattro ragazzi a bordo di un treno regionale della linea Pisa-Lucca. Secondo quanto si è appreso, una volta giunti in stazione i giovani hanno letteralmente pestato il capotreno e reagito con violenza anche all'intervento della polizia: sia il dipendente di Trenitalia sia due agenti sono rimasti feriti e trasportati al pronto soccorso. I contorni dell'episodio, avvenuti intorno alle 11, sono ancora in fase di ricostruzione: i quattro minorenni si trovano all'interno degli uffici della polizia ferroviaria che sta ancora valutando i provvedimenti da prendere e le contestazioni di reato necessarie. L'aggressione è avvenuta davanti a decine di passeggeri e il 118 ha inviato sul posto almeno tre ambulanze mentre anche la polizia di stato ha inviato pattuglie a supporto degli agenti della polfer preventivamente avvertiti dal capotreno che poi è stato aggredito e che ha riportato ferite piuttosto serie.(ANSA).

Archivio Ultima ora