Legge elettorale: Napolitano attacca la fiducia e annuncia battaglia

Pubblicato il 11 ottobre 2017 da ansa

Il presidente emerito Giorgio Napolitano.

 

 

ROMA. – Il presidente emerito Giorgio Napolitano non retrocede di un millimetro. La legge elettorale che il Parlamento si appresta a votare con la fiducia non incontra il suo gradimento soprattutto per quanto riguarda la norma che cristallizzerebbe quella che ai tempi di Berlusconi (la prima volta avvenne nel 2006) non fu nient’altro che una prassi e cioè l’indicazione del leader sulla scheda elettorale.

Una norma che, pur essendo già presente nel Porcellum, a suo avviso andrebbe tolta visto che in Italia non c’è alcuna forma di presidenzialismo nonostante qualcuno la invochi da tempo. E in assenza di una riforma costituzionale in questo senso la decisione di scrivere il nome del capo della forza politica sulla scheda sarebbe solo “un’illusione”. Che come tale andrebbe eliminata.

La decisione del governo di chiedere il voto di fiducia “in blocco” su un provvedimento che di fatto ha passato solo il vaglio di una commissione poi non semplifica certo le cose. Pertanto Napolitano, ribadendo l’interventismo di sempre, invia una nota anche oggi, dopo quella di ieri, per dire che i parlamentari per via della fiducia hanno un “ambito pesantemente costretto” entro il quale far sentire la propria voce, ma che lui comunque non rinuncerà alla sua prerogativa e parlerà al Senato quando il governo, probabilmente entro il 20 ottobre, prima che cominci la sessione di bilancio, tornerà a chiedere la fiducia sul “Rosatellum”.

In molti, pensano che in realtà a far irritare l’emerito sia stato, non solo il patto Renzi-Cav, ma anche la decisione del Quirinale di non mettersi di traverso sulla seconda richiesta di un voto di fiducia su una riforma elettorale. Era già accaduto nel 2015 con l’Italicum, non si sarebbe dovuto ripetere anche oggi. E mai come in questo caso la differenza di atteggiamento e di stile tra i due presidenti è diventata palpabile.

Il fatto è che per Napolitano, che non ha mai firmato una legge elettorale nel suo ultrasettennato, quella elettorale dovrebbe essere la legge parlamentare per eccellenza, da esaminare senza ridurre gli spazi di confronto. E comunque non è la prima volta che, pur non essendo più al Quirinale, entra deciso nella vita politica.

A ridosso del referendum, fece capire chiaramente che la personalizzazione imposta da Renzi alla consultazione era da considerarsi inopportuna. E più volte fece trapelare insofferenza per l’atteggiamento brusco e frettoloso dell’ex premier (mettendo anche in guardia dai “banditori di smisurate speranze”) con il quale i rapporti da quel 4 dicembre furono tutto tranne che idilliaci. Clamoroso fu anche il suo intervento del 6 giugno quando in sala Zuccari Napolitano definì “abnorme” il “patto extra-costituzionale” tra partiti per andare al voto anticipato.

(di Anna Laura Bussa/ANSA)

Ultima ora

07:26Cina:Xi,Pcc deve mantenere assoluto controllo militari

PECHINO - Il Partito comunista cinese "deve mantenere l'assoluto controllo sulle forze armate". Lo ha detto il segretario generale del Pcc Xi Jinping, nel discorso d'apertura del 19/mo congresso assicurando che il Partito "si opporra' a ogni azione che metta a rischio la leadership".

07:23Cina:XI,rinnovamento nazione non ‘come passeggiata’ in parco

PECHINO - Raggiungere il rinnovamento della Cina non sara' "come una passeggiata nel parco". Nel suo intervento introduttivo al 19/mo congresso del Partito comunista, il segretario generale Xi Jinping ha rimarcato che il "sogno cinese" richiede una lotta decisa alle contraddizioni e forte impegno su progetti e cause.

07:19Cina: Xi, economia restera’ a passo medio-alto

PECHINO - La Cina manterra' il tasso di crescita della sua economia "a un passo medio-alto". Lo ha detto il segretario generale Xi Jinping nella relazione d'apertura del 19/mo congresso del Partito comunista cinese.

07:15Cina: Xi, prospettive luminose ma sfide impegnative

PECHINO - Le prospettive della Cina ''sono luminose ma restano sfide impegnative''. Lo ha affermato il segretario generale del Partito comunista cinese Xi Jinping, nella sua relazione d'apertura. Negli ultimi 5 anni, ha ricordato, il Pil E' aumentato da 54.000 miliardi di yuan a quota 80.000, pari a 12.100 miliardi di dollari circa.

07:10Cina: aperti lavori 19/mo congresso Partito comunista

PECHINO - Il premier cinese Li Keqiang ha aperto ufficialmente i lavori dEl 19/mo congresso del Partito comunista, chiamato a rinnovare gli organismi interni a partire dal Comitato centrale. Il segretario generale Xi Jinping ha iniziato la sua relazione dedicata ai cinque anni passati e alle prospettive del prossimo quinquennio e oltre. Xi, nelle attese, dovrebbe rafforzare i suoi poteri quale ''core leader'', nucleo del Partito.

07:01Amnesty,centinaia Rohingya uccisi da sicurezza birmana

BANGKOK - Le forze di sicurezza birmane hanno ucciso centinaia di persone nell'ambito di una campagna sistematica per espellere dal paese la minoranza musulmana dei Rohingya. La denuncia viene da Amnesty International. Per il suo rapporto, diffuso oggi, l'organizzazione umanitaria ha intervistato piu' di 120 Rohingya fuggiti alle violenze.

06:58Trump, non demolire storia Usa. E difende Colombo

WASHINGTON - Gli Usa dovrebbero celebrare e preservare la loro storia, ''non demolirla'': lo ha detto Donald Trump intervenendo davanti al think tank conservatore Heritage Foundation, dove ha criticato il movimento che mira ad abbattere le statue sudiste ed altri simboli del controverso passato americano. ''Ora stanno tentando anche di abbattere le statue di Cristoforo Colombo, cosa succedera' dopo?'', si e' chiesto il presidente, che nel proclamare il Columbus day aveva difeso in modo netto la figura dell'esploratore genovese.

Archivio Ultima ora