Istat: l’economia illegale vale 208 miliardi di euro nel 2015. 11,8 miliardi dalla droga

Pubblicato il 11 ottobre 2017 da ansa

Due operai al lavoro in un cantiere edile a Pisa. ANSA/FRANCO SILVI

 

 

ROMA. – Il volto oscuro dell’economia tra droga, prostituzione, contrabbando, evasione fiscale e lavoro nero vale il 12,6% del Pil in Italia: 208 miliardi di euro nel 2015. L’Istat prende le misure a quell’economia “non osservata” composta dal sommerso e dalle attività illegali e scopre un mondo in trasformazione, dove cala il valore dell’evasione, ma aumenta il lavoro nero fino a coinvolgere 3,7 milioni di persone, e cresce il traffico di stupefacenti, che muove 11,8 miliardi di euro.

Il risultato complessivo è quello di “una brusca diminuzione” dell’economia non osservata, dopo anni di espansione: nel 2015 sommerso e traffici illegali generano quasi 5 miliardi di valore aggiunto in meno rispetto al 2014 e il loro peso rispetto al Pil cala di mezzo punto percentuale, attestandosi poco sotto al livello del 2012. I progressi sono dovuti alla sfera del sommerso, che vale oltre 6 miliardi in meno (per un totale di 190 miliardi), e in particolare alla riduzione delle false dichiarazioni delle imprese al fisco per occultare parte del reddito.

Ma i passi avanti sono contrastati dal peso del lavoro nero, che continua a crescere e rappresenta per l’Istat “una caratteristica strutturale” dell’economia italiana: tra il 2012 e il 2015 il ricorso al lavoro non regolare da parte di imprese e famiglie è cresciuto del 5,2% e l’ultimo anno del triennio ha visto un ulteriore aumento dell’1,6%.

Il tasso di irregolarità – che calcola il peso delle unità di lavoro non regolari sul totale – è al 15,9% ma sfiora il 50% (47,6%) nei servizi alla persona ed è sopra la media anche in agricoltura (17,9%), nelle costruzioni (16,9%), nel commercio, nei trasporti e nel turismo (16,7%).

Questi numeri preoccupano il sindacato. Il lavoro nero “è una piaga che continua implacabilmente a persistere”, commenta il segretario confederale della Uil Guglielmo Loy, che chiede un “sistema di vigilanza e sanzionatorio moderno ed efficace che venga visto come un deterrente”. Nel 2016, ricorda Loy, le ispezioni hanno riguardato poco più di un’azienda su dieci, tra quelle con dipendenti censite dall’Inps, e i controlli sono addirittura diminuiti dagli oltre 220mila del 2014 fino a 192mila.

La maggioranza, per voce della responsabile Lavoro del Pd, Chiara Gribaudo, manifesta invece la volontà di combattere il lavoro nero con due strade “la prima è quella dei controlli, ma la seconda e più importante è quella della semplificazione e della convenienza del lavoro legale”, spiega la deputata ricordando che “rendere i contratti più semplici e fruibili è stata una delle sfide del Jobs act”, ma “ancora molto può essere fatto dal punto di vista burocratico”.

Gli ultimi dati Istat permettono di fare luce anche sul valore dei traffici criminali, che risultano in lieve aumento fino a 15,8 miliardi di euro, 200 milioni in più rispetto al 2014. La spinta arriva dal traffico di stupefacenti, che da solo conta per poco meno del 75% delle attività illegali analizzate, e sale da 11,6 miliardi a 11,8 miliardi nel 2015. La prostituzione, invece, genera affari per 3,6 miliardi, di poco inferiori ai 3,7 miliardi dell’anno precedente, e il contrabbando di sigarette vale circa 400 milioni, circa 100 in più rispetto al 2014.

(di Chiara Munafò/ANSA)

Ultima ora

07:26Cina:Xi,Pcc deve mantenere assoluto controllo militari

PECHINO - Il Partito comunista cinese "deve mantenere l'assoluto controllo sulle forze armate". Lo ha detto il segretario generale del Pcc Xi Jinping, nel discorso d'apertura del 19/mo congresso assicurando che il Partito "si opporra' a ogni azione che metta a rischio la leadership".

07:23Cina:XI,rinnovamento nazione non ‘come passeggiata’ in parco

PECHINO - Raggiungere il rinnovamento della Cina non sara' "come una passeggiata nel parco". Nel suo intervento introduttivo al 19/mo congresso del Partito comunista, il segretario generale Xi Jinping ha rimarcato che il "sogno cinese" richiede una lotta decisa alle contraddizioni e forte impegno su progetti e cause.

07:19Cina: Xi, economia restera’ a passo medio-alto

PECHINO - La Cina manterra' il tasso di crescita della sua economia "a un passo medio-alto". Lo ha detto il segretario generale Xi Jinping nella relazione d'apertura del 19/mo congresso del Partito comunista cinese.

07:15Cina: Xi, prospettive luminose ma sfide impegnative

PECHINO - Le prospettive della Cina ''sono luminose ma restano sfide impegnative''. Lo ha affermato il segretario generale del Partito comunista cinese Xi Jinping, nella sua relazione d'apertura. Negli ultimi 5 anni, ha ricordato, il Pil E' aumentato da 54.000 miliardi di yuan a quota 80.000, pari a 12.100 miliardi di dollari circa.

07:10Cina: aperti lavori 19/mo congresso Partito comunista

PECHINO - Il premier cinese Li Keqiang ha aperto ufficialmente i lavori dEl 19/mo congresso del Partito comunista, chiamato a rinnovare gli organismi interni a partire dal Comitato centrale. Il segretario generale Xi Jinping ha iniziato la sua relazione dedicata ai cinque anni passati e alle prospettive del prossimo quinquennio e oltre. Xi, nelle attese, dovrebbe rafforzare i suoi poteri quale ''core leader'', nucleo del Partito.

07:01Amnesty,centinaia Rohingya uccisi da sicurezza birmana

BANGKOK - Le forze di sicurezza birmane hanno ucciso centinaia di persone nell'ambito di una campagna sistematica per espellere dal paese la minoranza musulmana dei Rohingya. La denuncia viene da Amnesty International. Per il suo rapporto, diffuso oggi, l'organizzazione umanitaria ha intervistato piu' di 120 Rohingya fuggiti alle violenze.

06:58Trump, non demolire storia Usa. E difende Colombo

WASHINGTON - Gli Usa dovrebbero celebrare e preservare la loro storia, ''non demolirla'': lo ha detto Donald Trump intervenendo davanti al think tank conservatore Heritage Foundation, dove ha criticato il movimento che mira ad abbattere le statue sudiste ed altri simboli del controverso passato americano. ''Ora stanno tentando anche di abbattere le statue di Cristoforo Colombo, cosa succedera' dopo?'', si e' chiesto il presidente, che nel proclamare il Columbus day aveva difeso in modo netto la figura dell'esploratore genovese.

Archivio Ultima ora