Non si finisce mai di imparare, dal Sen. Micheloni lettera aperta ai Senatori della Repubblica Italiana

Pubblicato il 19 ottobre 2017 da redazione

Dal Senatore Claudio Micheloni riceviamo e volentieri pubblichiamo le seguente lettera aperta rivolta ai suoi colleghi del Senato in occasione del voto sulla nuova Legge Elettorale, denominata Rosatellum.

Sen. Claudio Micheloni.

Carissime colleghe e colleghi,

tra pochi giorni saremo chiamati ad esprimerci sulla nuova legge elettorale.

Come sapete, il testo confezionato alla Camera dei Deputati contiene una modifica del voto all’estero, tale da prevedere la possibilità di candidare nella circoscrizione estero anche cittadini residenti in Italia.

C’è chi dice si tratti di una umiliazione delle ragioni storiche che hanno prodotto quella legge, io tra questi, così come c’è chi lo considera un modesto cambiamento di natura tecnica, inteso a “ripristinare la reciprocità”, cioè, pare di intendere, sanare una contraddizione, un’aporia. Si tratta di un argomento che considero serissimo, eppure domando la vostra attenzione non tanto per dirvi cosa penso io, ma per raccontarvi cosa ne pensano altri.

Vuole essere, questa, una lettura d’incoraggiamento, per quanti di voi dovessero condividere con me una certa malinconia nell’osservare la politica dei nostri giorni e questa legislatura che volge al termine. Sia bandito il pessimismo! La Repubblica può confidare nel futuro, forte di ingegni versatili, di stampo rinascimentale, devoti alla verità. Ve ne presento un paio.

L’onorevole Fiano, giunto al costituzionalismo muovendo dalla professione di architetto (e io, che son geometra, non posso che averne la massima considerazione), è intervenuto per sgombrare il campo da equivoci e cattivi pensieri: “Si intende, in tal modo, superare una diversità di trattamento tra cittadini italiani residenti in Italia e cittadini residenti all’estero in tema di elettorato passivo. (…) Si tratta, del resto, di una delle questioni maggiormente dibattute nel corso dell’iter di approvazione della legge sul voto degli italiani all’estero, la ben nota legge n. 459 del 2001. Da parte della dottrina sono stati addirittura avanzati dubbi sulla costituzionalità della limitazione dell’elettorato passivo ai soli cittadini residenti all’estero…”

La “dottrina”: quale? Tutta? Perchè non citare qualche nome, così da non lasciarci nell’oscurità? Pensando di fare cosa utile, mi sono addentrato nell’iter della “ben nota” legge citato da Fiano, ed è pur vero che dubbi ne furono sollevati, tant’è che Tremaglia chiese pareri a diversi costituzionalisti di chiara fama: un Presidente emerito della Corte, due professori ordinari e addirittura due professori straordinari.

Li trovate qui, ma se proprio non avete tempo, sappiate che dissero tutti più o meno la stessa cosa: date le precedenti revisioni costituzionali con le quali fu istituita la Circoscrizione Estero, la limitazione dell’elettorato passivo prevista dalla L.459/2001 non solo non è in contrasto con i principi di uguaglianza e di libertà, ma costituisce la conseguenza “logica”, “necessaria” del dettato costituzionale. Fiano, probabilmente, avrà consultato una versione novecentesca della Carta: cose che capitano, anche agli innovatori più incalliti.

Generoso com’è, non si è limitato alla dottrina: “Aggiungo, a mò di cronaca, che, per quello che riguarda il gruppo del PD, noi pensiamo che sia giusto candidare i rappresentanti delle nostre comunità all’estero.” Quindi è inutile polemizzare ed è scorretto ipotizzare, anzi, dovremmo apprezzare il fatto che si fa strada un approccio indubbiamente nuovo, destinato a cambiare in profondità l’ordinamento e la nostra vita quotidiana: a che serve una norma, una odiosa costrizione, quando basta mettersi d’accordo tra persone di buona volontà? Il PD non lo farà, anzi, sfida gli altri a dimostrarsi all’altezza: con lo stesso criterio, potremmo estendere l’immunità parlamentare anche all’omicidio, allo stupro; o forse abrogare direttamente le norme che li proibiscono, legate al tempo triste in cui il legislatore non aveva considerato il principio cardine della vita civile: il buon senso.

C’è un altro pensatore, in questo caso un ragioniere, anch’egli attorniato mattina e sera da costituzionalisti prodighi di consigli, che segue l’impostazione di Fiano ma, essendo più alto in grado, si concede una variazione sul tema degna della massima attenzione: l’onorevole Rosato.

“Capisco e rispetto chi dice che quella esclusività deve rimanere… Vorrei però che si ragionasse anche di un altro profilo: in una fase in cui la mobilità internazionale si sta sviluppando fortemente, assumendo caratteri di maggiore dinamismo e anche di sensibile circolarità tra diversi luoghi di lavoro e iniziativa professionale e imprenditoriale, è giusto o sbagliato rendere più flessibili i criteri di accesso della rappresentanza in modo da cercare di raccogliere anche queste istanze? E’ sicuro che la realtà estera, nel suo complesso, sia meglio conosciuta da chi per decenni non si è mai spostato da un luogo di lavoro e di vita, anziché da chi ogni giorno la frequenta spostandosi da un’area ad un’altra e da un Paese ad un altro, come ormai da tempo sta accadendo?”

Dubbio certamente legittimo, pur essendo curiosa questa rappresentazione in cui gli emigranti non si schiodano da casa; chi siamo noi per giudicare? Verrebbe dunque da pensare che il PD intenda attingere a queste risorse residenti negli aeroporti: manager, imprenditori, intermediari della ‘Ndrangheta. Ma non è così: “Confermo che il PD alle prossime elezioni saprà valorizzare… l’impegno dei singoli e la spinta collettiva che ha fatto di quelle esperienze un punto avanzato delle battaglie politiche di questi anni. E tutto questo è possibile proprio perché i nostri candidati sono residenti nei continenti che rappresentano, forti del loro radicamento.”

Ricapitoliamo: da una parte si rivendica la correzione di una presunta discriminazione, originata dal dettato costituzionale, con una legge ordinaria; dall’altra ci si interroga su quanto sarebbe più moderno e dinamico approfittare della nuova opportunità, ma vi si rinuncia (per adesso, perché in politica “valorizzare” non vuol dire candidare). E così ci liberiamo di quell’altro vetusto orpello del passato che è il principio di non contraddizione: Aristotele non avrebbe trovato posto nel PD, indipendentemente dalla sua residenza.

Sen. Claudio Micheloni

Ultima ora

22:00Calcio: derby alla Roma, Lazio battuta 2-1

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - La Roma si aggiudica il derby e sale a 30 punti, con una partita da recuperare, agganciando l'Inter al terzo posto. Preceduta dalle coreografie delle curve e dal ricordo di Gabriele Sandri - il tifoso laziale ucciso 10 anni fa da un poliziotto - la partita è equilibrata, soprattutto nel primo tempo chiuso sullo 0-0, con una rete di immobile annullata per fuorigioco. Nella ripresa il pressing permette alla Roma di prendere il sopravvento territoriale, schiacciare i biancocelesti e passare presto in vantaggio. Un'entrata avventata di Bastos su Kolarov, al 3', permette a Perotti di siglare l'1-0 dal dischetto. Il raddoppio giallorosso porta la firma di Nainggolan (7'), con un diagonale rasoterra molto preciso. La Lazio accorcia le distanze, ancora su rigore dopo consultazione della video assistenza da parte dell'arbitro Rocchi, con Immobile, autore della 15/a rete in campionato. Il pressing finale dei ragazzi di Inzaghi non frutta il pareggio.

21:36Incidente con quad nel Senese, un morto

(ANSA) - RAPOLANO TERME (SIENA), 18 NOV - Vigili del fuoco di Siena e 118 sono intervenuti a Rapolano Terme (Siena), in una zona impervia in località Armaiolo, per soccorrere due uomini che hanno avuto un incidente a bordo di un quad. Secondo quanto riferito, uno dei due uomini è morto, l'altro è rimasto ferito e l'ambulanza lo ha trasportato all'ospedale di Siena. Del caso si stanno occupando anche i carabinieri. Da ricostruire le circostanze dell'incidente.

21:12Nuoto: Pellegrini a Livorno vince nei 100 sl e dorso

(ANSA) - LIVORNO, 18 NOV - Federica Pellegrini vince la finale dei 100 stile libero (54"50) nel 41/o trofeo internazionale 'Mussi-Lombardi-Femiano' di Livorno davanti a Giada Galizi (54"62) e Aglaia Pezzato (55"04). La campionessa domina anche i 100 dorso dove si impone in 58"95 rifilando quasi un secondo di distacco a Carlotta Zofkovà (59"77), seconda classificata. Terzo gradino del podio per Veronica Neri (1'00"61). Arrivo al fotofinish, invece, nei 100 stile libero uomini dove Alessandro Miressi (48"40) ha beffato Luca Dotto, classificatosi secondo con appena un centesimo di ritardo. Terzo posto per Marco Orsi (48"59). Finale thrilling anche nella distanza corta con la vittoria di Dotto (21"80) che tocca due centesimi prima di Lorenzo Zazzeri. Sul podio anche Federico Bocchia (22"03). Nella stessa specialità tra le donne ha vinto Aglaia Pezzato (24"87), davanti a Paola Biagioli (25"49) e Giada Galizi (25"58)

20:54Azzurri: Nicchi “niente fretta, servono nervi saldi”

(ANSA) - CROTONE, 18 NOV - "Sarebbe un grosso errore decidere di fretta, mettendo da parte le cose buone e pensare al peggio. Il calcio italiano può risollevarsi, ma bisogna essere con i nervi saldi". Lo ha detto Marcello Nicchi, presidente dell'Associazione italiana arbitri, in relazione alla riunione del Consiglio federale della Figc prevista per lunedì. "Non dobbiamo farci prendere dalla frenesia", ha aggiunto Nicchi, a Crotone per partecipare ai 50 anni della locale sezione dell'Aia. "Noi non poniamo condizioni - ha detto ancora - ma dobbiamo ascoltare i progetti ed il programma che ci verrà presentato per far risorgere immediatamente il calcio italiano. E' un momento difficile, ma è anche il momento di avere i nervi saldi. E' necessario che gli organi direttivi siano nel pieno delle loro funzioni ed al momento le leghe di serie A e serie B non hanno i presidenti. Bisogna eleggerli al più presto per avere un Consiglio federale nella sua pienezza".

20:37Calcio: Mihajlovic, con Chievo più dura che con Inter

(ANSA) - TORINO, 18 NOV - Il Torino cerca di risalire sull'onda di San Siro, il pareggio da applausi con l'Inter che, prima della sosta, aveva fatto dimenticare le tante incertezze delle partite precedenti. Mihajlovic, però, avverte: "Se a Milano era difficile fare bella figura con l'Inter, con il Chievo sarà ancora più difficile confermarsi. Il segreto sarà avere lo stesso atteggiamento, la stessa concentrazione, affrontare Radovanovic come se fosse Borja Valero, Inglese come Icardi, Castro come Perisic". Una delle incognite è Belotti. "E' tornato sotto choc, ci ha messo qualche giorno a riprendersi. Adesso spero che sfoghi la rabbia accumulata per la grande delusione con la Nazionale domani sul campo. Gallo non è ancora in forma - è l'analisi di Mihajlovic - per uno con il suo fisico è normale dopo un infortunio. Può entrare in forma solo giocando e allenandosi".

20:26Cadavere in mare Salento: forse è di avvocato scomparso

(ANSA) - LECCE, 18 NOV - Potrebbe appartenere a Besnik Muço, avvocato 54enne di origini albanesi residente a Macerata, ex procuratore generale di Tirana, il corpo recuperato 12 giorni fa nelle acque di Castro (Lecce). Muço era scomparso lo scorso 6 novembre. Al momento si tratta solo di un'ipotesi investigativa in attesa che la magistratura disponga l'esame del Dna sul corpo che, a causa delle mareggiate e del continuo sbattere contro gli scogli, è rimasto orribilmente mutilato. Il legale, il 2 novembre scorso, si sarebbe dovuto imbarcare sul traghetto della linea Adria Ferries che da Durazzo era diretto a Bari. Avrebbe fatto il check-in e poi, dalle ore 23, il suo cellulare è stato spento e da quel momento nessuno è più riuscito a mettersi in contatto con lui. Secondo gli investigatori, tempi e luogo del ritrovamento sarebbero compatibili con l'ipotesi che si possa trattare proprio del legale albanese.

20:24Riina: nessun elemento particolare dall’autopsia

(ANSA) - PARMA, 18 NOV - Nessun elemento particolare sarebbe emerso dall'autopsia sul corpo di Totò Riina, il capo dei capi della mafia siciliana morto ieri all'ospedale Maggiore di Parma. E' stata eseguita dal medico legale Rosa Gaudio, disposta dalla Procura di Parma quasi come atto dovuto. Per completare gli accertamenti la consulente ha due mesi: le arriveranno gli esiti degli esami che concorreranno a delineare la causa della morte di un 87enne con più patologie, sottoposto a due interventi recenti. Nessuna sorpresa, dunque, dai primi rilievi. Mentre si attende il nulla osta della Procura per il trasferimento della salma in Sicilia, che potrebbe arrivare lunedì, l'ultimo saluto a Totò Riina è stato dato a Parma da due dei suoi quattro figli, Salvo e Maria Concetta, e dalla vedova Ninetta Bagarella: è durato 30 minuti, scortato dalla Polizia. Hanno dovuto attendere la fine dell'autopsia, poi hanno reso omaggio al familiare nelle camere mortuarie dell'ospedale, dove era ricoverato da dicembre 2015, nel reparto detenuti. (ANSA).

Archivio Ultima ora