Serie A: la Juve a -1 dal Napoli, il Toro frena l’Inter

Pubblicato il 05 novembre 2017 da ansa

Fiorentina-Roma 0-1: al 5′ El Shaarawy serve Gerson in area di rigore e il brasiliano di sinistro supera Sportiello.
ANSA/MAURIZIO DEGL’INNOCENTI

 

ROMA. – Napoli e Inter rallentano, la Juve risale dopo lo spavento contro la cenerentola Benevento, la Roma firma la 5/a vittoria fuori casa e sale ancora: sono gli ingredienti della 12ma giornata di Serie A che ha visto anche il rinvio di Lazio-Udinese per il nubifragio abbattutosi sull’Olimpico.

E’ stata un giornata di campionato ricca di pathos e qualche inciampo, come è capitato alle prima e seconda della classe, fermate da un Toro spavaldo e coriaceo e da un Chievo ordinato e da un Sorrentino paratutto. Complice il pari nerazzurro all’ora di pranzo a S.Siro, gli azzurri avevano l’occasione di allungare: le occasioni il Napoli, reduce dalle fatiche europee, le ha avute ma la scarsa lucidità in avanti e un grande portiere hanno fermato la corsa dopo 9 vittorie esterne consecutive.

Il Chievo, tornato a fare punti dopo due ko di fila, ci ha anche provato a fare il colpaccio, spaventando con un tiro da 50 metri di Radovanovic Sepe (Reina fuori per infortunio) che si è salvato con un colpo di reni. Dal +2 sull’Inter il vantaggio sull’immediata inseguitrice si assottiglia.

Ma per la Juve, staccata ora di appena un punto, la gara contro il Benevento cenerentola d’Europa (al 12mo ko di fila) è stata tutt’altro che semplice. Anzi. Perchè Amato Ciciretti al 19′ si inventa una punizione che lascia di stucco Szczesny e ammutolisce lo Stadium. Certo, la sfortuna di mette lo zampino (due legni) ma il Benevento è ordinato e non ha nulla da perdere.

A ristabilire le gerarchie ci pensano Higuain (dopo un’ora di gara) e Cuadrado al 65′, ma – va detto – oggi la Juve ha faticato, anche se alla fine ha vinto e guadagnato una posizione in classifica, approfittando del rallentamento dell’Inter. Che, alla fine, la sua partita l’ha ripresa, ma avrebbe potuto anche perderla.

Merito di un bel Toro che porta via da S.Siro un meritato punto. I nerazzurri hanno certo più da recriminare per le occasioni avute ma i granata possono, dalla loro, rammaricarsi per il vantaggio sfumato a soli 11′ dal termine. Una bella partita, davanti a 70mila tifosi che non si sono certamente annoiati e che speravano in un nuovo sorpasso.

E’ Iago Falque al 59′ a portare avanti gli ospiti con una bella conclusione del limite, gli risponde 20′ dopo Eder che sfrutta al meglio un assist di Icardi. A 2′ dalla fine Vecino fa gridare al gol con una botta dalla distanza ma la palla prende il pieno l’incrocio dei pali e rinvia i sogni di vetta.

La partita più divertente della giornata va in scena al Franchi, dove la Roma firma il poker, scopre l’estro di Gerson, anche se soffre in difesa, il reparto più blindato del campionato. Sale a 27 punti e con la gara di Marassi da recuperare, grazie alla doppietta del rinato brasiliano (5′ e 30′), che Di Francesco ha ‘ricostruito’ dopo le comparsate dell’era Spalletti, e ai gol di Manolas (5′ st) e Perotti (42′ st). Eppure la Viola si era rimessa in gioco due volte raggiungendo il pari con Veretout (9′ pt) e Simeone (39′ pt).

A fermare la Lazio ci ha pensato il nubifragio prepartita e che ha indotto l’arbitro Banti, con una decisione condivisa dai capitani delle due squadre, a rinviare la partita a data da destinarsi (e sarà un bel rebus, visto anche l’ingolfamento del calendario, con i playoff delle nazionali, le coppe europee e, a dicembre, la Tim Cup). Una decisione logica, soprattutto per evitare infortuni ai giocatori (sarà contento anche il ct Ventura che aveva già Immobile a rischio) che ha suscitato qualche mugugno sugli spalti dal momento che lo stop è arrivato a fine nubifragio e quando sembravano esserci le condizioni per disputare il match.

In coda, la sfida salvezza alla Sardegna Arena la vince il Cagliari in rimonta (Zuculini 6′ pt, Ceppitelli 28′ pt, Faragò 40′ st): una vittoria che fa rifiatare gli isolani (12 punti) e lascia il Verona penultimo a 6 punti, in compagnia del Genoa che ha oggi esonerato Juric (3/a panchina saltata in A).

Ultima ora

17:33Afghanistan: 18 miliziani Isis uccisi in provincia Nangarhar

(ANSA) - NEW DELHI, 20 NOV - Almeno 20 militanti dell'Isis sono stati uccisi durante due operazioni aeree e terrestri in due distretti della provincia orientale afghana di Nangarhar. Lo hanno reso noto funzionari locali. Il portavoce del governo provinciale, Attaullah Khogyani, ha precisato che le operazioni militari sono state condotte la scorsa notte nei distretti di Achin, dove 14 militanti sono stati uccisi fra cui un comandante locale di nome Saqib, e di Khogyani (quattro guerriglieri morti). Soprattutto il distretto di Achin è considerato una roccaforte dei seguaci del 'Califfo' Abu Bakr al Baghdadi, ed in esso gli incidenti armati sono pressoché quotidiani.

17:33Migranti: la Libia apre un’indagine sugli abusi

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Il governo libico di unità nazionale ha aperto "un'indagine" sullo "sfruttamento degli immigrati clandestini e lavori forzati in Libia da parte di organizzazioni criminali", resi noti "dai media nei giorni scorsi". Lo riferisce una nota del ministero degli Esteri libico, sottolineando il proprio "disappunto e rifiuto verso queste pratiche disumane, contrarie alla cultura e alla tradizione del popolo libico". "Se tali accuse verranno provate - aggiunge la nota - tutti i soggetti coinvolti saranno puniti e indagati".

17:31Figc: Veltroni, uscire da logica voti

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Ci sono riforme radicali da affrontare per il calcio, bisogna uscire dalla logica dei voti che accomuna tante federazioni alla politica". Così Walter Veltroni a Sky dopo le dimissioni del presidente della Figc Carlo Tavecchio. "Io in Figc? Il calcio non è il Parlamento, piuttosto che una logica di voti maggioranza-minoranza, servono persone interne al mondo del calcio o una combinazione tra una figura manageriale e persone che hanno giocato e hanno competenze ed esperienza".

17:30Truffa Ssn: sequestrati 7,3 milioni euro a 3 cliniche romane

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Rimborsi per prestazioni di assistenza domiciliare sanitaria e parasanitaria superiori a quelle effettivamente eseguite. E' la truffa ai danni del Ssn che il pm di Roma Alberto Pioletti contesta a quattro amministratori di tre cliniche "Hospice" in carica tra il 2011 ed il 2015. Oggi i carabinieri del Nas hanno sequestrato sette milioni e 300 mila euro, per il pm rimborsati indebitamente, dai conti delle case di cura Villa speranza, Fondazione Roma e Sant'Antonio da Padova. Il servizio "Hospice" è offerto dalle cliniche private a malati terminali. Quando non ci sono posti a disposizione l'assistenza sanitaria e parasanitaria si svolge nelle abitazioni dei pazienti. L'inchiesta ha preso le mosse dall'esposto di un medico di una delle tre cliniche.

17:29Donna morta accoltellata in casa nel Bolognese

(ANSA) - BOLOGNA, 20 NOV - Una donna sui 60 anni è stata trovata morta accoltellata in una villetta a Budrio, nel Bolognese. Il Pm di turno Stefano Orsi e i Carabinieri sono sul posto. Avrebbe almeno due ferite, di cui una nella schiena. Nella casa non ci sono apparentemente segni di colluttazione. Indagini sono in corso. La casa dove è stato trovato il cadavere, a quanto si apprende da familiari, è in aperta campagna. La frazione è Armarolo di Budrio, via Luzzo. Indagano i Carabinieri della Compagnia di Molinella. (ANSA).

17:28Zimbabwe: domani impeachment in Parlamento per Mugabe

(ANSA) - HARARE, 20 NOV - Le procedure parlamentari di impeachment del presidente Robert Mugabe dovrebbero durare solo due giorni a cominciare da domani: lo ha previsto Paul Mangwana, vicesegretario per gli affari legali della Zanu-Pf, il partito di governo dello Zimbabwe.

17:26Argentina: segnali non erano del sottomarino disperso

(ANSA) - BUENOS AIRES, 20 NOV - La Marina militare argentina ha reso noto che i brevi messaggi satellitari captati sabato non provenivano dal sottomarino disperso con 44 membri di equipaggio a bordo. Come ha riferito il portavoce della Marina Enrique Balbi, i sette messaggi satellitari in bassa frequenza sono stati esaminati ed è stato stabilito che non corrispondono al sottomarino, l'ARA San Juan, di cui si sono peri i contatti sin da mercoledì scorso.

Archivio Ultima ora