La Anc contro i politici di opposizione, processi alle porte

Julio Chávez ha dichiarato che la Anc continuerà ad approvare procedimenti contro i politici di opposizione che hanno complottato contro la stabilità dello stato venezuelano
Julio Chávez ha dichiarato che la Anc continuerà ad approvare procedimenti contro i politici di opposizione 

 

Caracas. -Il costituente Julio Chávez ha dichiarato che la Anc continuerà ad approvare procedimenti contro i politici di opposizione che hanno complottato contro la stabilità dello stato venezuelano

.  Questa affermazione non coglie nessuno di sorpresa. C’era da aspettarselo.

La Anc ha autorizzato il Tsj a sospendere l’immunità parlamentare di Guevara e molto probabilmente la misura ricadrà su altri parlamentari dell’opposizione.

Julio Chávez assicura che il proposito della Anc è garantire la pace nel paese e per farlo deve impedire che ci sia impunità.

Persecuzione ai parlamentari e pace nel paese

Quindi, togliere l’immunità parlamentare e portare a giudizio prima Guevara e, molto probabilmente, poi qualcun altro, è la via giusta per eliminare l’impunità nel paese e rappacificarlo.

In un’intervista al canale televisivo Venevisión, Chávez ha assicurato che i dirigenti dell’opposizione venezuelana hanno favorito “azioni di violenza estrema” e “una intervenzione militare straniera in Venezuela.” Tutto per far cadere il governo.”

E perciò, non ci sarà impunità per tutti quelli che hanno formato parte della pianificazione degli atti di violenza che sono conosciuti da tutti – ha aggiunto Chávez.

E ovviamente, ha citato Julio Borges come un caso su cui la Anc metterà un occhio. Secondo Chávez, Borges ha partecipato in atti incostituzionali.

“Ha fatto giri per il mondo chiedendo a istituzioni finanziarie di bloccare finanziariamente il paese.

Il costituente ha spiegato che la Anc ha autorizzato il Tsj perché continui il processo a Freddy Guevara. Allo stesso modo come lo farà con altri dirigenti dell’opposizione collusi con atti di violenza e terrorismo succeduti durante tre mesi.”

Insomma, le decisioni contro Guevara sembra abbiano aperto la strada per iniziare la caccia alle streghe. E le streghe potrebbero essere altri parlamentari venezuelani.

Decisioni, però, che invece di rappacificare il paese, come sostiene Julio Chávez, potrebbero portarlo a nuovi conflitti sempre più difficili da risolvere.