Il mantra di Ventura: “Un gol e vi regalo i Mondiali”

Pubblicato il 09 novembre 2017 da ansa

Gian Piero Ventura durante una seduta di allenamento a Coverciano. ANSA/MAURIZIO DEGL’INNOCENTI

STOCCOLMA. – “Lo dico con umiltà ma convinto: l’Italia andrà ai Mondiali”. Gian Piero Ventura vive la vigilia della sfida di andata con la Svezia, il momento più importante della sua carriera, senza regalare frasi churchilliane, ma con un’ostentata certezza: quella di raggiungere un traguardo che viene considerato l’obiettivo minimo da tutti, ma tanto scontato poi non è.

La solitudine di un uomo che ha, per antica definizione, 55 milioni di rivali (ovvero tutti gli italiani convinti di saper piazzare Verratti meglio di come faccia lui) lo rende più ombroso e sarcastico del solito, nonostante a sostenerlo platealmente nell’ultima conferenza stampa prima dello spareggio siano arrivati il presidente federale Tavecchio e i suoi vice Sibilia e Ulivieri.

A complicare le cose al ct , poi, è sopraggiunto nell’ultimo allenamento a Coverciano l’infortunio di Zaza, predestinato a fare coppia con Immobile. E invece un riacutizzarsi di un vecchio problema al ginocchio, e il giocatore del Valencia domani molto probabilmente sarà solo spettatore.

Con Ventura costretto – se non a ridisegnare la squadra – a inserire Belotti, apparso ancora un po’ in ritardo di condizione in campionato, Eder o Insigne nel ripescato modulo 3-5-2. “Zaza? Vediamo di provare a recuperarlo, ma Belotti – spiega – sta decisamente meglio rispetto a quando è arrivato in ritiro. Ha lavorato più degli altri, se c’è bisogno può dare un contributo”.

Ma questi sono dettagli: importanti, e però tutto sommato semplici annotazioni a margine di una pagina storica tutta da scrivere. Ventura infatti sa che nessuno si ricorderà di Zaza, dopo lo spareggio: in un senso o nell’altro. E se fosse il senso sbagliato, quello della sua Italia, finirebbe non solo la carriera azzurra di questo settantenne genovese (nell’unico precedente di eliminazione, quello del 1958, nulla venne perdonato a una leggenda come Alfredo Foni, campione del mondo del 1938 e campione olimpico del 1936 da giocatore, defenestrato da ct un nanosecondo dopo la sconfitta con l’Irlanda del Nord): persino le ricadute a livello politico sportivo sarebbero altamente probabili.

Ma almeno in queste ore, nessuno nell’ambiente azzurro vuole pensare a quella che nella corsa alle metafore è arrivata al grado di “apocalisse” (definizione del presidente federale Tavecchio). Apocalisse magari no, ma certo una Caporetto sportiva nell’anniversario di quella reale si configurerebbe. E allora fa bene Buffon a dire che non vuole nemmeno pensarci all’eliminazione: e fa ancora meglio il ct a ribadire serenità alla vigilia della partita “Più eccitante e rischiosa” della sua carriera.

E d’altra parte lo choc di una sfida da dentro o fuori dovrebbe far superare agli azzurri la crisi d’identità nella quale si sono avvitati dalla sconfitta per 3-0 subìta a inizio settembre ad opera della Spagna. Era, quello, il momento del sogno: l’Italia avveniristica schierata da Ventura in un 4-2-4 mai visto, si trovò rintronata dalla scoppola presa.

Per poi offrire a seguire una serie di prestazioni quantomeno enigmatiche. “Ma dopo quella gara noi abbiamo fatto quello che dovevamo – rivendica – siamo entrati tra le migliori quattro seconde dei gironi di qualificazione: i commenti finali li faremo dopo gli spareggi”.

Fatto sta che per l’occasione Ventura torna all’usato sicuro: un modulo collaudato, il 3-5-2, imperniato sulla difesa ritrovata Barzagli-Bonucci-Chiellini davanti a Buffon. A centrocampo Candreva, Parolo, De Rossi, Verratti e Darmian, in avanti Belotti favorito per fare coppia con Immobile.

Di fronte, una Svezia senza nulla da perdere e schierata nel 4-4-2 classico di Andersson, che perso per anzianità Ibrahimovic ha in Forsberg la sua intermittente stellina. Un buon collettivo, ordinato e tatticamente ben messo: ma tecnicamente inferiore agli azzurri anche in questo periodo di vacche magre del calcio italiano.

Nell’ottica del doppio impegno, andrebbe benone a Ventura anche un pareggio in vista del ritorno di lunedì a Milano . Ma in un moto d’orgoglio il ct puntualizza, chiudendo: “Pari sì, ma voglio un gol”.

(dell’inviato Piercarlo Presutti/ANSA)

Ultima ora

17:37Tennis: ranking Nadal saldo al n.1, Fognini 27/o

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Con la conclusione delle Atp Finals diventa praticamente definitiva la classifica del tennis mondiale dove lo spagnolo Rafa Nadal è saldamente al comando, per la quattordicesima settimana, e chiude l'anno con 1.040 punti di vantaggio sullo svizzero Roger Federer. Sul gradino più basso del podio mondiale irrompe il bulgaro Grigor Dimitrov, vincitore a Londra che si regala il best ranking superando in un colpo il tedesco Alexander Zverev, l'austriaco Dominic Thiem e il croato Marin Cilic. Best ranking anche per il finalista del Masters, il belga David Goffin, che sale in settima posizione, e per lo statunitense Jack Sock, che grazie alla semifinale londinese si va ad accomodare sulla poltrona numero otto. Fabio Fognini si conferma numero uno azzurro: il 30enne ligure è stabile al numero 27, così come Paolo Lorenzi in 43/a posizione e Thomas Fabbiano al 73/o posto. Risale di un paio di gradini invece Andreas Seppi, ora al n. 87. Fa un passo avanti anche Marco Cecchinato, numero 110.

17:37Ex generale suicida: don Maurizio, eri esempio rettitudine

(ANSA) - SULMONA (L'AQUILA), 20 NOV - "Siamo in tanti perché eri un esempio di rettitudine e amore per la natura: qui c'è tutta Sulmona che vuole manifestarti affetto e riconoscenza". E' un passaggio dell'omelia di don Maurizio Nannarone, che nella chiesa di Santa Maria della Tomba a Sulmona, ha celebrato i funerali di Guido Conti, l'ex generale dei carabinieri forestali che si è tolto la vita venerdì scorso nelle campagne di Pacentro (L'Aquila). Tra i banchi della chiesa i vertici dei carabinieri con in testa il comandante della Ogaden, Giovanni Nistri, l'ex procuratore capo dell'Aquila, Fausto Cardella, il capo della Procura di Sulmona, Giuseppe Bellelli, il suo collega di Vasto, Giampiero Di Florio, il presidente del Consiglio regionale, Giuseppe Di Pangrazio, il presidente del Tribunale di Sulmona, Giorgio Di Benedetto, la senatrice Paola Pelino, l'ex presidente del Consiglio regionale, Nazario Pagano, l'attuale questore di Pescara, Francesco Misiti, e il suo predecessore, Paolo Passamonti. Alle esequie anche l'ex comandante provinciale dei Cc di Pescara, Paolo Piccinelli, che con Conti ha condiviso un periodo in Umbria. (ANSA).

17:33Afghanistan: 18 miliziani Isis uccisi in provincia Nangarhar

(ANSA) - NEW DELHI, 20 NOV - Almeno 20 militanti dell'Isis sono stati uccisi durante due operazioni aeree e terrestri in due distretti della provincia orientale afghana di Nangarhar. Lo hanno reso noto funzionari locali. Il portavoce del governo provinciale, Attaullah Khogyani, ha precisato che le operazioni militari sono state condotte la scorsa notte nei distretti di Achin, dove 14 militanti sono stati uccisi fra cui un comandante locale di nome Saqib, e di Khogyani (quattro guerriglieri morti). Soprattutto il distretto di Achin è considerato una roccaforte dei seguaci del 'Califfo' Abu Bakr al Baghdadi, ed in esso gli incidenti armati sono pressoché quotidiani.

17:33Migranti: la Libia apre un’indagine sugli abusi

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Il governo libico di unità nazionale ha aperto "un'indagine" sullo "sfruttamento degli immigrati clandestini e lavori forzati in Libia da parte di organizzazioni criminali", resi noti "dai media nei giorni scorsi". Lo riferisce una nota del ministero degli Esteri libico, sottolineando il proprio "disappunto e rifiuto verso queste pratiche disumane, contrarie alla cultura e alla tradizione del popolo libico". "Se tali accuse verranno provate - aggiunge la nota - tutti i soggetti coinvolti saranno puniti e indagati".

17:31Figc: Veltroni, uscire da logica voti

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Ci sono riforme radicali da affrontare per il calcio, bisogna uscire dalla logica dei voti che accomuna tante federazioni alla politica". Così Walter Veltroni a Sky dopo le dimissioni del presidente della Figc Carlo Tavecchio. "Io in Figc? Il calcio non è il Parlamento, piuttosto che una logica di voti maggioranza-minoranza, servono persone interne al mondo del calcio o una combinazione tra una figura manageriale e persone che hanno giocato e hanno competenze ed esperienza".

17:30Truffa Ssn: sequestrati 7,3 milioni euro a 3 cliniche romane

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Rimborsi per prestazioni di assistenza domiciliare sanitaria e parasanitaria superiori a quelle effettivamente eseguite. E' la truffa ai danni del Ssn che il pm di Roma Alberto Pioletti contesta a quattro amministratori di tre cliniche "Hospice" in carica tra il 2011 ed il 2015. Oggi i carabinieri del Nas hanno sequestrato sette milioni e 300 mila euro, per il pm rimborsati indebitamente, dai conti delle case di cura Villa speranza, Fondazione Roma e Sant'Antonio da Padova. Il servizio "Hospice" è offerto dalle cliniche private a malati terminali. Quando non ci sono posti a disposizione l'assistenza sanitaria e parasanitaria si svolge nelle abitazioni dei pazienti. L'inchiesta ha preso le mosse dall'esposto di un medico di una delle tre cliniche.

17:29Donna morta accoltellata in casa nel Bolognese

(ANSA) - BOLOGNA, 20 NOV - Una donna sui 60 anni è stata trovata morta accoltellata in una villetta a Budrio, nel Bolognese. Il Pm di turno Stefano Orsi e i Carabinieri sono sul posto. Avrebbe almeno due ferite, di cui una nella schiena. Nella casa non ci sono apparentemente segni di colluttazione. Indagini sono in corso. La casa dove è stato trovato il cadavere, a quanto si apprende da familiari, è in aperta campagna. La frazione è Armarolo di Budrio, via Luzzo. Indagano i Carabinieri della Compagnia di Molinella. (ANSA).

Archivio Ultima ora