II Semana de la Cocina Italiana en el mundo: ’’Italia y el amor por el café’’

Pubblicato il 13 novembre 2017 da redazione

CARACAS – En la Librería Lugar Común del Centro Comercial Paseo las Mercedes, en un ambiente decorado con banderines en alusión a los colores de la bandera italiana, se dieron cita el reconocido barista, Pietro Carbone y un atento público cafetero. Con los asientos ocupados en su totalidad y un numeroso grupo de pie, inició el conversatorio ’’Italia y el amor por el café’’ en el marco de la Semana de la Lengua y la Cocina Italiana en el mundo.

Un buen café es el pretexto perfecto para compartir un rato ameno en compañía de amigos y conocidos. En Italia es un agente socializador en potencia. Brinda el aroma y el gusto tan deseado por sus residentes.Durante su juventud, Pietro Carbone aprendió a tomar el espresso sin azúcar gracias a su padre. Fue en Nino Carbone Boutique, el negocio de la ’’familia’’, donde desarrolló su pasión por el café. Durante sus permanencia en Italia trabajó en varios bares de Milano y Torino, tales experiencias lo condujeron a convertirse en experto de este delicioso grano.

El principal café en Italia es el “espresso”. Hecho en máquina especiasles, servido en taza pequeña con poca cantidad de agua y fuerte.

El café no es demasiado fuerte, tú eres demasiado débil afirman los italianos, quienes acostumbran a consumir poco lácteo. Agregarle leche a un buen café siempre está de más.

También se encuentran las variaciones al “espresso”, como el café ristretto, lungo y doppio y ell café macchiato ’”manchado’’, hecho con poca leche caliente. No se puede dejar de mencionar el famoso cappuccino, hecho con leche caliente vaporizada para obtener la espuma, servido en taza grande. Otros cafés de consumo en Italia es el caffelatte, latte macchiato, marocchino, mocaccino, caffé viennese, caffé con la panna, caffé freddo, caffé shakerato, caffé americano, caffé d’orzo y decaffeinato.

Mientras que Pietro Carbone hablaba sobre el famoso grano, los dos baristas que se encontraban a su lado exhibían su preparación.

La popularidad del café sostuvo el desarrollo de la revolución industrial que comenzó en Gran Bretaña y se extendió a otros lugares de Europa y Norte América a inicios de 1800.

La primera máquina para hacer espresso fue construida por el italiano Angelo Moriondo en 1884. Tal invención fue llamada ’’nueva maquinaria de vapor para la elaboración económica e instantánea de bebidas de café’’. Posteriormente, en el año 1901, el milano Luigi Bezzera patentó mejoras a la máquina como lo fue la obtención de crema o espuma para ser agregada al espresso. En 1905 Desiderio Pavoni  adquirió la patente e instauró la empresa ’’La Pavoni’’ para comercializar finalmente la máquina.

Por cultura, ’’la santidad’’ de un espresso es servirlo en taza.

El ambiente propiciaba la retroalimentación entre el ponente y su público. Algunos compartieron su experiencia con el grano servido en taza, otros preguntaban o simplemente compartían su opinión respecto al tema en curso.

-¿Es bueno tomar mucho café?- preguntó un espectador.

Según la Organización de las Naciones Unidas para la Alimentación y la Agricultura (FAO), el café es irritante para el estómago solo cuando supera los 65 grados centigrados. La bebida a base de este grano presenta más antioxidantes que el brócoli. La teína, afirmó Pietro, es más fuerte que la cafeína.

Carbone considera un ’’desperdicio’’ saborizar un buen café. No obstante, agregarle aguardiente o ’’grappa’’ no está mal. En cada país hay un gusto diferente en la realización del recuelo que debe ser respetado. Hay quienes consideran que el café colombiano es ’’aguado’’, esto no significa que sea malo. Todo es cuestión de cultura y tradición.

En Venezuela la manera típica de hacer un café es filtrado con un colador de tela. Algunos de los cafés más tomados son el cortado, tetero, café con leche, marrón claro, marrón oscuro, marrón, guarapo, guayoyo, envenenado y cerrero. El uso del azúcar como endulzante siempre es válido.

De mañana, tarde o noche el café siempre es bien recibido en los hogares venezolanos. Desde el siglo XVIII desplazó al cacao como bebida chocolatada para imponerse casi en su totalidad. El café representa el despertar de un pueblo, que al tomarlo, comienza con buen pie su faena diaria.

Adrián Soares

Ultima ora

18:09Maltempo: pioggia battente, allagamenti e disagi nel Salento

(ANSA) - LECCE, 18 NOV - E' emergenza maltempo nel Basso Salento, sferzato da 72 ore da vento e pioggia battente. Interi comuni del Capo di Leuca sono allagati. La pioggia e il vento hanno provocato la caduta di numerosi alberi uno dei quali, sulla litoranea per San Cataldo, si è abbattuto mentre passava un'auto con due persone a bordo, riamaste leggermente ferite. Decine gli interventi dei vigili del fuoco per liberare dall'acqua strade e scantinati. Allagati uliveti e campagne. A Santa Maria di Leuca l'acqua ha generato delle suggestive cascate cadendo a pochi metri dal porto. Un tratto della ferrovia che attraversa Presicce è rimasto sommerso dall'acqua, mentre a Taurisano le infiltrazioni hanno provocato la caduta di alcuni calcinacci nella scuola primaria "Aldo Sabato"; gli alunni sono stati fatti evacuare per sicurezza e portati a casa dai genitori.

17:28Azzurri: Spalletti, Ancelotti è il meglio per la Nazionale

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 18 NOV - ''Io ho la mia posizione ora. Mi piacerebbe allenare la Nazionale ma non ora. Voglio lavorare bene con l'Inter. Vedo bene però Ancelotti, ha il consenso degli allenatori, dei giocatori, di tutti. Per la nostra Nazionale bisogna mirare al meglio e lui è il meglio'': lo dice il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti, alla vigilia della partita contro l'Atalanta, rispondendo ad una domanda sul miglior candidato alla panchina azzurra.

17:19Argentina:Macri,speriamo trovare sottomarino prima possibile

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - "Ci impegniamo a utilizzare tutte le risorse nazionali e internazionali necessarie per trovare il sottomarino Ara San Juan il prima possibile". Lo ha detto il presidente argentino Mauricio Macri riferendosi al sottomarino di cui si sono persi i contatti la mattina di mercoledì. Lo scrive il quotidiano locale La Nacion. Il presidente ha parlato da Chapadmalal, vicino alla base navale di Mar del Plata, stazione abituale del sottomarino. Macri ha poi aggiunto che il governo è "in contatto con le famiglie dell'equipaggio" dell'Ara San Juan "per informarli e sostenerli". Attraverso i messaggi sul suo account Twitter, ha aggiunto: "Condividiamo la vostra preoccupazione e quella di tutti gli argentini". Il sommergibile, con 44 membri d'equipaggio a bordo, era partito mercoledì da Ushuaia ed era diretto alla base a Mar del Plata.

17:15Sicurezza stradale: premiata Nonna Lisa, 106 anni in Vespa

(ANSA) - CITTÀ DI CASTELLO (PERUGIA), 18 NOV - "Andate piano, rispettate il codice della strada, non bevete quando siete in moto o al volante e soprattutto indossate sempre il casco": Luisa Zappitelli, 106 anni compiuti l'8 novembre scorso, per tutti Nonna Lisa a Città di Castello, appassionata di Vespa, è stata prodiga di consigli per gli studenti intervenuti stamani nel ridotto del Teatro della sua città, dove ha ricevuto dalle mani di Silvia Frisina, dell'Associazione Familiari vittime della strada, il premio speciale assegnato nell'ambito del Premio "Basta sangue sulle strade". Nonna Lisa è stata premiata "per essere la più longeva testimonial di sicurezza stradale, attiva ancora oggi nel diffondere messaggi di sensibilizzazione all'uso del casco, raccomandando con affetto materno di dare sempre valore alla vita e soprattutto dimostrando con l'esempio personale un gran senso civico". Nell'occasione odierna, Città di Castello è stata la prima città italiana ad ospitare la campagna dal titolo "Chi guida non beve", promossa dall'associazione delle vittime della strada in collaborazione con Polizia, Confindustria Ancma ed Eicma. La campagna è destinata in particolar modo agli avventori dei locali dal ballo, discoteche, ristoranti, bar, pub e altri luoghi in cui il consumatore può entrare in contatto con l'alcol. (ANSA).

17:13Mo: Anp, non accetteremo pressioni o ricatti su Olp

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 NOV - I Palestinesi non accetteranno "pressioni o ricatti" sull'ambasciata dell'Olp a Washington. Lo ha detto, in un'intervista a 'Voice of Palestine' ripresa dall'agenzia Wafa, il ministro degli Esteri Riyad Malki rispondendo così ad una fonte del Dipartimento di Stato Usa che ha minacciato la chiusura della sede se i palestinesi non si impegneranno in serie trattative con Israele o se porteranno lo stato ebraico davanti al Tribunale Penale dell'Aja.

17:07Libano: Hariri, chiarirò mia posizione in Libano

(ANSA) - PARIGI, 18 NOV - Saad Hariri, lasciando l'Eliseo, ha confermato che tornerà in Libano dove chiarirà la sua decisione politica dopo aver incontrato il presidente Aoun. Hariri ha anche ringraziato il presidente francese Emmanuel Macron dell'accoglienza a Parigi. Dovrebbe rientrare in Libano mercoledì.

17:05Calcio: Spalletti, contro Atalanta Inter deve vincere

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 18 NOV - ''Non stendiamo nessun tappeto alle giustificazioni. Se c'è qualche giocatore che è rimasto turbato dalla mancata qualificazione ai Mondiali, per noi sarebbe un danno. Non possiamo essere limitati da queste debolezze caratteriali. Dobbiamo portare assolutamente a casa questa partita'': lo dice il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti rispondendo alle domande dei tifosi - in una diretta con Inter Tv - subito prima della conferenza stampa alla vigilia della partita contro l'Atalanta, domani a San Siro.

Archivio Ultima ora