Il feeling tra Trump e Duterte imbarazza gli Usa

Pubblicato il 13 novembre 2017 da ansa

Trump e Duterte sotto i rispettivi vessilli nazionali (Getty Images)

NEW YORK. – Tra Donald Trump e Rodrigo Duterte è feeling vero. E pazienza se il controverso presidente filippino è accusato di condurre una sanguinosissima guerra alla droga e di aver ordinato l’uccisione di migliaia di persone al di fuori di ogni norma e regola giudiziaria.

Il presidente americano durante il cordialissimo faccia a faccia ha appena sfiorato il tema dei diritti umani, come informa la stessa Casa Bianca. Anche se il portavoce del governo di Manila addirittura smentisce che il tycoon abbia fatto un qualunque riferimento a questo delicato tema, spiegando invece come Trump abbia dato pieno sostegno alla battaglia portata avanti dal leader filippino contro quella che è considerata un’emergenza nazionale.

Comunque sia andata, quella di Trump è stata una svolta rispetto alla tradizionale linea dei presidenti americani, sempre molto attenta al tema diritti durante le missioni in Paesi controversi. Il suo stile più da uomo d’affari che da presidente come sempre lo ha portato ad affrontare con Duterte le questioni di comune interesse – come la lotta all’Isis, la difesa dalla minaccia della Corea del Nord, gli scambi commerciali – lasciando sostanzialmente da parte gli argomenti più scomodi. Uno schema che il tycoon ha adottato anche nel suo incontro di pochi giorni fa con Xi Jinping.

Non è però passata inosservata sui media Usa la mancata reazione di Trump alle dure parole di Duterte verso i giornalisti presenti all’inizio dell’incontro, ai quali non è stata data la possibilità di fare domande. Ma soprattutto a creare imbarazzo alla casa Bianca è stata la risata del tycoon quando il leader filippino ha zittito un reporter, poi spintonato insieme ad altri fuori dalla stanza dal personale addetto alla sicurezza.

“Abbiamo una grande relazione con Duterte, il nostro incontro è stato un grande successo”, si è limitato a dire Trump, che è stato visto parlottare in maniera fitta e molto amichevole con Duterte anche durante la cena di gala offerta domenica sera dal presidente filippino. Cena durante la quale quest’ultimo ha anche intonato un brano dedicandolo all’amico Donald.

A gettare un’ombra sulla missione di Trump a Manila, però, è stato anche un altro aspetto, questo legato al conflitto di interesse tra un presidente che è anche a capo di un impero immobiliare. Tra i presenti all’incontro con Duterte c’era infatti anche Jose Antonio, un immobiliarista partner di Trump nel progetto per la costruzione di un lussuoso grattacielo nel distretto finanziario di Manila. Antonio è anche l’inviato commerciale di Duterte negli Stati Uniti.

Intanto per le strade della capitale filippina almeno duemila persone hanno manifestato contro il presidente americano, il cui volto campeggiava sui cartelli con sovraimpressa una svastica. Negli scontri tra manifestanti e polizia, con il lancio di sassi e bottiglie da una parte e l’uso dei cannoni ad acqua dall’altra, sono rimaste ferite una decina di persone, tra cui almeno 6 agenti. Si registrano anche diversi arresti.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

18:09Maltempo: pioggia battente, allagamenti e disagi nel Salento

(ANSA) - LECCE, 18 NOV - E' emergenza maltempo nel Basso Salento, sferzato da 72 ore da vento e pioggia battente. Interi comuni del Capo di Leuca sono allagati. La pioggia e il vento hanno provocato la caduta di numerosi alberi uno dei quali, sulla litoranea per San Cataldo, si è abbattuto mentre passava un'auto con due persone a bordo, riamaste leggermente ferite. Decine gli interventi dei vigili del fuoco per liberare dall'acqua strade e scantinati. Allagati uliveti e campagne. A Santa Maria di Leuca l'acqua ha generato delle suggestive cascate cadendo a pochi metri dal porto. Un tratto della ferrovia che attraversa Presicce è rimasto sommerso dall'acqua, mentre a Taurisano le infiltrazioni hanno provocato la caduta di alcuni calcinacci nella scuola primaria "Aldo Sabato"; gli alunni sono stati fatti evacuare per sicurezza e portati a casa dai genitori.

17:28Azzurri: Spalletti, Ancelotti è il meglio per la Nazionale

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 18 NOV - ''Io ho la mia posizione ora. Mi piacerebbe allenare la Nazionale ma non ora. Voglio lavorare bene con l'Inter. Vedo bene però Ancelotti, ha il consenso degli allenatori, dei giocatori, di tutti. Per la nostra Nazionale bisogna mirare al meglio e lui è il meglio'': lo dice il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti, alla vigilia della partita contro l'Atalanta, rispondendo ad una domanda sul miglior candidato alla panchina azzurra.

17:19Argentina:Macri,speriamo trovare sottomarino prima possibile

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - "Ci impegniamo a utilizzare tutte le risorse nazionali e internazionali necessarie per trovare il sottomarino Ara San Juan il prima possibile". Lo ha detto il presidente argentino Mauricio Macri riferendosi al sottomarino di cui si sono persi i contatti la mattina di mercoledì. Lo scrive il quotidiano locale La Nacion. Il presidente ha parlato da Chapadmalal, vicino alla base navale di Mar del Plata, stazione abituale del sottomarino. Macri ha poi aggiunto che il governo è "in contatto con le famiglie dell'equipaggio" dell'Ara San Juan "per informarli e sostenerli". Attraverso i messaggi sul suo account Twitter, ha aggiunto: "Condividiamo la vostra preoccupazione e quella di tutti gli argentini". Il sommergibile, con 44 membri d'equipaggio a bordo, era partito mercoledì da Ushuaia ed era diretto alla base a Mar del Plata.

17:15Sicurezza stradale: premiata Nonna Lisa, 106 anni in Vespa

(ANSA) - CITTÀ DI CASTELLO (PERUGIA), 18 NOV - "Andate piano, rispettate il codice della strada, non bevete quando siete in moto o al volante e soprattutto indossate sempre il casco": Luisa Zappitelli, 106 anni compiuti l'8 novembre scorso, per tutti Nonna Lisa a Città di Castello, appassionata di Vespa, è stata prodiga di consigli per gli studenti intervenuti stamani nel ridotto del Teatro della sua città, dove ha ricevuto dalle mani di Silvia Frisina, dell'Associazione Familiari vittime della strada, il premio speciale assegnato nell'ambito del Premio "Basta sangue sulle strade". Nonna Lisa è stata premiata "per essere la più longeva testimonial di sicurezza stradale, attiva ancora oggi nel diffondere messaggi di sensibilizzazione all'uso del casco, raccomandando con affetto materno di dare sempre valore alla vita e soprattutto dimostrando con l'esempio personale un gran senso civico". Nell'occasione odierna, Città di Castello è stata la prima città italiana ad ospitare la campagna dal titolo "Chi guida non beve", promossa dall'associazione delle vittime della strada in collaborazione con Polizia, Confindustria Ancma ed Eicma. La campagna è destinata in particolar modo agli avventori dei locali dal ballo, discoteche, ristoranti, bar, pub e altri luoghi in cui il consumatore può entrare in contatto con l'alcol. (ANSA).

17:13Mo: Anp, non accetteremo pressioni o ricatti su Olp

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 NOV - I Palestinesi non accetteranno "pressioni o ricatti" sull'ambasciata dell'Olp a Washington. Lo ha detto, in un'intervista a 'Voice of Palestine' ripresa dall'agenzia Wafa, il ministro degli Esteri Riyad Malki rispondendo così ad una fonte del Dipartimento di Stato Usa che ha minacciato la chiusura della sede se i palestinesi non si impegneranno in serie trattative con Israele o se porteranno lo stato ebraico davanti al Tribunale Penale dell'Aja.

17:07Libano: Hariri, chiarirò mia posizione in Libano

(ANSA) - PARIGI, 18 NOV - Saad Hariri, lasciando l'Eliseo, ha confermato che tornerà in Libano dove chiarirà la sua decisione politica dopo aver incontrato il presidente Aoun. Hariri ha anche ringraziato il presidente francese Emmanuel Macron dell'accoglienza a Parigi. Dovrebbe rientrare in Libano mercoledì.

17:05Calcio: Spalletti, contro Atalanta Inter deve vincere

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 18 NOV - ''Non stendiamo nessun tappeto alle giustificazioni. Se c'è qualche giocatore che è rimasto turbato dalla mancata qualificazione ai Mondiali, per noi sarebbe un danno. Non possiamo essere limitati da queste debolezze caratteriali. Dobbiamo portare assolutamente a casa questa partita'': lo dice il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti rispondendo alle domande dei tifosi - in una diretta con Inter Tv - subito prima della conferenza stampa alla vigilia della partita contro l'Atalanta, domani a San Siro.

Archivio Ultima ora