Lazio: mossa anti Pirozzi, “lista sindaci” per Zingaretti

Il presidente della Regione Lazio Zingaretti
Il presidente della Regione Lazio Zingaretti

 

Il presidente della Regione Lazio, Zingaretti

 

ROMA. – Oltre duecento sindaci del Lazio su 378 hanno messo faccia e firma a sostegno della ricandidatura di Nicola Zingaretti alla presidenza della Regione Lazio: “E’ l’unico leader possibile per un Lazio ancora più forte e competitivo – scrivono in un appello pubblicato su internet – In anni drammatici la Regione ha tenuto, e lui è stato un buon presidente”.

Un endorsement, quello per il governatore Pd, che non nasce dal nulla – solo poche settimane fa l’annuncio che in caso di rielezione i piccoli centri avranno un assessore ad hoc – e che conferma, se ancora c’erano dubbi, una tendenza di questa campagna elettorale in cui ogni singolo voto peserà parecchio: la strada per via Cristoforo Colombo passa (anche) per i mille ‘campanili’ del Lazio, lì dove il consenso si fa capillare e spesso il Comune è l’unico interlocutore del cittadino e dei suoi bisogni.

La rivale pentastellata Roberta Lombardi ha annunciato dal primo giorno, non a caso, di voler ripartire “dalle province e dai borghi”, e sindaco in prima persona è l’altro competitor di Zingaretti già in campo, il primo cittadino di Amatrice Sergio Pirozzi. Nella sua ‘lista dello Scarpone’, annunciava giorni fa, ci saranno anche diversi primi cittadini, i cui nomi però non sono ancora stati ufficialmente presentati.

Sul sito dove è stato pubblicato l’appello pro-Zingaretti, invece, l’elenco delle 203 ‘fasce tricolori’ è esplicito: da Acquapendente a Zagarolo, dalla piccolissima Saracinesco fino a un capoluogo come Viterbo, i primi cittadini hanno messo la firma a sostegno del ‘bis’ del presidente della Regione.

E l’elenco potrebbe crescere ancora. Anche se, al momento, non si può parlare di una ‘lista dei sindaci’, certo è, ha spiegato il governatore, che ci sarà “un loro protagonismo nelle liste civiche: li incontrerò per scrivere insieme il programma, in 5 appuntamenti nelle province. E’ una alleanza nuova, fuori da ogni schema, che sta nascendo per difendere la nostra comunità”.

Secondo il vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio Francesco Storace, primo sponsor del sindaco di Amatrice, però, “Zingaretti è terrorizzato da Pirozzi, che già ha iniziato a dettare l’agenda delle Regionali. Un annuncio bluff: almeno una decina di sindaci non ne sapevano nulla. Pirozzi ne ha già tanti con sé”.

(di Gabriele Santoro/ANSA)