Natale, gli italiani pronti a spendere 10 miliardi

Natale, italiani pronti a spendere 10 miliardi
Natale, italiani pronti a spendere 10 miliardi

 

ROMA. – Dai regali, agli addobbi per la casa, a pranzi e cene, “complessivamente la spesa delle famiglie per le feste di Natale si attesterà sui 10 miliardi di euro, con un importo procapite attorno ai 166,6 euro” stima il Codacons che rileva “luci ed ombre sul fronte dei consumi natalizi degli italiani”.

Perchè “se da un lato i cittadini prevedono di spendere più dello scorso anno per il cenone, per i viaggi e per l’acquisto di prodotti hi-tech, dall’altro non ci sarà un aumento degli acquisti per i regali, con una spesa che rimarrà stabile rispetto al 2016, mentre si ridurrà il budget da dedicare all’albero di Natale e agli addobbi per la casa”.

Pesano ancora “l’incertezza che regna sul futuro del paese e le preoccupazioni sul fronte del lavoro e del reddito”. Ma “nonostante ciò, gli italiani non rinunceranno in alcun modo alla tradizione: padrone incontrastato delle feste sarà il settore alimentare, con una previsione di spesa in crescita del +2,8% rispetto al 2016 e quasi 2,9 miliardi di euro di alimenti e bevande”.

E “sarà boom degli acquisti online, con 1 regalo su 3 scelto sul web”. Intanto una indagine Coldiretti/Ixe coglie “una inversione di tendenza” sulla scelta dell’albero di Natale: le famiglie che preferiscono un albero vero saranno il 3% in più, 3,8 milioni. Gli alberi saranno più piccoli (una scelta influenzata da costi, facilità di trasporto, e spazio nelle case) per una spesa in media di 35 euro (“in leggerissimo aumento rispetto dell’anno scorso, anche come conseguenza della tendenza dei consumatori ad acquistare degli abeti di varietà particolari ma anche più costose rispetto al tradizionale abete rosso”).

Per Coldiretti è anche una scelta per l’ambiente: gli alberi arrivano “per circa il 90 per cento da coltivazioni vivaistiche mentre il restante 10 per cento (cimali o punte di abete) dalla normale pratica forestale che prevede interventi, come diradamenti o potature, indispensabili per lo sviluppo e la sopravvivenza del bosco”, “niente a vedere con le piante di plastica” che per produzione e trasporto “consumano petrolio e liberano gas ad effetto serra” ed “impiegano oltre 200 anni prima di degradarsi nell’ambiente”.

Sul fronte regali arriva la stima di eBay: “Nel 2017, si prevede una spesa complessiva di quasi 8,2 miliardi di euro che tradotta in spesa media pro-capite si aggira attorno ai 211 euro”; il 14% degli italiani che “destinerà ai regali di Natale una spesa superiore ai 400 euro”, e “ragionando in numeri assoluti, la cifra è da capogiro: gli italiani dichiarano di essere intenzionali ad acquistare regali per un totale complessivo di circa 382 milioni”.

I regali più desiderati: viaggi (23%), abbigliamento e scarpe (9%), libri (8%); I più odiati: “Calzini, suppellettili per la casa, sex toys e lingerie”.