I “pellerossa” avranno un santo, il leggendario capo Sioux Alce Nero

Nicholas Black Elk, la figlia Lucy Black Elk e la moglie Anna Brings White, fotografati nella loro casa in Manderson, South Dakota, ca 1910. ANSA/ The Sixth Grandfather, edited by Raymond DeMallie p. 260 via Wikimedia Commons
Nicholas Black Elk, la figlia Lucy Black Elk e la moglie Anna Brings White, fotografati nella loro casa in Manderson, South Dakota, ca 1910. ANSA/ The Sixth Grandfather, edited by Raymond DeMallie p. 260 via Wikimedia Commons

 

NEW YORK. – Alce Nero sarà santo: questo l’impegno dei vescovi Usa che nell’ultima conferenza a Baltimora hanno dato il via al processo di beatificazione il cui esito favorevole porterebbe all’innalzamento all’onore degli altari del leggendario capo Sioux: primo “pellerossa” dopo Kateri (Caterina) Tekakwitha e uno dei pochi santi nord-americani.

Da bambino combatté a Little Big Horn contro il generale Custer, nel 1890 girò l’Europa e anche l’Italia con Buffalo Bill, poi restò segnato per sempre dagli orrori del massacro a Wounded Knee dei Sioux del cugino Cavallo Pazzo: pochi però sanno che Alce Nero (Black Elk) era cattolico, battezzato ormai adulto nel 1904 dopo la morte della prima moglie.

Considerato il più influente leader indiano del ventesimo secolo, in questa sua seconda vita Black Elk battezzò centinaia di Sioux, insegnando il catechismo e vivendo una vita umile e giusta fino alla morte nel 1950 nella riserva di Pine Ridge del South Dakota. Adesso, sulla spinta di una richiesta della diocesi di Rapid City, la causa di beatificazione.

I missionari che lo battezzarono nel giorno di San Nicola gli diedero Nicholas come nome da cristiano. Ma anche prima della conversione, Black Elk si era distinto per la sua spiritualità e da cattolico praticò una forma di sincretismo religioso che mescolava le pratiche native raccolte negli anni Trenta nel celebre “Black Elk Speaks” di John Neihardt a quelle della religiosità occidentale.

L’annuncio del processo di beatificazione ha diviso la comunità indiana. Il New Yorker ha avvicinato i discendenti dello sciamano che ancora vivono nella riserva di Pine Ridge. Per i Sioux tradizionalisti, Alce Nero fece concessioni solo esteriori alla cultura dell’uomo bianco ma dentro di sé non cambiò mai. “In famiglia girano storie che i missionari cercavano di battezzarlo e lui correva a nascondersi sotto il letto”, ha raccontato la bisnipote Charlotte che si definisce pagana. Questi Sioux pensano che i cattolici volessero fare Alce Nero uno dei loro per via del suo status e per la spiritualità che lo aveva reso celebre anche fuori dall’ambito delle Montagne Rocciose.

A differenza di Cavallo Pazzo e Toro Seduto, Black Elk era infatti diventato famoso per una visione avuta a nove anni nel delirio di una malattia. A raccontarla per la prima volta fu Neihardt che in “Black Elk Speaks”, colse il senso profondo dell’uomo e delle sue idee. Il libro inizialmente non trovò lettori ma negli anni Sessanta, dopo esser stato riscoperto da Carl Jung e tradotto in tedesco, diventò un bestseller venduto in milioni di copie in tutto il mondo.

(Di Alessandra Baldini/ANSA)