Calciomercato: l’Inter prova per Criscito, Napoli sempre su Verdi

Pubblicato il 07 gennaio 2018 da ansa

Inter prova per Criscito

 

ROMA. – Inter al centro del mercato. Nonostante i paletti per operare in entrata, la dirigenza nerazzurra cercherà di assicurare rinforzi a Luciano Spalletti. Il tecnico ha detto a chiare lettere che serve un difensore, e la società si è mossa per cercare di mettergli a disposizione già da ora Domenico CRISCITO. Il difensore di origini napoletane è in scadenza a fine stagione con lo Zenit e non ha intenzione di rinnovare, il problema sarà convincere il suo attuale club a lasciarlo partire subito.

A rinfoltire i ranghi nel reparto arretrato arriverà anche Alessandro BASTONI dall’Atalanta, anche se Spalletti vorrebbe qualcuno con maggiore esperienza. Per l’esterno offensivo, altra priorità dell’Inter, l’obiettivo rimane sempre quello di ottenere in prestito Gerard DEULOFEU dal Barcellona. Nulla da fare invece per Javier PASTORE, che fino a giugno non si muoverà da Parigi.

Intanto il dirigente Walter Sabatini, coordinatore dell’area tecnica di Suning Sports Group, è volato in Cina per un summit di mercato a Nanchino con la proprietà. E’ provabile che si parli anche del brasiliano RAMIRES, che continua a spingere per trasferirsi in nerazzurro dallo Jiangsu.

Si muoverà anche il Milan, che ha individuato il rinforzo per il suo centrocampo: si tratta di Jakub JANKTO dell’Udinese, ma ora il problema sarà convincere la società friulana a far partire subito il giocatore. I contatti sono stati comunque avviati. In uscita sono Gabriel PALETTA, che dovrebbe andare al Ssssuolo, e Luca ANTONELLI, per il quale è tornata d’attualità l’ipotesi Fiorentina, che ha chiesto anche Manuel LOCATELLI.

Kevin STROOTMAN sembra intenzionato a lasciare la Roma a fine stagione. Più che la Juventus, comunque interessata, la sua destinazione dovrebbe essere la Premier League, dove l’olandese ha vari estimatori. Intanto ALEIX VIDAL del Barcellona ha detto no ai giallorossi: il Barcellona lo cederà ma lui preferisce tornare al Siviglia.

In uscita da Trigoria c’è anche BRUNO PERES, che piace al Benfica, dove potrebbe finire in prestito con obbligo di riscatto a dieci milioni. La Roma sta anche tentando di capire se il Genoa sia effettivamente interessato a CASTAN. E’ sfumato definitivamente, per la dirigenza giallorossa, il sogno Riyad MAHREZ: il Leicester lo cederà al Liverpool per 55 milioni.

Intanto fanno discutere le parole dette dal d.s. Monchi al canale tv societario: “abbiamo problemi di tutti i tipi, la situazione economica la conoscete, per fare mercato ci vogliono i soldi”. E’ probabile che nei prossimi giorni ci sia un vertice con il presidente Janes Palletti, se questi si recherà a Londra per l’impegno in terra britannica dei Boston Celtics (contro Philadelphia).

In casa Lazio tiene sempre banco il tema del rinnovo di Stephan DE VRIJ, che però non vuole firmare e si sarebbe promesso all’Inter (ma il Barcellona si rifarà sotto anche se a giorni prenderà il difensore colombiano Yerry MINA dal Palmeiras). Il presidente Claudio LOTITO non pensa di muoversi in entrata a gennaio, a meno che non si presenti un’occasione particolarmente stimolante. Di sicuro arriverà da Verona MARTIN CACERES per rinforzare la difesa, mentre MAURICIO dovrebbe andare allo Spartak Mosca.

Nessun movimento da parte della Juventus, mentre il Napoli non molla sul fronte Simone VERDI, che non vorrebbe lasciare Bologna prima di giugno. Bisognerà fargli capire che alla corte di Sarri non rischia di fare tanta panchina, mentre agli emiliani potrebbe andare Amato CICIRETTI, in uscita dal Benevento. Il Chievo, intanto, non si accontenta di Arkadiusz MILIK in cambio della cessione immediata di Roberto INGLESE. Gli emissari del presidente De Laurentiis sono sempre al lavoro anche sulla pista di Amin YOUNES dell’Ajax.

Ultima ora

08:28Colombia: crolla un ponte, muoiono 10 operai

(ANSA) - BOGOTA', 16 GEN - Dieci operai sono morti nel crollo di un ponte in Colombia, poco fuori dalla capitale Bogotà. La Protezione civile ha precisato che gli operai stavano lavorando al drenaggio lungo il ponte, che si trova a circa 95 chilometri da Bogotà, quando la struttura è crollata. Nove persone sono morte sul colpo. Una decima è morta poco dopo in ospedale per le gravi ferite. Si sta ancora cercando di chiarire quante persone fossero sul posto al momento del crollo e se vi siano eventuali dispersi.

08:20Droga: operazione dei Cc nel Ragusano, ordinanza per nove

(ANSA) - RAGUSA, 16 GEN - Oltre 70 carabinieri del comando provinciale di Ragusa stanno eseguendo un'ordinanza del cautelare, emessa dal Gip su richiesta della Procura, nei confronti di nove indagati e stanno eseguendo decine di perquisizioni, nei confronti di presunti appartenenti a un gruppo dedito al traffico e allo spaccio di sostanza stupefacente. I provvedimenti restrittivi sono il risultato di un'indagine, condotta da militari dell'Arma del Nucleo investigativo, che ha consentito di accertare che gli indagati, quasi tutti di origine nordafricana, avevano costituito due gruppi criminali operanti a Vittoria, Acate, Ispica e Pozzallo e dediti allo spaccio di eroina, che acquistavano fuori provincia. Numerosi gli arresti e i sequestri di stupefacente già effettuati nel corso delle indagini.

07:59Corea Nord: Xi a Trump, pronti a lavorare su nucleare

(ANSA) - PECHINO, 16 GEN - La Cina è pronta a lavorare con gli Usa per un "accordo appropriato" sulla questione nucleare della penisola coreana: lo ha riferito il presidente Xi Jinping in una telefonata con il suo omologo Donald Trump. Secondo l'agenzia Nuova Cina, Xi ha aggiunto che tutte le parti preoccupate della situazione dovrebbero "creare le condizioni per la ripresa dei colloqui". Cina e Usa dovrebbero inoltre risolvere "in modo appropriato" i contenziosi economici e commerciali di reciproco interesse.

07:25Trump: centinaia di haitiani lo contestano a Times Square

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Centinaia di cittadini haitiani-americani e molte altre persone, tra cui numerosi immigrati africani e ispanici, hanno manifestato a Times Square, nel cuore di New York, per denunciare le parole del presidente americano Donald Trump, definite razziste e xenofobe. Anche il sindaco di New York, Bill de Blasio, ha partecipato alla protesta insieme ad altri politici. Nonostante qualche momento di tensione con gli agenti la manifestazione si è svolta pacificamente.

07:21Usa: Wsj, Pentagono studia due nuovi missili nucleari

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Il Pentagono sta mettendo a punto un nuovo piano per sviluppare due nuovi missili nucleari a basso potenziale. Lo riporta il Wall Street Journal, spiegando che si tratta della risposta dell'amministrazione Trump alla crescente capacità degli arsenali di Russia e Cina. Una strategia che però preoccupa perchè rappresenta un passo indietro sulla strada della non proliferazione e potrebbe spingere la Corea del Nord a espandere il suo arsenale e Paesi come l'Iran a riprendere il proprio programma nucleare.

07:16Usa: shock in California, tenevano incatenati i 13 figli

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Una scena da film horror quella che i poliziotti si sono trovati davanti in California, non lontano da Los Angeles, dove in un'abitazione una coppia teneva segregati i propri 13 figli, tutti incatenati ai letti, malnutriti e disidratati. A dare l'allarme una delle vittime, una ragazza di 17 anni, che è riuscita a fuggire e a raccontare la verità alla polizia. Gli agenti sono intervenuti e hanno arrestato marito e moglie. Sette dei figli tenuti imprigionati hanno tra i 29 e i 18 anni, gli altri sei sono minorenni, tra questi un bimbo di due anni.

07:14007 avvertirono Kushner, moglie Murdoch agente Cina

(ANSA) - NEW YORK 16 GEN - Wendi Deng, ex moglie del magnate dei media Rupert Murdoch, potrebbe essere un agente della Cina. E' il sospetto dei funzionari dell'intelligence che all'inizio del 2017 informarono Jared Kushner, genero di Donald Trump, della possibilità che la donna d'affari potesse sfruttare la stretta amicizia con lui e la moglie Ivanka Trump per promuovere gli interessi di Pechino. Lo riporta il Wall Street Journal, quotidiano di proprietà di Murdoch che divorziò da Wendi nel 2013, dopo le voci su un rapporto tra la donna e l'ex premier britannico Tony Blair.

Archivio Ultima ora