Grasso lancia la sfida al Pd: “Basta alle favole di Renzi”

Pubblicato il 07 gennaio 2018 da ansa

Pietro Grasso con la delega in mano durante la votazione all’Assemblea Nazionale di Liberi e Uguali, Hotel Ergife, Roma, 7 gennaio 2018. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

ROMA.- “Se ne sono sentite favole irrealizzabili: Renzi ha detto di voler abolire il canone Rai dopo averlo messo in bolletta…”. Nell’unica citazione che riserva al suo ex segretario, Pietro Grasso sorride sornione, tra i risolini e gli applausi della platea. Il “caposquadra” di Liberi e uguali lancia la volata verso le urne. E parte da lì, mettere alla berlina le proposte di tutti gli avversari: “Siamo l’unica alternativa credibile”, scandisce. “Lotteremo per i molti, non per i pochi”, scandisce citando il laburista inglese Jeremy Corbyn, dal quale mutua anche la proposta di cancellare le tasse universitarie per tutti.

Due mesi per avvicinarsi il più possibile al 10%. Ed entrare nella partita che si aprirà dopo per il governo. Alleati di Renzi o del M5s? “Parliamo con tutti, tranne la destra”, delinea i confini Pier Luigi Bersani. Ci sono tutti i “big” di LeU in platea, da Pier Luigi Bersani a Vasco Errani, tranne Massimo D’Alema che è in Iran. E sul palco, su fondo rosso, la citazione di Corbyn (col suo Labour ha sorpreso alle ultime elezioni inglesi), a indicare che la sfida è nel campo della sinistra di governo e punta a sottrarre voti al Pd.

I renziani ostentano tranquillità di fronte all’incalzare degli avversari: il voto utile sarà l’arma da sfoderare nei collegi, per il resto – spiegano i Dem – il Pd farà la sua campagna, contro destra e M5s. Discorso diverso nelle due regioni al voto: si sta cercando l’intesa nel Lazio per Nicola Zingaretti (nome non renziano che LeU potrebbe sostenere) e in Lombardia, dove Giogio Gori non ha il sostegno della sinistra ma c’è chi spera che il ritiro di Maroni possa riaprire i giochi.

A livello nazionale invece no. Avversari voto su voto. Lo dice chiaro e netto Laura Boldrini, che fa il suo debutto tra le fila di LeU: “Vogliamo riempire il vuoto e dare speranza alle persone deluse e tradite da una sinistra che ha smesso di essere sinistra”, infiamma la platea la presidente della Camera, che rilancia temi a lei cari come le donne e le fake news del web (“Gli spacciatori di notizie false hanno un’agenda politica”).

E colpisce dove al Pd fa più male, lo ius soli: non approvare la legge sulla cittadinanza agli stranieri, scandisce, è stato “un grande tradimento” e denota una “sconcertante subalternità culturale e politica” alla destra per “non perdere voti”. Ma così “si fa vincere la destra”, è l’accusa di Boldrini al Pd.

Nell’assemblea LeU definisce i criteri delle candidature (una stretta per gli imputati per certi reati e nomi “rispettabili”) e indica le sue linee programmatiche, dalla progressività fiscale, con il taglio dell’Irpef ai redditi sotto i 35mila euro, fino alla cancellazione delle tasse universitarie. Grasso indica il costo (“1,6 miliardi”) e le coperture, per distinguersi dalle promesse da “favola” degli altri partiti.

Non nega che la campagna elettorale sarà dura. Denuncia “poco spazio nei tg”. Ma promette: “Saremo in tutte le piazze”. E indossando i lustrini di “eredi dell’antifascismo” e i gradi operaisti di “caposquadra”, suona la carica: “Lotteremo per i molti”.

Dal Pd replica a muso duro un renziano come Michele Anzaldi: “E’ una favola il fatto che Grasso non rispetti il tetto agli stipendi imposto a tutte le cariche istituzionali”. Ma LeU fa spallucce: “Il Pd è debole”. Ed Enrico Rossi, dal palco: “A un elettore del Pd chiedo, siete disposti a riallearvi con Berlusconi, magari votando un governo Gentiloni bis? Noi siamo il voto utile, perché non andremo mai con la destra”.

Discorso diverso per i Cinque stelle: con Luigi Di Maio LeU è pronta a confrontarsi per un’alleanza di governo dopo il voto. Ma per ora il candidato M5s ostenta distanza e attacca Boldrini: “Non discuteremo mai di alleanze – dice Di Maio – con chi ha avuto il ‘coraggio’ di piegare i regolamenti parlamentari per consentire alle banche di intascare 7,5 miliardi di euro”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

08:07Svezia: esplosione a Malmo, arrestati due sospetti

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Due giovani sui 20 anni sono stati arrestati a Malmo perchè sospettati dell'attentato avvenuto ieri sera ai danni di una stazione di polizia della cittadina svedese, che avrebbe avuto come obiettivo proprio le forze dell'ordine. Lo scoppio, fortissimo, sarebbe stato provocato, secondo gli ultimi accertamenti, da un oggetto esplosivo contenente trotile (simile al tritolo) e non da una bomba a mano come riferito in un primo momento. E' stato udito in tutta la città, e ha danneggiato l'ingresso della stazione di polizia di Rosengard, nel quartiere di Helsingborg, e alcune auto parcheggiate nelle vicinanze, senza causare danni alle persone. Gli arresti sono stati confermati da fonti della polizia, ma devono ancora essere convalidati. La polizia ritiene che il gesto intimidatorio fosse "direttamente indirizzato alla polizia e alla sua attività". Sarebbe quindi da far risalire alla criminalità comune e non a un atto terroristico

08:04Mo: attentato contro rabbino, uccisi 2 palestinesi

(ANSA) - TEL AVIV, 18 GEN - Al termine di un prolungato scontro a fuoco l'esercito israeliano ha ucciso la scorsa notte a Jenin (Cisgiordania) due palestinesi responsabili, secondo la versione ufficiale, della uccisione di un rabbino avvenuta una settimana fa. Uno di essi era figlio di un dirigente di Hamas. Lo riferisce la radio militare secondo cui altri membri della stessa cellula sono stati arrestati. Feriti due militari israeliani, uno dei quali versa in condizioni gravi.La radio militare ha precisato che nell' operazione un'unità di elite israeliana ha localizzato i ricercati in un edificio ed ha ingaggiato uno scontro a fuoco. Ma presto è stata circondata da centinaia di abitanti del rione che hanno scagliato contro i militari sassi ed altri oggetti. Di conseguenza altre unità dell'esercito hanno fatto ingresso a Jenin. L' operazione si è conclusa con la demolizione dell' edificio dove si nascondevano i ricercati palestinesi.

01:32Calcio: Chelsea soffre, col Norwich passa solo ai rigori

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Soffre il Chelsea di Conte in Fa Cup. Sono serviti i rigori ai Blues per decidere la gara con il Norwich e accedere al quarto turno della Coppa: avanti con Batshuayi a segno al 10' del secondo tempo, il Chelsea si fa acciuffare nel recupero subendo la rete di Lewis. Sull'1-1 anche dopo i tempi supplementari, la squadra di Conte dal dischetto però fa la differenza (5-3) e si guadagna seppure a fatica il passaggio di turno.

00:54Calcio: Messi sbaglia rigore, Barca cade in Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il Barcellona non è imbattibile. Con un gol di Melendo all'88' l'Espanyol si aggiudica il derby di Coppa del Re, valido per l'andata dei quarti di finale. Dopo aver dominato il match, i blaugrana si devono arrendere anche di fronte alla serata super del portiere dell'Espanyol, Diego Lopez, che para anche il rigore calciato da Lionel Messi. Tra una settimana al Camp Nou il ritorno che vale l'accesso alla semifinale.

00:30Calcio: Psg a valanga in Ligue1, Ranieri beffato al 95′

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Un Psg senza pietà liquida la pratica Digione (travolto 8-0 con) e mantiene a debita distanza (-11) il Lione da stasera secondo solitario in classifica dopo il successo per 2-0 sul campo del Guingamp e la frenata del Monaco, fermato ieri dal Nizza. Nella 21ma giornata di Ligue1, al Parco dei Principi è stata davvero una formalità per la squadra di Unay Emery, già sul 4-0 dopo il primo tempo, fa altrettanto nella ripresa chiudendo con otto reti: doppio Di Maria, Cavani (che tocca quota 156 ed eguaglia Ibrahimovic come miglior realizzatore nella storia del Psg), poker di Neymar, a segno anche Mbappe. Beffa in peno recupero invece per il Nantes di Claudio Ranieri, raggiunto sull'1-1 a Tolosa da un rigore di Gradel al 95'. In Classifica guida solitario il Psg con 56 punti, davanti a Lione (45), Marsiglia (44), Monaco (43) e Nantes (34).

00:09Parte un colpo di pistola, uccide la fidanzata

(ANSA) - VILLA D'ALME' (BERGAMO), 17 GEN - Una giovane donna è morta questa sera, uccisa da un colpo di pistola, pare sparato accidentalmente dal fidanzato, una guardia giurata. L'episodio nella casa di quest'ultimo, in via dei Mille a Villa d'Almè. In casa c'erano anche i genitori del ragazzo, tra cui il padre che è un carabiniere andato da poco in pensione. L'allarme è stato immediato, ma per la ragazza non c'era più nulla da fare. Le notizie sono ancora frammentarie: all'abitazione sono giunti i carabinieri della Scientifica e il pubblico ministero di turno, Maria Cristina Rota.

23:04Calcio: Crotone, preso in prestito Benali dal Pescara

(ANSA) - CATANZARO, 17 GEN - Il centrocampista Ahmad Benali è un nuovo calciatore del Crotone. L'annuncio è stato dato dalla società che ne ha ottenuto il prestito con diritto di riscatto dal Pescara. Ventisei anni, Benali è nato a Manchester, naturalizzato libico, cresciuto nel Manchester City. Nel 2012 ha giocato a Brescia (Serie B) prima di passare al Pescara, dove ha ottenuto la promozione in Serie A nella stagione 2015/16. Lo scorso anno ha messo a segno, alla sua prima stagione nella massima serie, 6 reti, mentre nei primi mesi dell'attuale stagione ha realizzato 4 gol in 15 presenze, sempre col Pescara. Ha già preso parte al primo allenamento con i nuovi compagni.

Archivio Ultima ora