Commissione Vigilanza approva par condicio, “salvi” Vespa e Fazio

Pubblicato il 09 gennaio 2018 da ansa

Bruno Vespa e Fabio Fazio

 

 

ROMA. – Nessuno stop per Bruno Vespa e Fabio Fazio in campagna elettorale. Gli emendamenti del Movimento 5 Stelle, che miravano ad escludere i conduttori con contratti di natura artistica, non hanno raccolto il consenso degli altri partiti in Commissione di Vigilanza e sono stati respinti. Porta a Porta e Che tempo che fa potranno dunque ospitare politici, come tutti gli altri programmi di informazione ricondotti sotto una testata giornalistica. A stabilirlo è il regolamento sulla par condicio, approvato dalla bicamerale e in vigore, retroattivamente, dal 28 dicembre scorso, giorno di indizione dei comizi elettorali.

Il Movimento 5 Stelle ha presentato quattro proposte di modifica con le regole relative ai programmi di infotainment, che avrebbero di fatto escluso dalla contesa i due conduttori non sottoposti al tetto ai compensi. Uno di questi, definito “una mediazione” dalla deputata M5S Dalila Nesci che lo ha presentato, avrebbe messo in realtà fuori gioco il solo Fazio, perché non iscritto all’albo dei giornalisti.

“Sarebbe molto incoerente con le posizioni da voi assunte in passato non votare almeno questo ultimo emendamento”, ha detto Nesci rivolgendosi agli altri partiti, che non hanno però raccolto l’invito. “Le modifiche – ha spiegato il relatore di maggioranza Francesco Verducci del Pd – avrebbero introdotto un precedente arbitrario e ad personam, lesivo dell’autonomia della Rai, per di più in mancanza di un dispositivo che riguarda il rapporto tra informazione e intrattenimento”.

“E’ una questione seria che viene affrontata però in maniera improvvisata”, ha sottolineato Maurizio Gasparri di Forza Italia, annunciando la sua non partecipazione al voto. Ha detto la sua, in un’intervista al Fatto Quotidiano, anche una delle protagoniste della campagna in Rai. “Se la Commissione di Vigilanza autorizza la presenza in video, durante la par condicio, anche dei conduttori con contratti artistici – ha affermato Lucia Annunziata – commette una violazione della legge che riserva ai giornalisti le trasmissioni elettorali e prende a sberle centinaia di giornalisti del servizio pubblico”.

“Spiace che una giornalista dell’esperienza di Annunziata scriva su un tema così delicato senza documentarsi”, ha replicato Vespa, ricordando che “da sempre i giornalisti che lavorano per le reti hanno un contratto di scrittura artistico-professionale. Tutti questi giornalisti hanno condotto costantemente programmi nella fase più calda delle campagne elettorali”.

A far discutere la Vigilanza, anche la ripartizione del tempo disponibile tra coalizioni e liste. Nella delibera si stabilisce che tale ripartizione avviene con criterio paritario e, nel timore di un’interpretazione che portasse a dividere il tempo a metà tra coalizioni e liste, il Movimento 5 Stelle ha presentato un emendamento per eliminare il riferimento alle coalizioni.

Verducci, pur esprimendo parere contrario all’emendamento che è stato respinto, ha precisato che ad ogni coalizione, secondo l’interpretazione data per il voto del 2013, spetta il tempo assegnato ad ogni singola lista. La normativa approvata ricalca quella delle ultime elezioni politiche e prevede che le regole si applichino a candidati, esponenti politici ma anche a “persone chiaramente riconducibili ai partiti”.

Questi soggetti possono partecipare alle tribune elettorali e ai programmi di informazione. In tutte le altre trasmissioni la loro presenza non e’ ammessa, ne’ possono essere trattati temi elettorali o relativi a vicende personali di politici.

Nella prima parte della campagna elettorale (fino alla presentazione delle candidature prevista per il 29 gennaio), gli spazi sono divisi tra le forze politiche presenti in Parlamento; nella seconda, fino al penultimo giorno prima del voto, tra coalizioni e liste in campo. Previste tribune elettorali, interviste e conferenze stampa: queste ultime andranno in onda in diretta in prime time, saranno moderate da un giornalista Rai e aperte a un massimo di cinque giornalisti.

(di Michele Cassano/ANSA)

Ultima ora

08:28Colombia: crolla un ponte, muoiono 10 operai

(ANSA) - BOGOTA', 16 GEN - Dieci operai sono morti nel crollo di un ponte in Colombia, poco fuori dalla capitale Bogotà. La Protezione civile ha precisato che gli operai stavano lavorando al drenaggio lungo il ponte, che si trova a circa 95 chilometri da Bogotà, quando la struttura è crollata. Nove persone sono morte sul colpo. Una decima è morta poco dopo in ospedale per le gravi ferite. Si sta ancora cercando di chiarire quante persone fossero sul posto al momento del crollo e se vi siano eventuali dispersi.

08:20Droga: operazione dei Cc nel Ragusano, ordinanza per nove

(ANSA) - RAGUSA, 16 GEN - Oltre 70 carabinieri del comando provinciale di Ragusa stanno eseguendo un'ordinanza del cautelare, emessa dal Gip su richiesta della Procura, nei confronti di nove indagati e stanno eseguendo decine di perquisizioni, nei confronti di presunti appartenenti a un gruppo dedito al traffico e allo spaccio di sostanza stupefacente. I provvedimenti restrittivi sono il risultato di un'indagine, condotta da militari dell'Arma del Nucleo investigativo, che ha consentito di accertare che gli indagati, quasi tutti di origine nordafricana, avevano costituito due gruppi criminali operanti a Vittoria, Acate, Ispica e Pozzallo e dediti allo spaccio di eroina, che acquistavano fuori provincia. Numerosi gli arresti e i sequestri di stupefacente già effettuati nel corso delle indagini.

07:59Corea Nord: Xi a Trump, pronti a lavorare su nucleare

(ANSA) - PECHINO, 16 GEN - La Cina è pronta a lavorare con gli Usa per un "accordo appropriato" sulla questione nucleare della penisola coreana: lo ha riferito il presidente Xi Jinping in una telefonata con il suo omologo Donald Trump. Secondo l'agenzia Nuova Cina, Xi ha aggiunto che tutte le parti preoccupate della situazione dovrebbero "creare le condizioni per la ripresa dei colloqui". Cina e Usa dovrebbero inoltre risolvere "in modo appropriato" i contenziosi economici e commerciali di reciproco interesse.

07:25Trump: centinaia di haitiani lo contestano a Times Square

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Centinaia di cittadini haitiani-americani e molte altre persone, tra cui numerosi immigrati africani e ispanici, hanno manifestato a Times Square, nel cuore di New York, per denunciare le parole del presidente americano Donald Trump, definite razziste e xenofobe. Anche il sindaco di New York, Bill de Blasio, ha partecipato alla protesta insieme ad altri politici. Nonostante qualche momento di tensione con gli agenti la manifestazione si è svolta pacificamente.

07:21Usa: Wsj, Pentagono studia due nuovi missili nucleari

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Il Pentagono sta mettendo a punto un nuovo piano per sviluppare due nuovi missili nucleari a basso potenziale. Lo riporta il Wall Street Journal, spiegando che si tratta della risposta dell'amministrazione Trump alla crescente capacità degli arsenali di Russia e Cina. Una strategia che però preoccupa perchè rappresenta un passo indietro sulla strada della non proliferazione e potrebbe spingere la Corea del Nord a espandere il suo arsenale e Paesi come l'Iran a riprendere il proprio programma nucleare.

07:16Usa: shock in California, tenevano incatenati i 13 figli

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Una scena da film horror quella che i poliziotti si sono trovati davanti in California, non lontano da Los Angeles, dove in un'abitazione una coppia teneva segregati i propri 13 figli, tutti incatenati ai letti, malnutriti e disidratati. A dare l'allarme una delle vittime, una ragazza di 17 anni, che è riuscita a fuggire e a raccontare la verità alla polizia. Gli agenti sono intervenuti e hanno arrestato marito e moglie. Sette dei figli tenuti imprigionati hanno tra i 29 e i 18 anni, gli altri sei sono minorenni, tra questi un bimbo di due anni.

07:14007 avvertirono Kushner, moglie Murdoch agente Cina

(ANSA) - NEW YORK 16 GEN - Wendi Deng, ex moglie del magnate dei media Rupert Murdoch, potrebbe essere un agente della Cina. E' il sospetto dei funzionari dell'intelligence che all'inizio del 2017 informarono Jared Kushner, genero di Donald Trump, della possibilità che la donna d'affari potesse sfruttare la stretta amicizia con lui e la moglie Ivanka Trump per promuovere gli interessi di Pechino. Lo riporta il Wall Street Journal, quotidiano di proprietà di Murdoch che divorziò da Wendi nel 2013, dopo le voci su un rapporto tra la donna e l'ex premier britannico Tony Blair.

Archivio Ultima ora