Escotet: “Banesco no está en venta”

Pubblicato il 11 gennaio 2018 da redazione

El presidente Banesco, Juan Carlos Escotet, desmintió los rumores sobre la venta de la entidad bancaria al Estado.

El presidente Banesco, Juan Carlos Escotet, desmintió los rumores sobre la venta de la entidad bancaria al Estado.

CARACAS –  Juan Carlos Escotet, presidente de Banesco, desmintió este jueves, 11 de enero, los rumores sobre la venta de la entidad bancaria.

A través de su cuenta en Twitter expresó:

“Como ya lo dije en 2014, los hijos no se venden, eso lo saben hasta mis nietos. Banesco no está en venta. Hoy, más que nunca, mi apuesta es por Venezuela”.

Escotet se pronunció luego de que Diosdado Cabello, primer vicepresidente del Partido Socialista Unido de Venezuela (Psuv), afirmara en su programa Con el mazo dando, transmitido la noche del miércoles por Venezolana de Televisión (VTV), que Banesco pasaría a manos del Estado. Cabello afirmó que en el transcurso de la próxima semana se estaría iniciando el proceso de negociación por un monto de 3.5 millones de dólares.

“Esta semana debemos ya comenzar la negociación con Banesco, nosotros vamos a comprar Banesco. Banesco nos lo puso a la venta, barato, en verdad barato, le agradecemos mucho a Escotet que nos dé esas facilidades, como tres millones y medio de dólares. ¿Está bien, verdad? Esta semana ya hacemos la oferta formal, y Banesco pasará a formar parte de la banca pública”, aseguró el dirigente oficialista.

¿Irá el Estado tras Banesco?

Desde el pasado 28 de diciembre, Diosdado Cabello ha expresado en múltiples oportunidades la posibilidad de nacionalizar Banesco. Acusó que, en una primera instancia, Escotet quería comprar la participación del Estado en el banco a precio de saldo y aseguró que el presidente Nicolás Maduro estaba dispuesto a comprar la entidad.

“Te lo vamos a comprar al precio que tú querías comprar las acciones del Estado. Lo que es igual para el pavo debe ser igual para la pava, digo yo”, señaló sin dejar de dirigirse a Escotet.

Además, destacó que con la compra de Banesco “se nos quita el problema del uso de la plataforma bancaria de Banesco para la destrucción del cono monetario”. Alegó que a través de la institución se realizan las negociaciones de la fuga de capital venezolano a Colombia.

Advirtió que por esa razón debía ser abierta una investigación a Juan Carlos Escotet y exhortó al fiscal general, Tarek William Saab, a determinar de dónde salieron los fondos para comprar los bancos que tiene Escotet en España, Panamá y Miami.

“Escotet, ríndete que estás rodeado”, sentenció Cabello.nunca, mi apuesta es por Venezuela”.

Ultima ora

08:28Colombia: crolla un ponte, muoiono 10 operai

(ANSA) - BOGOTA', 16 GEN - Dieci operai sono morti nel crollo di un ponte in Colombia, poco fuori dalla capitale Bogotà. La Protezione civile ha precisato che gli operai stavano lavorando al drenaggio lungo il ponte, che si trova a circa 95 chilometri da Bogotà, quando la struttura è crollata. Nove persone sono morte sul colpo. Una decima è morta poco dopo in ospedale per le gravi ferite. Si sta ancora cercando di chiarire quante persone fossero sul posto al momento del crollo e se vi siano eventuali dispersi.

08:20Droga: operazione dei Cc nel Ragusano, ordinanza per nove

(ANSA) - RAGUSA, 16 GEN - Oltre 70 carabinieri del comando provinciale di Ragusa stanno eseguendo un'ordinanza del cautelare, emessa dal Gip su richiesta della Procura, nei confronti di nove indagati e stanno eseguendo decine di perquisizioni, nei confronti di presunti appartenenti a un gruppo dedito al traffico e allo spaccio di sostanza stupefacente. I provvedimenti restrittivi sono il risultato di un'indagine, condotta da militari dell'Arma del Nucleo investigativo, che ha consentito di accertare che gli indagati, quasi tutti di origine nordafricana, avevano costituito due gruppi criminali operanti a Vittoria, Acate, Ispica e Pozzallo e dediti allo spaccio di eroina, che acquistavano fuori provincia. Numerosi gli arresti e i sequestri di stupefacente già effettuati nel corso delle indagini.

07:59Corea Nord: Xi a Trump, pronti a lavorare su nucleare

(ANSA) - PECHINO, 16 GEN - La Cina è pronta a lavorare con gli Usa per un "accordo appropriato" sulla questione nucleare della penisola coreana: lo ha riferito il presidente Xi Jinping in una telefonata con il suo omologo Donald Trump. Secondo l'agenzia Nuova Cina, Xi ha aggiunto che tutte le parti preoccupate della situazione dovrebbero "creare le condizioni per la ripresa dei colloqui". Cina e Usa dovrebbero inoltre risolvere "in modo appropriato" i contenziosi economici e commerciali di reciproco interesse.

07:25Trump: centinaia di haitiani lo contestano a Times Square

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Centinaia di cittadini haitiani-americani e molte altre persone, tra cui numerosi immigrati africani e ispanici, hanno manifestato a Times Square, nel cuore di New York, per denunciare le parole del presidente americano Donald Trump, definite razziste e xenofobe. Anche il sindaco di New York, Bill de Blasio, ha partecipato alla protesta insieme ad altri politici. Nonostante qualche momento di tensione con gli agenti la manifestazione si è svolta pacificamente.

07:21Usa: Wsj, Pentagono studia due nuovi missili nucleari

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Il Pentagono sta mettendo a punto un nuovo piano per sviluppare due nuovi missili nucleari a basso potenziale. Lo riporta il Wall Street Journal, spiegando che si tratta della risposta dell'amministrazione Trump alla crescente capacità degli arsenali di Russia e Cina. Una strategia che però preoccupa perchè rappresenta un passo indietro sulla strada della non proliferazione e potrebbe spingere la Corea del Nord a espandere il suo arsenale e Paesi come l'Iran a riprendere il proprio programma nucleare.

07:16Usa: shock in California, tenevano incatenati i 13 figli

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Una scena da film horror quella che i poliziotti si sono trovati davanti in California, non lontano da Los Angeles, dove in un'abitazione una coppia teneva segregati i propri 13 figli, tutti incatenati ai letti, malnutriti e disidratati. A dare l'allarme una delle vittime, una ragazza di 17 anni, che è riuscita a fuggire e a raccontare la verità alla polizia. Gli agenti sono intervenuti e hanno arrestato marito e moglie. Sette dei figli tenuti imprigionati hanno tra i 29 e i 18 anni, gli altri sei sono minorenni, tra questi un bimbo di due anni.

07:14007 avvertirono Kushner, moglie Murdoch agente Cina

(ANSA) - NEW YORK 16 GEN - Wendi Deng, ex moglie del magnate dei media Rupert Murdoch, potrebbe essere un agente della Cina. E' il sospetto dei funzionari dell'intelligence che all'inizio del 2017 informarono Jared Kushner, genero di Donald Trump, della possibilità che la donna d'affari potesse sfruttare la stretta amicizia con lui e la moglie Ivanka Trump per promuovere gli interessi di Pechino. Lo riporta il Wall Street Journal, quotidiano di proprietà di Murdoch che divorziò da Wendi nel 2013, dopo le voci su un rapporto tra la donna e l'ex premier britannico Tony Blair.

Archivio Ultima ora