Inizia il DICOM: quotazione del cambio Bs.3.345

Dollari americani
Le proiezioni di S&P riguardo il paese indicano che le politiche economiche e fiscali, soggette a decisioni imprevedibili, incideranno negativamente sulla crisi economica del paese.

Caracas. -Il nuovo sistema cambiario DICOM, il trentanovesimo da quando è stato creato, inizia ad operare partendo da una parità bolivar/dollaro di 3.345 bs. Questa è la cifra con cui si è concluso l’ultimo tentativo DICOM controllato dal governo il 31 agosto 2017 e da cui parte il nuovo schema.

L’articolo 11 dell’accordo cambiario stipola che la quotazione di cambio sarà applicata a tutte le operazioni di liquidazione di divisa estera del settore privato e pubblico.

Inoltre, la vendita di valuta alla Banca Centrale del Venezuela, sarà eseguita seguendo il tipo di cambio proposto nell’articolo 11 e ridotto allo zero virgola venticinque per cento (0,25%).

L’articolo 35, invece, stabilisce che la valuta estera ottenuta dal pagamento di obbligazioni derivate dalle norme stabilite, dovrà essere venduta alla BCV applicando la quotazione del mercato vigente secondo il risultato dell’astaDICOM nel momento della transazione.

L’operazione finanziaria dovrebbe essere fatta entro i due giorni seguenti alla transazione attraverso gli operatori autorizzati, a meno che l’organo ricevente decida di mantenere la cifra ottenuta versata in un conto in divisa estera. In tal caso, si dovrà chiedere l’autorizzazione della BCV secondo quanto stipolato nell’accordo.

Controllo

Il nuovo DICOM non scappa dal controllo per evitare eventuali distorsioni che possano incidere negativamente sul sistema finanziario dell’economia del paese. Perciò l’autorità monetaria e il Ministero di Economia e Finanza seguiranno politiche di esecuzione e controllo di tutta l’attività del mercato cambiario. I controlli saranno eseguiti quando le autorità lo stimino necessario e secondo quanto previsto dall’articolo 57 del Decreto di legge della Banca Centrale del Venezuela.

Quotazione della valuta

Durante l’asta si incroceranno i dati risultanti dall’offerta e la domanda per raggiungere la quotazione finale.

E d’accordo con l’articolo 3, la quotazione della valuta che risulterà dall’asta, partirà dalla più bassa tra le offerte dalle persone giuridiche che vogliano comprare valuta. Quindi, il comitato creato a tal fine, alla chiusura del processo, eseguirà l’assegnazione che risulti dal sistema, indicando la quantità assegnata.Il risultato sarà trasmesso agli enti bancari precedentemente autorizzati a liquidare gli importi.

Titoli in divisa estera

La Banca Centrale del Venezuela ha già autorizzato gli enti predisposti ad operare con il cambio di valuta. Si potranno eseguire operazioni in moneta locale sui titoli emessi (o che stanno per essere emessi) in valuta straniera. I suddetti titoli possono provenire da qualsiasi ente privato,sia questo nazionale o estero, quotato in borsa e presente nella offerta pubblica.

Quindi, potranno iniziare a lavorare sotto il nuovo schema cambiario la Borsa Pubblica di Valori Bicentenaria, le società di brokeraggio ma anche le agenzie di cambio.Tuttavia, i titoli in valuta scambiati per bolivares dovranno contare con l’autorizzazione della Superintendencia Nacional de Valores (SUNAVAL).