Trump minaccia l’Europa: “Una tassa sulle vostre auto”

Due file di bobine di acciaio pronte per l'imbarco.
Guerra aperta sui dazi. E l'Fmi lancia l'allarme: "Frenano la crescita" (Foto ANSA)

NEW YORK. – Oramai è guerra aperta sui dazi. Una guerra di parole per il momento, ma che non fa presagire nulla di buono. E Donald Trump, sempre più accerchiato per l’annunciata stretta su acciaio e alluminio, rilancia la sfida minacciando apertamente l’Europa: “Se alzeranno ulteriormente tariffe e barriere sulle nostre imprese io semplicemente applicherò una tassa sulle loro auto vendute negli Usa”.

Il messaggio del tycoon è di quelli che non lasciano spazio alla diplomazia. Non gli è andato giù il monito del Vecchio Continente che a sua volta minaccia di ‘punire’ l’import di iconici prodotti ‘made in Usa’, come i jeans Levi’s o le Harley Devidson . E quello del tycoon sembra un messaggio rivolto soprattutto alla Germania, che di automobili in Usa ne vende tante. E forse anche alla cancelliera tedesca Angela Merkel, che nelle ultime ore ha rilanciato la proposta di un piano con la Francia per un sistema fiscale comune per le imprese, in risposta all’inviso taglio delle tasse realizzato da Trump a vantaggio delle aziende Usa.

Intanto arriva anche l’allarme del Fondo monetario internazionale, che si dice preoccupato dall’annuncio di Trump di imporre dazi generalizzati del 25% sull’acciaio e del 10% sull’alluminio: il rischio è quello di un freno alla crescita, a partire da quella degli stessi Stati Uniti, con ripercussioni inevitabili anche sull’occupazione. Una preoccupazione simile a quella della Federal Reserve e condivisa dai mercati che negli ultimi giorni hanno lanciato un chiaro segnale.

Nonostante ciò il presidente americano sembra decisissimo a non mollare, a portare avanti la sua fida contro tutto e tutti. E senza fare alcuna eccezione per alleati come il Canada o, appunto, i Paesi europei, come chiedono in molti. E pazienza se la questione dei dazi sta acuendo le difficoltà interne alla sua amministrazione e alla stessa Casa Bianca, provocando un nuovo strappo: quello tra l’ala protezionista del suo staff, guidata dal consigliere per le politiche commerciali e industriali Peter Navarro, e l’ala globalista guidata dal consigliere economico Gary Cohn.

Quest’ultimo – secondo quanto riporta il Wall Street Journal – avrebbe esplicitamente minacciato le dimissioni se, come annunciato il presidente Trump, nei prossimi giorni verrà firmato un decreto per l’introduzione indiscriminata dei dazi su acciaio e alluminio. L’ex banchiere di Goldamn Sachs sarebbe furioso per la fuga in avanti del presidente che – come riporta la Nbc – avrebbe colto di sorpresa un po’ tutti alla Casa Bianca. Perché se era nota la volontà di Trump di dare seguito ad una delle sue principali promesse elettorali, nessuno si aspettava una tale accelerazione, tanto che nessun tipo di lavoro preparatorio sarebbe stato ancora avviato.

La mossa del tycoon – sempre secondo quanto riportano i media – sarebbe quindi stata il frutto di uno scatto di rabbia. Una reazione al clima che negli ultimi giorni sta avvelenando più che mai la Casa Bianca, oscurando per il presidente tutto il resto. Per lanciare la sua sfida alla Ue il tycoon è ricorso nuovamente a Twitter, dalla sua residenza di Mar-a-Lago, in Florida: gli europei – lamenta – “rendono impossibile per le nostre automobili, e non solo, di essere vendute. Un grande squilibrio commerciale!”, afferma, minacciando appunto una tassa americana sulle auto europee importate in Usa.

In un secondo tweet, poi, il presidente americano sottolinea come “gli Stati Uniti hanno 800 miliardi di dollari l’anno di deficit commerciale a causa – scrive – dei nostri stupidi accordi e delle nostre stupide politiche. I nostri posti di lavoro e la nostra ricchezza vanno a finire in altri Paesi che si sono approfittati di noi per anni. Loro ridono – conclude Trump – su quanto sciocchi sono stati i nostri leader. Mai più!”.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)