Colombia: arrestato leader Eln legato agli attentati di Barranquilla

Avrebbe fornito supporto agli autori materiali degli attacchi

ROMA. – La procura e la polizia della Colombia hanno confermato la cattura di Nilson de Jesus Mier Vargas, presunto leader dell’Esercito di liberazione nazionale (Eln) che secondo le autorità avrebbe dato supporto ai responsabili dell’attentato alla stazione di polizia di Barranquilla nel quale sei poliziotti sono morti e 47 sono rimasti feriti insieme a un civile. Lo riporta Caracol Radio.

Con questo, salgono a quattro gli arresti realizzati per gli attacchi avvenuti a fine gennaio a Soledad e Barranquilla. “Secondo le indagini, Cristian Camilo Bellon Giraldo, catturato in flagranza di reato come l’autore di un attacco alla stazione di polizia nel quartiere di San Jose a Barranquilla, e Jefferson Torres Mina, un latitante, avrebbero ricevuto da Mier Vargas supporto logistico e istruzioni per la realizzazione degli esplosivi”, hanno dichiarato l’Ufficio del Procuratore e la polizia.

Le autorità hanno aggiunto che gli investigatori hanno stabilito che Mier Vargas “avrebbe ospitato nella sua residenza Bellon Giraldo e Torres Mina e che dopo l’attentato avrebbe lasciato l’abitazione”. Secondo le autorità, Mier Vargas farebbe parte da 15 anni dell’Eln. Il leader del gruppo guerrigliero era stato catturato e processato nel 2003, a Riohacha, per il trasporto di materiale appartenente al gruppo armato e su di lui pendevano mandati di arresto risalenti al 2000 per i reati di sequestro di persona e ribellione.