Champions: Chelsea assalto al Barça, Conte cerca l’impresa

ROMA. – Al Chelsea servirà l’impresa al Nou Camp per eliminare il Barca mercoledì nel clou dell’ultima sezione degli ottavi di ritorno di Champions. Solo una formalità il passaggio ai quarti del Bayern, Manchester United favorito sul Siviglia, equilibrio tra Roma e Shakhtar nel resto del cartellone. In Europa League quasi spacciato il Milan, messa male anche la Lazio che per passare dovrebbe vincere in Ucraina.

Mancano pochi tasselli per disegnare il sontuoso gruppo d’elite della Champions. Dopo il PSG, a cui non è riuscita l’impresa col Real di super Ronaldo (“abbiamo visto la differenza tra grandi giocatori e campioni”, ha commentato il giovane saggio Mbappé), il torneo rischia di perdere anche il Chelsea, che vive un’annata balorda dopo la marcia trionfale in Premier: seconda nel suo girone con quattro punti concessi alla Roma, a rischio il quarto posto in campionato, qualificazione in aspra salita in Champions.

Serve una vittoria o un 2-2 in casa di un Barca imbattuto in Liga, forte e coeso che ha fatto riposare sabato Messi (che ha festeggiato la nascita del terzo figlio), ha ritrovato Suarez cecchino implacabile, sta inserendo Coutinho. La vittoria dei Blues col modesto Crystal Palace è stata invece incerta fino alla fine. Come Ronaldo ha bocciato le velleità del PSG, è probabile che il Messi stellare dell’ultimo periodo possa fare lo stesso col Chelsea, dopo avere frustrato con un gran gol l’ottima prova dei londinesi all’andata.

Al Manchester United serve una vittoria per rimandare a casa il Siviglia a cui Montella non riesce a dare continuità. Il ko col Valencia preclude le speranze di accesso alla prossima Champions, ma approdare ai quarti dell’edizione attuale salverebbe la stagione.

Il pragmatico Mourinho si accontenta dei risultati e si fa beffe dell’annosa questione del bel gioco. Col Liverpool ha dato scacco a Klopp inserendo il decisivo Rashford e ha portato a poco il predominante possesso palla degli ospiti. L’United ha blindato il secondo posto e ora è favorita nella sfida con gli spagnoli.

Il Bayern invece può affrontare con calma la calda trasferta in casa del Besiktas coi cinque gol di scarto maturati nell’andata. Già dal prossimo turno i bavaresi potrebbero festeggiare lo scudetto in una Bundesliga poco competitiva.

Non sarà facile per la Roma venire a capo dell’ostacolo Shakhtar. L’impresa è alla portata dei romanisti all’Olimpico, a patto di non concedere nulla in difesa alle scorribande dei giocolieri brasiliani dell’esperto gruppo ucraino. Come contro il Chelsea serve il miglior Dzeko e una gestione oculata della partita. Sono già qualificati ai quarti Real Madrid, Liverpool, Juventus e Manchester City.

Presenza italiana a rischio invece nella Europa League. Il Milan ha mostrato limiti di esperienza prevedibili contro un Arsenal che Wenger sta gestendo per l’ultimo tratto di un lungo cammino, dopo il flop in Premier. I due gol segnati in trasferta condizionano la gara e il Milan dovrebbe fare un miracolo per rovesciare il pronostico, impresa non impossibile ma certo problematica.

La Lazio ha invece fiducia di poter vincere a Kiev dopo il 2-2 un po’ sfortunato dell’andata. L’impresa è possibile perche’ la Dinamo è una squadra di medio livello, inoltre i romani in contropiede si trovano a memoria e possono sfruttare il fiuto del gol di Immobile, uno dei cannonieri più prolifici in Europa. Si attende anche il riscatto di Milinkovic-Savic dopo le ultime prestazioni opache.

Negli altri ottavi qualificazione in vista per Atletico, Sporting, Lione e Marsiglia, mentre il Salisburgo farà bene a non fidarsi del Dortmund ‘ferito’ dall’1-2 casalingo dell’andata. Allo Zenit di Mancini serve l’1-0 in casa col Lipsia per salvare la stagione dopo il flop in un campionato russo che all’inizio stava dominando.