Calcio: rischio squalifica Conmebol per i club venezuelani

CARACAS.A livello internazionale sul calcio venezuelano pende una spada di Damocle a causa di una possibile squalifica da parte della Conmebol. Tutto questo trapela dopo alcune dichiarazioni rilasciate da Laureano González, presidente della Federación Venezolana de Fútbol (FVF) e primo vice-presidente della Conmebol.

“In Venezuela ci saranno delle riunioni per parlare della licenza dei club. Dal 2013 parliamo di questo, ma come accade spesso in Venezuela lasciamo tutto per l’ultimo momento. Devono fare dei passi avanti come lo stanno facendo la Coppa Libertadores e la Coppa Sudamericana”.

Tutto questo a causa delle condizioni che sta attraversando il paese e che hanno condizionato le trasferte di Deportes Temuco (Cile) e recentemente il Gremio. “La formazione brasiliana ha dovuto affittare un volo chárter da Manaos verso Maturín. Tutto questo a causa dei pochi voli che ci sono per muoversi all’interno del paese”.

Molti pensavano che fosse solo una questione di stadi, ma Laureano González ha spiegato: “Non é solo un tema di stadi, é una questione che riguarda anche i trasporti dei diversi club e la trasmissione del segnale della televisione senza dimenticarci del fattore cibo, che é sempre più difficile trovare”.

Il predidente della FVF ha spiegato come sarà le prassi per ottenere l’omologazione della Conmebol. “Abbiamo trovato un accordo con la Conmebol, il controllo lo farà una impresa internazionale e vedrà se gli stadi sono idonei o no”.

Gonzalez ha dichiarato che l’approvazione dipenderà anche dal fattore economico: “Per poter andare in una competizione dev’essere chiara la procedenza dei fondi della squadra. Qui ci sono giocatori che non guadagnano neanche 100 dollari, altro argomento da spiegare. Il trattamento economico dei giocatori deve essere equiparato ai parametri internazionali”.

Il presidente della Federación Venezolana de Fútbol ha ammesso che “vedremo se i club che si qualificheranno per l’edizione 2019 delle competizioni Conmebol possano partecipare. Spero che tutte le squadre riescano ad adempiere con la condizioni richieste dall’ente rettore del calcio sudamericano”.

Infine, Laureano Gonzalez ha detto: “Il calcio sudamericano sta lottando per uscire dal buco dov’è finito in questi ultimi vent’anni e da dove non é riuscito a emergere come lo ha fatto l’Uefa ad esempio. Dobbiamo lottare per far crescre i club”.

(di Fioravante De Simone)

Condividi: