Tanto sport per festeggiare l’anniversario del Centro Italo Venezolano de Guayana

CARACAS – Nel mese d’ottobre del 1965, a Ciudad Guayana, un gruppo di italo-venezuelani si era riunito in casa di Eliseo Ponta. Oltre a Ponta c’erano Franco Biocchi, Humberto Lilas, Friore, Ercole Daddazio, Marengo Ridolfi, Nicoletta Salinas, Enzo Rambotti e Giogio Pecca. Quel giorno si scrisse il primo documento formale per fondare un Centro Italiano Venezolano e si inizió a cercare il posto dove far sorgere questo punto d’incontro per la nostra collettività a Ciudad Guayana.

L’associazione fu creata ufficialmente il 26 giugno del 1974, ma il funzionamento del club italico inizió nel 1981.

Sotto lo slogan “Creando lo que hoy disfrutamos”, quarantaquattro anni dopo, i soci attuali tra il 24 giugno ed il primo luglio hanno organizzato una serie di attività sportive e culturali per festeggiare quest’evento storico.

“Nonostante le difficoltà econonomiche, il nostro club ha mantenuto la sua politica di divertimento familiare e sportivo in un recinto di altissimo livello” ha dichiarato in un comunicato stampa Reinaldo Alcalá, presidente della Giunta Direttiva del club durante una conferenza stampa. Oltre a lui erano presenti Betulio Castro, Otto Lovera, Vitto Faleni, Indira Vásquez, Ricardo Pacheco e José Curbata.

Il programma anniversario prevede per domenica 24 giugno una messa nel Salón Salto Ángel alle 12:00. Poche ore dopo, nello stesso salone ci sarà la proiezione di un film dedicato ai più piccoli.

A questa iniziativa hanno aderito le commissioni di atletica (ci sarà una camminata), bocce, calcio, softball, tennis, nuoto che svolgeranno dei tornei interni per festeggiare nel segno dello sport il 44esimo aniversario del  Centro Italo Venezolano di Ciudad Guayana.

I soci potranno anche divertirsi con un rally Gimkana ed un festival gastronomico.

(di Fioravante De Simone)