L’Inter riparte e Icardi carica per la Champions

Spalletti e un gruppo di giocatori
Spalletti dirige l'allenamento ad Appiano Gentile. (Foto cortesia Inter FC)

MILANO. – Tra le rovesciate di Nainggolan e i gol di Lautaro Martinez, l’Inter riparte con la Champions nel mirino e con la carica di Mauro Icardi. Il primo giorno di scuola per la squadra di Luciano Spalletti scorre veloce ad Appiano Gentile, in un clima di tranquillità ma anche di ottimismo per la stagione. Un 2018/19 cominciato anche con la carica di Icardi, che si è presentato ad Appiano già domenica sera e aspetta il rinnovo, per il quale le trattative partiranno nelle prossime settimane.

”Dopo un mese e mezzo ci mancava un po’ vivere la quotidianità degli allenamenti- le parole del bomber a Inter Tv -. Abbiamo tutti voglia di iniziare la nuova stagione e la Champions League, che era il nostro obiettivo”. Parole da capitano vero, anche per quanto riguarda l’accoglienza degli ultimi arrivati.

”Ho dato il benvenuto ai nuovi come avevo già fatto anche al telefono – ha proseguito Icardi, che si allenerà a parte per una settimana per evitate sovraccarichi muscolari – devono capire la famiglia che è l’Inter: oggi ci siamo trovati per il primo allenamento e speriamo di continuare questa preparazione nel migliore dei modi”.

Proprio i nuovi acquisti sono stati da subito i protagonisti in allenamento, da De Vrij a Politano passando per Martinez e Nainggolan. Sorrisi e battute con Eder per il belga ex Roma, che si è subito immerso nel suo nuovo mondo nerazzurro, mentre Martinez è andato in gol nella partitella e Politano si è fatto vedere con un paio di acrobazie durante la seduta.

A fare da padrone di casa ad Appiano è stato invece Spalletti, tra un selfie e una battuta con i giornalisti presenti all’allenamento. Grande tranquillità da parte del tecnico nel primo giorno di lavoro della stagione, che dopo aver centrato l’obiettivo Champions è stato anche accontentato sul mercato con una rosa già praticamente al completo al via del ritiro (fatta eccezione per chi ha giocato i Mondiali come Vecino, Brozovic, Perisic e Miranda).

Mancano ancora gli ultimi tasselli, tra cui un terzino destro, un centrocampista e un estero offensivo, ma il ds Ausilio, presente all’allenamento, ripartirà all’assalto dei vari Dembelè e Malcom nelle prossime settimane. Non erano presenti al ritiro invece i tifosi nerazzurri: la Pinetina infatti non possiede i requisiti di sicurezza per ospitare oltre un centinaio di persone.

Suning Training Centre quindi blindato per il pubblico, che non potrà assistere a nessun allenamento nel corso del ritiro di due settimane. Ma Spalletti ha voluto rassicurare: ”Valuteremo soluzioni alternative per i tifosi – ha spiegato il tecnico -. Restare ad Appiano è però la soluzione migliore, ci sono tutti i macchinari a disposizione e si riducono i tempi anche per gli spostamenti”.

L’allenatore nerazzurro tornerà a parlare in conferenza stampa venerdì, evento clou di una settimana che prevede le presentazioni di Asamoah, De Vrij e Lautaro Martinez, oltre alla prima amichevole di sabato a Lugano contro i padroni di casa.