C’è qualcuno che desidera la vita?

Un'immagine in stile bizantino del viso di Gesù Cristo
Andrej Rublëv - Cristo Salvatore

«Il Signore cerca nella moltitudine del popolo il suo operaio e dice: C’è qualcuno che desidera la vita e brama trascorrere giorni felici? (cfr. Sal 33, 13). Se tu all’udire queste parole rispondi: Io lo voglio!, Iddio ti dice: Se vuoi possedere la vera e perpetua vita, preserva la lingua dal male e le tue labbra non pronunzino menzogna: fuggi il male e fa’ il bene: cerca la pace e seguila (cfr. Sal 33, 14-15). E se farete questo, i miei occhi saranno sopra di voi e le mie orecchie saranno attente alle vostre preghiere: prima ancora che mi invochiate dirò: Eccomi».[San Benedetto da Norcia, Regola]

«Il Signore cerca nella moltitudine del popolo il suo operaio»

Dio non sta a guardare dall’alto una moltitudine indefinita di persone, ma cerca il suo operaio, proprio a lui rivolge la sua chiamata.

«C’è qualcuno che desidera la vita e brama trascorrere giorni felici?»

Stavolta non puoi rispondere citando il pensiero dei tuoi compagni, di quelli con cui ti trovi a condividere le giornate, dei tuoi amici; non puoi nemmeno elencare i desideri statisticamente più diffusi tra quelli della tua età; non basta affermare con sicurezza: «E chi non lo desidera?» o chiedere l’aiuto del pubblico postando la domanda su qualche social network.

Tra le mille voci della gente, il Signore cerca la tua voce: «Tu, cosa desideri? Cosa cerchi? La vita, giorni felici?».

«Se tu», don Gian Luca, «all’udire queste parole rispondi: Io lo voglio!, Iddio ti dice: Se vuoi possedere la vera e perpetua vita,…»

Non una vita qualsiasi, ma la vera e perpetua vita!

«… preserva la lingua dal male…»

Benedici e non maledire!

«… e le tue labbra non pronunzino menzogna…»

Non dire falsità sul conto del tuo prossimo e non ingannarlo!

«… fuggi il male e fa’ il bene…»

Affrettati ad abbandonare ogni compromesso con il male e incamminati deciso sulla via del bene!

«… cerca la pace e seguila.»

Cerca il Signore e seguilo (cfr. Ef 2,14), impara da Lui la mitezza e l’umiltà (cfr. Mt 11,29)!

«E se farete questo, i miei occhi saranno sopra di voi e le mie orecchie saranno attente alle vostre preghiere: prima ancora che mi invochiate dirò: Eccomi»

Bellissima questa promessa di Dio per l’uomo che ascolta la Sua parola e la mette in pratica!

don Gian Luca Rosati

gioiaepace.blogspot.com