Esodo con incubo maltempo, bollino nero per il traffico

Traffico intenso sull'autostrada A14 nel nodo di Bologna.
Traffico intenso sull'autostrada A14 nel nodo di Bologna. ANSA/GIORGIO BENVENUTI

ROMA. – Valigie ed ombrello. Sarà caratterizzato dal maltempo il secondo fine settimana di esodo estivo. Oltre al rischio di trovare traffico molto intenso e possibili incolonnamenti sui 26 mila chilometri di rete stradale nazionale, per i vacanzieri c’è anche la concreta possibilità di dover affrontare improvvisi nubifragi e bombe d’acqua durante il viaggio.

Le previsioni meteo annunciano bollettini non incoraggianti per tutto il fine settimana, sul versante del traffico la maggiore criticità è segnalata per la mattinata di sabato, indicata dall’Anas con il “bollino nero” soprattutto in direzione sud verso le località di mare.

Ma l’esodo agostano è cominciato già dal pomeriggio – indicato dall’Anas con il bollino rosso cosi’ come per sabato pomeriggio e domenica mattina – per gli spostamenti verso le località di villeggiatura in particolare lungo le dorsali adriatica, tirrenica e jonica, compreso l’itinerario E45 che collega i due versanti della penisola e ai valichi di confine in direzione di Francia, Slovenia e Croazia.

Code ed incolonnamenti si sono registrate su varie autostrade da nord a sud, nonostante lo stop dei mezzi pesanti fino alle 22 di oggi. Divieto di circolazione in vigore anche domani dalle 8 alle 22 e domenica dalle 7 alle 22. Al Traforo del Monte Bianco si è verificata una coda in corrispondenza del piazzale italiano e di quello francese con tempi di attesa di circa 15 minuti.

Ed anche il maltempo nel tardo pomeriggio ha cominciato a colpire il centro-sud: i Castelli Romani, Matera, Taranto, il Casertano e il Salento. Una bomba d’acqua si è abbattuta sui comuni dei Castelli vicino a Roma ed ha provocato molti allagamenti e la caduta di tanti alberi e rami. Un violento nubifragio, durato circa due ore, si è verificato a Matera, dove l’acqua, talmente alta, ha travolto anche i tavoli della centralissima piazza San Pietro Caveoso, nei rioni Sassi, provocando danni alle strutture di alcuni locali pubblici.

Una tromba d’aria ha colpito nel pomeriggio i comuni casertani di Marcianise, Succivo, San Tammaro, e Gricignano d’Aversa. A Marcianise alcuni alberi secolari sono stati sradicati dalla furia del vento e si sono abbattuti sul tetto della Chiesa di Santa Veneranda con ingenti danni.

Una violenta ondata di maltempo si è abbattuta anche sulla costa ionica salentina: oltre alla pioggia battente una tromba d’aria ha fatto strage di alberi e pali della luce e della segnaletica stradale. Un ragazzo di 24 anni, che si trovava accanto ad un palo della luce divelto, è stato colpito da un fulmine ed è stato ricoverato in ospedale.

Un problema in meno prima di partire per le vacanze lo avranno i residenti a Modena che potranno usufruire di un innovativo servizio messo a disposizione gratuitamente da un centro commerciale: potranno affidare le proprie piante in quello che viene definito il “primo grande garden resort’. Un servizio gratuito partito oggi ed attivo fino al 26 agosto.

(Emanuela De Crescenzo/ANSA)