Baseball: al via la stagione 2018 della LVBP

CARACAS – Chiedete a un ragazzino venezuelano cosa gli fa venire in mente questo numero, 108. Ci sono 108 cuciture in una palla da baseball. Lo sanno anche i neonati, in Venezuela. E dategliela in mano questa palla con le sue 108 cuciture, al ragazzino venezuelano, e ditegli di lanciarla. Il ragazzino la prende con tre dita ­ pollice, indice e medio ­e la tira così. Non con tutta la mano, solo i ragazzini stranieri appena arrivati in Venezuela lanciano una palla con tutte le dita. C’è anche un’altra cosa che conoscono molto bene le persone nate nella terra di Bolívar, il 12 ottobre che non sono é festa nazionale, ma é anche la data in cui inizia la stagione della Liga Venezolana di Baseball Profesional.

Nelle città di Barquisimeto, Caracas, Puerto La Cruz e Valencia si alzerà il sipario della stagione 2018-2019 della LVBP, che giunge già alla sua 74esima edizione. Il campionato si estenderà fino a gennaio quando conosceremo chi avrà l’onore di rappresentare il Venezuela nella Serie del Caribe, la Champions League del baseball dei Caraibi, che nel 2019 avrà come scenario lo stadio Antonio Herrera Gutiérrez della città di Barquisimeto.

Conosciamo nel dettaglio le otto formazioni che lotteranno per portare a casa il trofeo che quest’anno si disputerà in onore di Domingo Carrasquel.

Iniziamo con i Leones del Caracas (20 scudetti in bacheca e 2 Series del Caribe), nella scorsa stagione sono stati eliminati in semifinale dai Caribes, ma ci sono stati diversi cambi di giocatori rispetto alla scorsa stagione. Per questo motivo c’è stata la riconferma del manager Mike Rojas, che nella stagione 2017-2018 si é aggiudicato il premio di miglior allenatore della LVBP e che in questa stagione sogna di vincere lo scudetto.

Al termine della passata stagione la dirigenza capitolina ha scambiato alcuni giocatori coi Tigres de Aragua. I melenudos hanno mandato nella denominata Ciudad Jardín pezzi da novanta come Jesús Aguilar e Henry “Pollito” Rodríguez. In cambio hanno ricevuto Alejandro Chacín, José Rondón e Juan Graterol.

Con la casacca dei Leones dovrebbero giocare dal primo giorno giocatori come Jesús Guzmán, José Ascanio, Franklin Morales, Juan Carlos Gutiérrez e Franklin Gutiérrez (nella foto in alto), quest’ultimo non gioca nella LVBP dalla stagione 2014-2015.

Durante la stagione dovrebbero rinforzerà la squadra il lanciatore Albert Suárez, l’outfilder Víctor Reyes, Carlos Pérez, Gregorio Petit e Miguel Socolovich.

I Navegantes del Magallanes (12 scudetti e 2 Series del Caribe), vogliono riscattarsi dopo la deludente stagione 2017-2018. Il principale problema l’anno scorso é stato il reparto dei lanciatori che é andato in tilt in fasi cruciali ed hanno decretato la precoce eliminazione dei valenziani.

Per questo motivo la direttiva del Magallanes ha incorporato nel suo roster campioni come Henderson Álvarez, Wilfredo Boscán e Yohan Pino. A questi lanciatori si aggiungerà l’esperienza di Carlos Zambrano.

Carlos Zambrano é uno dei lanciatori con più esperienza nel campionato della LVBP.

Quest’anno i Nagevanges non avranno in rosa battitori come Mario Lissón, Jesús Valdez e José Tabata. Ma potranno contare sui servizi di Endy Chávez, Frank Díaz e Ronny Cedeño. A loro si aggiungeranno Delmon Young, Luis Arráez, Andrés Eloy Blanco, Renato Nuñez, ed Alberth Martínez.

I Tigres de Aragua (10 scudetti e 1 Serie del Caribe), nelle ultime stagioni hanno sempre dato filo ta torcere a tutti, ma gli é mancato sempre l’ultimo step: vincere il titolo.

Per cercare di vincere il desiderato scudetto é stata affidata la panchina a Ramón Hernández, che farà il suo esordio come allenatore in questa stagione. In precedenza Hernández aveva lavorato come coach con il Magallanes e i Tiburones de La Guaira. Avrà a disposizione un roster con un mix di giovani e veterani. Tra i nomi di blasone ci sono Alberto Callaspo, Jean Machí e Guillermo Moscoso.

Uno dei pilastri dei Tigres de Aragua sarà indubbiamente l’italo-venezuelano Carlos Tocci.

Stagione dopo stagione, i Tiburones de La Guaira (7 scudetti) partono con l’illusione di togliersi l’etichetta della squadra con più anni senza vincere un título della Liga Venezolana de Baseball Profesional. Sono 32 anni senza salire sul trono della pelota venezuelana.

Il manager vuole riportare lo scudetto nella bacheca dei Tiburones.

Il manager sarà lo stesso dell’anno scorso, Oswaldo Guillén, che può ostentare di essere l’unico venezuelano ed único latinoamericano ad aver vinto un campionato della Major League Baseball. Lo ha fatto nel 2004 con i Chicago White Sox.

Per cercare di ritrovare la strada della vittoria é stato nominato come direttore generale l’italo-venezuelano Luis Blasini.

I Caribes de Anzoátegui (3 scudetti) hanno tutte le carte in regola per bissare il titolo vinto nella passata stagione.

Caribe
I Caribes

Nel roster dei Caribes ci sono campioni del calibro di Alexi Amarista, Niuman Romero, Luis Jiménez, Willians Astudillo, Luis Sardiñas, René Reyes e Daryl Thompson che saranno a disposizione del manager Omar López dal primo giorno.

Tra i favoriti per portare a casa la coppa ci sono i Cardenales de Lara (4 scudetti) che non solo vogliono rifarsi del titolo che gli é sfuggito nella stagione 2017-2018, ma anche hanno il plus che la Serie del Caribe si disputerà nel loro nido l’Antonio Hererra Guitierrez.

Le Águilas del Zulia (6 campionati vinti) dovranno disputare le prime gare in esilio a causa dei problema con il campo del Luis Aparicio avranno a disposizione un roster con tanti creoli.

Dal primo giorno saranno a disposizione del manager giocatori come Alberto González, José Tábata, Álex Romero, Héctor Giménez, Humberto Arteaga e Jairo Pérez.

Infine i Bravos de Margarita, con Henry Blanco sulla panchina sperano di vincere finalmente il loro primo título nella Liga Venezolana de Baseball profesional.

Oggi, nello stadio Alfonso “Chico” Carrasquel  ci sarà la gara inaugurale tra i campioni in carica, i Caribes de Anzoátegui che ospiteranno le Águilas del Zulia. La prima giornata si completerà con Tigres de Aragua-Navegantes Magallanes (stadio José Bernando Pérez di Valencia); Bravos de Margarita-Cardenales de Lara (stadio Antonio Herrera Gutiérrez di Barquisimeto) e Tiburones de La Guaira-Leones del Caracas (stadio Universitario di Caracas).

di Fioravante De Simone