Musica: Bocelli primo in classifica in Usa, un sogno che si avvera

Andrea Bocelli durante un concerto nella Basilica di Santo Stefano in Budapest.
Andrea Bocelli durante un concerto nella Basilica di Santo Stefano in Budapest. (EPA/ZSOLT SZIGETVARY HUNGARY OUT)

ROMA. – ”A dream come true…”, un sogno che si avvera per Andrea Boccelli, che dopo aver raggiunto il top della classifica Gb oggi arriva sulla vetta anche di quella Billboard Usa con il suo nuovo album, “Sì”, che in Italia ha esordito in sesta posizione.

”La vetta più volte sfiorata oggi è stata raggiunta: regalo migliore non potevo riceverlo – commenta Andrea Bocelli con l’ANSA -, da un meraviglioso Paese che mi ha voluto bene da subito. Il riconoscimento suggella un rapporto di affetto che dura da oltre vent’anni, con questo grande popolo che ringrazio dal profondo del cuore. Ricordo la voce profetica di mio padre, che mi esortava: devi andare in America! Il mio primo pensiero di gratitudine – continua – lo dedico a lui. A lui va il merito d’aver saputo guardare lontano, d’aver saputo insegnarmi quei valori che mi hanno guidato fin qui. Valori che condivido con i miei figli, con Veronica, con la mia meravigliosa famiglia, con i miei amici e collaboratori… Questo ulteriore traguardo, anche se porta il mio nome, è un loro traguardo”.

”Si” è dunque il disco più acquistato nell’ambito mercato statunitense, si trova davanti a titoli come “A Star is born” di Lady Gaga. Nessun italiano era mai riuscito nell’impresa. Un traguardo memorabile che si somma al primato raggiunto dall’artista qualche giorno fa con il n.1 anche inglese. Una doppietta storica, la prima in assoluto per un cantante italiano.

“Una notizia che ci riempie di orgoglio, che sottolinea il gigante talento di Andrea Bocelli, la perseveranza di una squadra coesa che da sempre mette al centro il talento artistico e la sua peculiarità”, commenta Caterina Caselli con affetto e orgoglio.

“E’ un risultato storico che ci riempie di orgoglio e soddisfazione. Mi piace l’idea di condividere questo momento così speciale con tutte le persone della Sugar e con tutti gli autori che hanno contribuito a questo album” dice Filippo Sugar, presidente di Sugar Music e aggiunge: “Grazie a loro, a Bob Ezrin che ha prodotto il disco, e soprattutto ad Andrea che ancora una volta dimostra che nulla è impossibile”.

“Non so dare una definizione di pop, ma quest’album lo è e con le sue canzoni abbraccia tutto il mondo”, aveva detto Bocelli presentando l’album di brani inediti intitolato ‘Sì’, uscito in tutto il mondo il 26 ottobre. Il lavoro discografico del tenore, uscito in 60 paesi diversi, riporta in scena Bocelli con una scaletta di dodici canzoni e quattro bonus track, dedicate all’amore, alla famiglia, alla fede e alla speranza, il tutto con la produzione del leggendario Bob Ezrin, già sentito al lavoro con Pink Floyd, Lou Reed e altri.

Un album, il suo ‘Sì’, che permette al tenore di ripresentarsi dopo quattordici anni di attesa (dall’album ‘Andrea’) con una serie di canzoni inedite e scritte per lui da autori del calibro di Tiziano Ferro, Fortunato Zampaglione, Mauro Malavasi, Riccardo Del Turco e diversi altri nomi ancora.