Panama: la Cenerentola che porta a casa la Serie del Caribe

I giocatori del Panama esultano con il trofeo della serie del Caribe
I giocatori del Panama in festa dopo aver conquistato la Serie del Caribe 2019. foto cortesia

CARACAS – “I sogni son desideri chiusi in fondo al cuor, nel sogno ci sembrano veri e tutto ci parla d’amor… se credi chissà che un giorno non giunga la felicità non disperare nel presente ma credi fermamente e il sogno realtà diverrà”.

Questa storia inizia con una citazione della favola di Cenerentola, perché la storia che stiamo per raccontarvi è proprio quella di una squadra che non era stata ammessa al gran ballo, quello di quest’anno, ma che torna a casa con il premio di Reginetta. Una squadra che non doveva essere lì, ma che ha dimostrato a tutti che per portarsi a casa un trofeo, fosse anche una Serie del Caribe, bastava crederci.

I Toros de Herrera si sono aggiudicati la 61esima edizione della Serie del Caribe, che si é disputata nell’Estadio Nacional Rod Carew di città del Panama (originalmente si doveva disputare a Barquisimeto). La squadra panamense ha battuto per 3-1 in finale i Leñadores de Las Tunas (Cuba).

Prima di questa vittoria, Panamá, aveva messo in bacheca un solo trofeo della Serie del Caribe, quello del 1950. Quell’anno, il torneo andò in scena a San Juan (Porto Rico) e ad aggiudicarsi la vittoria fu il Carta Vieja. Questo successo interrompe l’egemonia cubana in territorio panamense, nelle tre edizioni precedenti i cubani avevano portato a casa altrettanti trofei.

Il lanciatore vincitore nella gara decisiva é stato Harold Araúz (2-0), il perdente é stato Freddy Asiel Álvarez (0-2) e Manuel ‘Manny’ Corpas si é aggiudicato il save (4-0).

I Cardenales de Lara, rappresentanti del Venezuela, hanno chiuso il torneo con 2 vittorie (1-5 contro i Charros de Jalisco e 0-1 contro i Leñadores) ed altrettante sconfitte (4-9 coi Charros e 0-3 coi Leñadores).

Il Panama che doveva fare il suo ritorno nella Serie del Caribe nel 2020, é apparso nella lista degli invitati all’ultimo minuto a causa del cambio di sede, e adesso si trova sul trono a festeggiare dopo aver battuto in finale i favoriti cubani.

(di Fioravante De Simone)