Madrid, “Premio Tiepolo 2019” a Marco Alverà e Antonio Llardén

MADRID – Il prossimo 25 novembre, presso la nostra Ambasciata, sarà consegnato il “Premio Tiepolo 2019”. Insigniti del prestigioso riconoscimento, conferito dalla Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna e dalla “Confederación Española de Organizaciones Empresariales” sotto gli auspici dell’Ambasciata d’Italia in Spagna, sono stati Marco Alverà, Amministratore Delegato di Snam e Antonio Llardén, Presidente Esecutivo di Enagás.

In questa occasione, come in quelle precedenti, il “Premio Tiepoli” vuole riconoscere il percorso professionale di capitani d’impresa che, con il loro impegno, hanno contribuito a rafforzare le relazioni economiche tra Italia e Spagna. Non solo, con il loro operato hanno collaborato a rafforzare la presenza dei due Paesi sui mercati internazionali e a proiettare nel mondo un’immagine altamente competitiva del sistema produttivo italiano e spagnolo.

Marco Alverà è dal 2016 Amministratore Delegato di Snam, una delle principali società energetiche europee. Laureato in Economia e Filosofia presso la “London School of Economics”, Alverà ha lavorato circa 20 anni nelle più importanti aziende energetiche italiane, occupandosi di gas naturale, elettricità e petrolio. Dopo aver iniziato la sua carriera professionale in Goldman Sachs a Londra, ha lavorato in Enel e Wind. Nel 2005 è entrato in Eni, dove ha occupato incarichi manageriali di crescente responsabilità durante i suoi quasi 11 anni di permanenza.  Sotto la direzione di Alverà, Snam si è affermata come protagonista della transizione energetica a livello europeo, avviando per prima la sperimentazione dell’immissione di idrogeno nella rete di trasporto gas e dando vita, con il progetto Snamtec, a nuovi business come la mobilità sostenibile, le infrastrutture per il biometano e l’efficienza energetica.

Antonio Llardén e Marco Alverà

I premiati

Antonio Llardén Carratalá è, dal 2007, Presidente Esecutivo di Enagás, compagnia con 50 anni di storia nella costruzione e gestione di infrastrutture energetiche e tra i TSO più efficienti in Europa. Ingegnere Industriale presso la “Escuela Técnica Superior de Ingenieros Industriales” dell’”Universidad Politécnica” della Catalogna di Barcellona, Llardén vanta un’ampia esperienza nel mondo imprenditoriale.n Nel corso del suo percorso professionale, ha infatti occupato incarichi di alta responsabilità nei settori delle infrastrutture e dell’energia, tra cui quello di Presidente di Sedigas (Associazione Spagnola del Gas), di membro del Consiglio Direttivo di Eurogas e del Comitato Esecutivo dell’Unione Internazionale dell’Industria del Gas (IGU).

Antonio Llardén è stato anche Consigliere in compagnie spagnole del settore ed ha presieduto, nel 2007, il LNG World Congress. Sotto la sua presidenza, Enagás ha investito oltre 5 miliardi di euro in Spagna per sviluppare la rete di infrastrutture del gas necessarie per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento ed il back up delle rinnovabili nel processo di transizione energetica.  Llardén è anche Presidente della Fondazione per la Sostenibilità Energetica e Ambientale (Funseam), formata dalle principali compagnie spagnole del settore energetico.

Tanti le personalità dell’industria e, in generale, dell’imprenditorialità premiate nelle edizioni precedenti del Premio Tiepolo. Tra questi, Antonio Hernández Callejas (Ebro Foods), Luigi Lana (Reale Group), Urbano Cairo (RCS Mediagroup), Francisco Reynés (Abertis e Cellnex Telecom), il re emerito Juan Carlos (edizione speciale del premio per la celebrazione del Centenario della CCIS), José Manuel Lara Bosch (Antena 3), Paolo Vasile (Tele 5), Rodrigo Rato (Fondo Monetario Internazionale), Mario Monti (Università Bocconi), Florentino Pérez (Real Madrid), Luca Cordero di Montezemolo (Ferrari), José Vilarasau (La Caixa), Marco Tronchetti Provera (Pirelli), Rodolfo Martín Villa (Endesa), Luciano Benetton (Edizione Holding), Giovanni Agnelli (Fiat), José Ángel Sánchez Asiaín (Fundación BBVA), Luis Ángel Rojo (Banco de España), Antonio Fazio (Banca d’Italia).

Redazione Madrid