Pallanuoto Europei: Setterosa ko con la Spagna

Le ragazze della nazionale femminile di pallanuoto ricevono istruzioni dal ct Paolo Zizza. (oasport.it)

ROMA. – Una intossicazione gastrointestinale manda ko il Setterosa prima ancora di scendere in vasca contro la Spagna nella seconda partita degli Europei di pallanuoto in corso a Budapest. Contro le vicecampionesse del mondo spagnole le azzurre perdono 16-10 in una gara che è stata inevitabilmente condizionata dalle assenze forzate di Elisa Queirolo, Giulia Emmolo, Arianna Garibotti e Giulia Gorlero, praticamente mezza squadra.

La giornata di riposo di domani – dedicata all’esordio del torneo maschile con il Settebello campione del mondo con la Grecia – servirà alle azzurre per ristabilirsi prima della sfida di mercoledì contro le campionesse del mondo in carica dell’Olanda.

“Alcune ragazze non sono state bene la scorsa notte e ciò ha condizionato la prestazione odierna – le parole a fine gara del ct Paolo Zizza -. Dobbiamo però soffermarci sui gol non fatti in superiorità numerica e sui troppi subiti in inferiorità. Il giorno di riposo servirà, oltre che a recuperare le giocatrici debilitate, per rivedere e correggere ciò che non è andato contro la Spagna”.

Le prime sette in acqua sono Sparano, Tabani, Avegno, Marletta, Bianconi, Chiappini e Aiello. Le azzurre vogliono reggere il confronto con le vicecampionesse del mondo senza scusanti. Garibotti fa 1-1 su rigore al 3’20” di gioco, Marletta con un tiro dal perimetro realizza il 2-3 al quinto minuto.

La media in più resta comunque bassa e la Spagna trova fácilmente spazio in attacco: Tarrago cala il poker nel primo tempo e fa doppietta nel secondo, quando però Clara Espar esce già per limite di falli. Emmolo entra e segna il momentaneo 3-6. Dopo di lei fa l’ingresso in acqua anche il capitano Queirolo che si fa apprezzare subito in fase difensiva. Sebbene la Spagna abbia la partita in controllo, l’Italia appare viva e determinata.

Garibotti realizza il secondo gol personale e si va al cambio di campo con le spagnole avanti 9-4. Dal terzo tempo torna fra i pali Gorlero e così tutte le “debilitate” sono scese in vasca.

Questa frazione è più equilibrata: l’Italia finalizza con Avegno in superiorità, Bianconi e Marletta. Nella Spagna esce anche Crespi al terzo fallo personale (7-12 sul tabellone). Negli ultimi otto minuti il Setterosa mostra i suoi occhi di tigre e tenta la remuntada. Alcune, però, sono troppo indebolite e tutti gli sforzi in attacco sono vanificati in fase difensiva. Maica Garcia Godoy servita al centro schiaccia in rete il 16-10 conclusivo.