Marino Bartoletti: “Domenico Modugno il Maradona della storia di Sanremo”

Marino Bartoletti intervistato da Emilio Buttaro per “La Voce d’Italia”
Marino Bartoletti intervistato da Emilio Buttaro per “La Voce d’Italia”

Per celebrare una ricorrenza così importante come i 70 anni del Festival, ecco un libro che racconta la storia di Sanremo. A scriverlo, uno dei più apprezzati giornalisti italiani, grande esperto di musica e volto noto della tv. Il libro, l’Almanacco del Festival di Sanremo è uscito nelle scorse settimane e Marino Bartoletti ci ha spiegato come è nata l’idea.

“Pensavo che fosse arrivato il momento giusto per fissare questa storia non solo musicale ma anche sociale, una storia con la S maiuscola dell’Italia stessa. 70 anni di un evento coprono tutta o quasi l’Italia del dopoguerra – ha aggiunto Bartoletti – con i suoi slanci e le sue ingenuità, le sue paure e le sue speranze fino al consolidamento e alle cose che ci allineano alla contemporaneità. Basti pensare che la prima a vincere è stata Nilla Pizzi, una ragazza di provincia, vestita in un certo modo, pettinata in un certo modo che cantava in un certo modo. L’ultimo è stato Mahmood un giovane nato in Italia con padre egiziano che parla il dialetto milanese ed ha cantato le dinamiche complicate di una famiglia italiana di questa generazione. Quindi è un cerchio che si chiude su tre generazioni di italiani”.

Secondo un grande giornalista sportivo chi è il Maradona della storia del Festival?

“Direi Domenico Modugno perché ha cambiato la storia del Festival e della stessa musica leggera italiana. Quando lui spalanca le braccia e urla ‘Volare’ incitando tutti gli italiani a farlo, ancora un pochino provati da quello che era successo, accade che il mondo torna a innamorarsi dell’Italia. Lui porta la canzone italiana in America, in tutto il mondo e da quel momento cambia probabilmente la storia del nostro Paese non soltanto del Festival. Come Maradona ha fatto vincere due scudetti e un campionato del mondo nelle squadre in cui ha giocato, così Domenico Modugno ha portato i suoi trionfi, la sua leadership, il suo carisma nella musica italiana”.

Il libro è scritto con Lucio Mazzi ed è pubblicato dalla casa editrice Marchesini. Prefazione di Renzo Arbore, Pippo Baudo, Carlo Conti.

Video intervista di Emilio Buttaro