Amarcord, motori: 35 anni fa nasceva il pilota italo-venezuelano Ernesto Viso

Viso ha avuto una fugace presenza in Formula Uno. foto cortesia

CARACAS. – Giorno di festa per Ernesto José Viso. Il pilota italo-venezuelano festeggia oggi 35 anni. L’amore tra i motori ed il campione di origine campana é nato all’età di 5 anni, quando il papá nel giorno del suo compleanno gli regaló un kart.

La sua prima gara ufficiale risale al 1991 nella categoria Mini Kart, quel giorno portó a casa anche la vittoria. Viso ha anche l’occasione di correre a livello internazionale partecipando nel Campionato Panamericano di Karting.

Per conoscere meglio come funzionavano i motori inizia a studiare ingegneria meccanica presso l’Università di Cambridge, in Inghilterra. Ma la voglia di essere in pista era superiore a quella di essere sui banchi, e così lascia gli studi e torna sui circuito.

Poi, il pilota di origine salernitana, fa il salto dal karting all’automobilismo partecipando alla GP2. Nel 2006, Viso realizza il sogno di partecipare nella prestigiosa Formula Uno prendendo parte alle prove del GP del Brasile con la scuderia Spyker.

C’è un aneddoto che riguarda la Spyker con Viso: nel 1991, quando ancora si chiamava Jordan, debuttò nel Gran Prix di Belgio l’allora promettente Michael Schumacher. Qualche anno più tardi, nel Gp del Brasile, finita la gara si avvicinò all’ormai ferrarista Schumacher un piccoletto di nome Ernesto Viso, per fargli una foto e chiedergli un autografo. Qualche anno dopo, i due torneranno a incontrarsi; questa volta, per duellare in pista.

La sua esperienza nella massima serie dei motori si interruppe a causa di un cambio di obiettivi nella dirigenza della scuderia. E così Viso finì per gareggiare nella categoria IndyCar negli Stati Uniti.

Dopo l’esperienza nella IndyCar ha anche gareggiato nella Super Trucks, negli X Games.

(di Fioravante De Simone)