Su Marte scorrevano fiumi simili al Po

Marte: al polo sud il radar Marsis e la zona del lago salato.
Marte: al polo sud il radar Marsis e la zona del lago salato. (CREDIT: OROSEI)

ROMA. – Grandi fiumi che scorrendo creavano canali e banchi di sabbia come fa il Po, colline in lontananza che richiamavano il paesaggio delle Prealpi e piogge abbondanti: accadeva su Marte 3,7 miliardi di anni fa e a ricostruire quell’antichissimo paesaggio grazie alle immagini dei satelliti è la ricerca internazionale pubblicata sulla rivista Nature Communications dall’italiano Francesco Salese, della International Research School of Planetary Sciences (Irsps) dell’Università d’Annunzio di Pescara e dell’Università olandese di Utrecht.

La pianura che, secondo la ricostruzione, ricorderebbe da vicino un paesaggio del Piemonte, si trova a Nord-Est del bacino di Hellas, il cratere che un tempo corrispondeva a un enorme lago, il più grande su Marte. Ed era in quel bacino profondo oltre sette chilometri e dal diametro di 2.300 chilometri che andava a finire il grande fiume simile al Po.

“Le caratteristiche della zona studiata indicano che su Marte con altissima probabilità c’erano molti grandi fiumi, che oggi sono probabilmente sepolti” e che probabilmente sono esistiti per un lungo periodo, anche oltre 100.000 anni, ha detto Salese, esperto di geologia planetaria, che ha condotto la ricerca con William McMahon, dell’Università di Utrecht. Oltre ai ricercatori olandesi e italiani, allo studio hanno partecipato ricercatori francesi dell’Università di Nantes, e britannici della Open University e del Museo di Storia Naturale di Londra.

I depositi fluviali visibili nella falesia marziana di Izola, sono stati scoperti grazie alle immagini inviate a Terra dallo strumento HiRISE (High Resolution Imaging Science Experiment) del satellite Mars Reconnaissance Orbiter (Mro) della Nasa.

“È la prima evidenza di rocce sedimentarie esposte in falesia che mostrano canali formati da grandi fiumi attivi su Marte più di 3,7 miliardi di anni fa. Nella parete sono visibili strutture a forma di U, la più recente delle quali risale a 3,7 miliardi di anni fa, e che indicano il modo in cui il corso del fiume è cambiato nel tempo”.

Le immagini del satellite hanno permesso di individuare una struttura rocciosa ben esposta e preservata alta 200 metri, lunga un chilometro e mezzo e con le pareti a picco: una falesia alta il doppio delle scogliere di Dover. “I sedimenti – ha osservato Salese – si sono depositati in decine di migliaia di anni e ci dicono che su Marte dovevano esserci condizioni ambientali tali da permettere di avere corsi d’acqua di grande portata e un ciclo dell’acqua in cui le precipitazioni avevano un ruolo importante”.

Le evidenze geologiche di questo tipo sono anche “cruciali per cercare forme di vita”, ha aggiunto il geologo. “Non è esattamente come leggere un giornale, ma le immagini ad alta risoluzione ci hanno permesso di leggere le rocce marziane come se fossimo davvero molto vicini”, ha detto ancora il ricercatore. La chiave di lettura delle rocce, ha osservato McMahon, è la stessa che sulla Terra permette di ricostruire la storia geologica del pianeta attraverso i sedimenti.

(di Enrica Battifoglia/ANSA)