Medici ‘sentinella’ per estate anti-Covid in Puglia

Una spiaggia del Gargano in Puglia.
Una spiaggia del Gargano in Puglia. (ANSA)

BARI. – “Medici sentinella” per scovare casi di Covid19 durante l’estate e in autunno. La Regione Puglia ne cerca 64, con un bando rivolto ai medici di base, per potenziare la propria rete di sorveglianza: dovranno scovare i casi Covid e segnalarli al Dipartimento di Prevenzione delle Asl per l’adozione delle misure di sicurezza, dai tamponi di verifica fino all’isolamento domiciliare della persona contagiata.

I 64 medici di base ‘sentinella’ si aggiungeranno ai 136 loro colleghi che già compongono la rete “Influnet” per la normale influenza stagionale. “Al fine di integrare il sistema di intelligence epidemiologica – si legge nel bando della Regione Puglia per i ‘medici sentinella’ – necessario per individuare eventuali segnali di ripresa della circolazione virale Covid-19, è in fase di avvio un sistemo di sorveglianza sentinella strutturato sulla falsa riga del programma Influnet”.

“L’obiettivo – è scritto – sarà quello di intercettare, nel periodo estivo, in maniera precoce un eventuale segnale di ripresa della circolazione virale evidenziabile con segnalazioni aggregate di casi di sindrome simil-Covid”.

Possono partecipare alla selezione i medici di base nella fascia tra 800 e 1.500 assistiti, questo per garantire una più ampia copertura. Il monitoraggio sarà coordinato dall’Osservatorio epidemiologico regionale, senza sostituire la sorveglianza epidemiologica svolta dai Dipartimenti di Prevenzione né il normale iter diagnostico.

La rete dei medici sentinella copre tutte le province: da Foggia (4 persone), passando per Bari (22 medici), fino a Lecce (16). Il sistema è stato pensato soprattutto per individuare i casi di contagio nei tre mesi estivi, quando si prevede anche l’arrivo di migliaia di turisti, per isolarli rapidamente ed evitare focolai più difficilmente gestibili.

(di Vincenzo Damiani/ANSA)