Sicurezza alimentare, firmata intesa con l’Onu

El presidente de la Federación Venezolana de Maestros (FVM), Orlando Alzuru, realizó un llamado a los funcionarios del Gobierno Nacional para que busquen una solución concreta ante esta problemática que afecta a miles de escuelas en el país

CARACAS – Un memorandum d’intesa per avanzare in un programma che promuova la sicurezza alimentare nel Paese è stato firmato dal presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, e dal Direttore Esecutivo del Programma alimentare mondiale (Wfp) dell’Onu, David Beasley. Il memorandum contempla, nella sua prima fase, l’assistenza tecnica e logistica agli scolari della scuola primaria.

– Voglio elogiare lo sforzo che abbiamo fatto per questa iniziativa che stiamo sviluppando per portare avanti programmi di sostegno alimentare, di assistenza umanitaria a bambini dell’istruzione primaria – ha espresso il capo dello Stato al termine dell’incontro privato avvenuto nel palazzo di Miraflores.

Il presidente Maduro ha aggiunto che si tratta del primo passo di una serie di ambiziosi progetti che hanno come obiettivo il sostegno alimentare a tutta la popolazione del Venezuela.

– La nostra organizzazione – ha commentato David Beasley – avanzerà con il suo progetto di raggiungere progressivamente 1,5 milioni di ragazzi e ragazze nelle scuole delle zone venezuelane più colpite dalla insicurezza alimentare. Speriamo di poter iniziare a lavorare presto perché c’è davvero molto lavoro da fare.

Il responsabile del Wfp ha ricordato che l’iniziativa è ispirata da principi di umanità, neutralità, imparzialità e indipendenza operativa. Ha quindi reso noto che gli aiuti saranno concentrati principalmente verso le istituzioni di scuola materna e di educazione speciale. Altri investimenti, invece, saranno orientati alla riabilitazione di mense scolastiche e per la formazione del personale delle scuole alle pratiche della sicurezza alimentare.

Le mense scolastiche sono una creazione dei governi precedenti il ventennio “chavista”. Il loro obiettivo era permettere l’accesso ad una alimentazione equilibrata agli studenti più umili, quelli provenienti dalle famiglie meno abbienti. Crisi economica e disinteresse hanno provocato la chiusura delle mense nelle scuole dei rioni popolari. E così distrutto quello che era una debole diga contro la denutrizione infantile.

Redazione Caracas