Spagna e Italia, nel quarto trimestre 2020 risparmi delle famiglie in crescita

Famigliola a passeggio in un parco co i bambini tenuti per mano

MADRID – Riduzione della spesa familiare e aumento del tasso del risparmio. Sono due dei fenomeni registrati da Eurostat. Nel fotografare la realtà del Vecchio Continente nel corso del quarto trimestre 2020, l’ente europeo mostra come le incertezze legate alla pandemia e i provvedimenti restrittivi approvati dai governi abbiano provocato la flessione negli acquisti familiari e l’aumento del tasso di risparmio.

Dai dati resi noti dall’ufficio statistico europeo emerge che la spesa delle famiglie nell’Ue ha subito una contrazione del 7 per cento mentre il reddito è aumentato dello 0,6 per cento. Il tasso di risparmio, d’altro canto, ha sperimentato un incremento di 6,6 punti rispetto a un anno fa.

Stando a Eurostat, il consumo in Spagna ha registrato una riduzione dell’11,2 per cento mentre in Italia il calo è stato del 10,3 per cento. La maggior caduta del consumo è avvenuta in Slovenia, con -15,4 per cento. Controcorrente, invece, la Danimarca. È stato l’unico Paese in cui i consumi delle famiglie sono aumentati (+ 0,2%).

L’Eurostat ha reso noto anche i dati relativi il reddito delle famiglie dell’Unione Europea. In Italia si è ridotto del 2,3 per cento. È la seconda peggiore contrazione, dopo quella della Spagna. Infatti, nella penisola iberica il calo è stato del 3,4 per cento.

Stando a quanto registrato da Eurostat, l’aumento maggiore nei risparmi si è osservato in Slovenia, attorno ai 21 punti percentuali; in Irlanda, sui 13 punti percentuali e Belgio, circa 11 punti percentuali.

Redazione Madrid