L’Ambasciatore Guariglia nella BNE: “Dante Alighieri ponte tra la cultura classica italiana e spagnola”

MADRID – “Aprire le porte della Biblioteca Nazionale all’Italia significa permettere di rafforzare il magnifico nesso d’unione che esiste tra la cultura spagnola e quella italiana, personificata nell’opera eterna ed universale del Sommo Poeta, Dante Alighieri”. Lo ha affermato con enfasi l’Ambasciatore d’Italia in Spagna, Riccardo Guariglia, nell’inaugurare la mostra intitolata “Dante Alighieri e la Biblioteca Nazionale di Spagna: 700 anni tra inferno e Paradiso”.

Nella mostra, allestita in occasione del settimo centenario della morte di Dante Alighieri, si espongono al pubblico, tra gli altri, 10 pregiati e antichissimi manoscritti della Divina Commedia.

– Le celebrazioni in omaggio a Dante – ha anche detto l’Ambasciatore Gueriglia – hanno riguardato tutti i settori della cultura, a testimonianza, nonostante il tempo trascorso, della forza e della vitalità del messaggio dantesco e dell’universalità della sua poesia.

L’iniziativa è una delle tante manifestazioni culturali programmate nell’ambito dell’ambizioso progetto “Madrid città dantesca” al quale, con il sostegno della nostra Ambasciata, collaborano l’Istituto di Studi Classici dell’Università Carlos III, l’Università Complutense, l’Università Autonoma di Madrid, il Circolo di Belle Arti e l’Istituto Italiano di Cultura.

La mostra rimarrà aperta fino al 2 ottobre.

Redazione Madrid