Maturín, indignazione per la brutale aggressione subita da un connazionale

MATURÍN – Sorpresa, costernazione e indignazione. Un mix di sentimenti destato dalla brutale aggressione subita da Vincenzo Termini, il connazionale proprietario dell’Ospedale Metropolitano di Maturín. Dello sconforto e dello sdegno che ha suscitato l’attacco subito dal connazionale, assai conosciuto in seno alla nostra comunità dello Stato Monagas, si è fatto eco Giovany Fiorello, responsabile dell’Agenzia Consolare Onoraria d’Italia a Maturín.

“La Comunità italiana-venezuelana dello Stato Monagas, che rappresento in qualità di Console Onorario, è afflitta per quanto accaduto” ha puntualizzato il Console Onorario in un comunicato per poi sollecitare alle autorità competenti si indaghi a fondo sull’accaduto, si faccia luce sulle ragioni della brutale aggressione e si arrestino i responsabili dell’imboscata affinché non restino impuniti.

Ricoverato in Ospedale, le condizioni di Termini,  aggredito da un gruppo di delinquenti mentre tornava a casa, destano preoccupazione

Redazione Caracas