Karate: l’italo-venezuelano Gianluca Greco vince l’oro nella WKF Youth League di Acapulco

Il karateka di origine siciliana mostra orgoglioso la sua medaglia.

CARACAS – Gichin Funakoshi, tra i più conosciuti e apprezzati maestri di arti marziali e fondatore dello stile Shotokan, diceva: “Il Karate va tenuto vivo col fuoco dell’anima; è come l’acqua calda, necessita di calore costante o tornerà acqua fredda”. Il giovane karateka italo-venezuelano Gianluca Greco (13 anni) l’ha capito bene dal primo giorno in cui ha messo piede sul tatami.

Durante il fine settimana, questo campione di origine siciliana (suo nonno Vito é originario di Menfi, provincia di Agrigento), ha vinto la medaglia d’oro nella Youth League della Federazione Mondiale di Karate. Il torneo disputato ad Acapulco, in Messico, ha radunato i migliori 18 della categoria Under 14 nella modalità del kata.

“Ringrazio Dio, i miei genitori (mamma Nairobi e papá Vito, n.d.r.) che sono al mio fianco tutto il tempo, i miei sensei: ho la fortuna di avere vicino persone che fanno di tutto per aiutarmi a migliorarmi giorno dopo giorno” ha scritto sul suo account Instagram Greco, aggiungendo “Dedico questa vittoria al recentemente scomparso Luis Augusto ‘Pollito’ Velásquez (giovane karateka, venuto a mancare pochi giorni fa, n.d.r.)”

Durante un’intervista, Gianluca ci ha raccontato che ha iniziato a praticare questo sport grazie al suo amico Adrián López: “Un giorno il mio amico ha iniziato a dire i numeri in giapponese e non capivo nulla. Poi mi ha spiegato il motivo ed ho chiesto ai miei che volevo farlo anch’io. Quando avevo 4 anni sono andato per la prima volta sul tatami per il provino ed é stato amore a prima vista”.

Attualmente, l’italo-venezuelano si allena presso l’Organizzazione Seito karate do internacional dove ha come sensei David Pacheco e Maria Dimitrova. Mentre il primo sensei di questa giovane promessa é stato Carlos Febres.

“Ho iniziato a gareggiare quando avevo 7-8 anni e da quel momento non ho smesso di gareggiare. Mi piace tantissimo partecipare in competizioni”

La sua voglia di mettersi in mostra é tanta che durante la pandemia ha partecipato a diverse gare virtuali, più di 80. “L’anno scorso sono stato vicecampione nazionale e faccio parte della nazionale con la quale ho partecipato in due gare internazionali in cui ho vinto un bronzo nel Centroamericano e del Caribe e l’oro in Messico. Prima avevo partecipato a delle gare a Santo Domingo e Panamá”.  Greco, attualmente é al primo posto del ranking mondiale.

(di Fioravante De Simone / redazione Caracas)